Maratona di Atene conferma la sua unicità, Christoforos Merousis vince il classico appuntamento

 

5912“La Maratona di Atene. L’autentica ” affermata come unica nel suo genere, nonostante i problemi dalla crisi finanziaria in Grecia. Ha raggiunto un numero record di 16.000 corridori presenti sulla linea di partenza di questa gara classica che ha preso ispirazione della città costiera di Maratona da dove veniva lanciata l’apertura dei Giochi Olimpici dell’era moderna nel 1896. Era che ha segnato una risalita del 25% rispetto a un anno fa, mentre SEGAS, la Federazione Atletica greca, ha registrato un totale di 43.000 voci per questo corto circuito e gli eventi a distanza, tenutosi il giorno Sami.

Per la prima volta dal 2000 la Maratona di Atene ha un vincitore greco questo era in gran parte dovuto al fatto che gli Organizzatori non avevano incluso in campo elite internazionale per la 33a edizione della gara.

Christoforos Merousis entrò nel primo vantaggio i pochi chilometri dalla partenza nella città di Maratona. C’erano temperature calde, raggiunsero oltre 20 gradi ma Merousis corse verso il vecchio Stadio Olimpico di Atene per la vittoria, attraversando il traguardo con un tempo pari a 2:21:22. A seguire è arrivato secondo Dimitrios Theodorakakos in 2:27:03 e Dimosthenis Evangelidis terzo in 2:27:28.

La donna più veloce nella classica gara è stata la giapponese Minori Hayakari con 2:52:06. L’anno scorso ha fatto il suo debutto alla maratona ad Atene al nono posto con un tempo pari a 2:53:43. Due atlete greche hanno completato il podio femminile: Ourania Rebouli in 02:54:32 per il secondo e terzo posto a Magdalini Gazea in 2:55:35.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
ALLA SCOPERTA DELLA LUCCAMARATHON 2017
2 MESI ALLA MARATONA DI PISA: SCOPRIAMO I PROGETTI CHARITY
32^ Huawei Venicemarathon da record!
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE