Alimentazione antinfiammatoria

Come ben sappiamo la corsa è una attività molto allenante, i benefici dal punto di vista fisico e mentale si nota in poco tempo con un costante allenamento e corretta alimentazione, ma al tempo come ogni attività sportiva ha in sé aspetti positivi (tanti) e qualche aspetto negativo. Uno di questi è sicuramente la componente traumatica e infiammatoria della corsa sui nostri muscoli, tendini, articolazioni. Allora in questo articolo proverò a evidenziare del consigli sull’alimentazione e sull’integrazione che possa far migliorare quell’aspetto infiammatorio che tanto condiziona la nostra corsa .

ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA

Pesce e Omega3: sono indiscutibili gli effetti sulla salute mediante un alimentazione a base prevalente di pesce, e soprattutto quel pesce che abbia una alta quantità di omega3 , acidi grassi polinsaturi, come (EPA) eiconsapentaenico e (DHA) docosaesaenoico , due acidi grassi che compongono gli Omega3. Essi hanno notevoli proprietà di contrastare i fenomeni infiammatori del nostro organismo, e la corsa è una attività che crea notevoli infiammazioni. Inoltre come abbiamo visto in diverse occasioni permettono anche di “spazzare via” la parte dannoso dei nostri LDL (colesterolo cattivo), con notevoli benefici per il nostro organismo. Consiglio:  alimentarsi almeno per 4-5 giorni alla settimana con del pesce contenente notevoli quantità di Omega3, come Salmone, Tonno, Sgombro, Sardine, Crostacei. Preferibile cuocere il pesce al vapore per mantenere tutte le proprietà organolettiche e nutritive, altrimenti anche in padella facendo cuocere il pesce il giusto per non rovinare sapore e distruggere le sostanze importanti per la nostra salute. Preferire pesce fresco al pesce in scatola, in quanto ci potrebbe essere qualcuno di voi con intolleranza al nickel. Di seguito alcune quantità di Omega3 nei diversi pesci a nostra disposizione:

Contenuti di Omega-3 in pesce e crostacei (la quantità è in grammi rispetto ad una porzione da 100 grammi)

Salmone dell’Atlantico, di allevamento, cotto al forno/alla piastra 1.8

Acciuga europea, sott’olio, sgocciolata 1.7

Sardina del Pacifico, in salsa di pomodoro, sgocciolata, con lische 1.4

Aringa dell’Atlantico, in salamoia 1.2

Sgombro dell’Atlantico, cotto al forno/alla piastra 1.0

Trota arcobaleno, di allevamento, cotta al forno/alla piastra 1.0acciughe

Pescespada, cotto a secco 0.7

Tonno bianco, conservato in acqua, sgocciolato 0.7

Ippoglosso nero dell’Atlantico, cottO al forno/alla piastra 0.5

Pesci piatti (tipo sogliola, platessa), cotti al forno/alla piastra 0.4

Halibut del Pacifico e dell’Atlantico, cotto al forno/alla piastra 0.4

Aglefino, cotto al forno/alla piastra 0.2

Merluzzo dell’Atlantico, cotto al forno/alla piastra 0.1

Cozza blu, cotta al vapore 0.7 Ostrica orientale, selvatica, cotta al forno/alla piastra 0.5

Capasanta, di varie specie, cotta al forno/alla piastra 0.3

Vongole, di varie specie, cotte a vapore 0.2

Gamberetti, di varie specie, cotti a vapore 0.3

(Fonte: USDA Nutrient Database for Standard Reference)

Noci o frutta secca: sappiamo quanto siano importanti le proprietà salutistiche e antinfiammatorie della noci e frutta oleosa in genere. E’ vero che le Kcal apportate rispetto a una fonte carboidrati è maggiore, in quanto 1gr di apportano 9Kcal rispetto alle 4Kcal dei carboidrati, ma questa quota lipidica della frutta secca, di tipo oleoso, è ricca di grassi insaturi preziosi per il nostro organismo. Ad esempio c’è la presenza dell’acido alfa-linoleico della famiglia degli acidi grassi omega-3 che abbiamo menzionato pocanzi a riguardo del pesce, in grado di svolgere un’importante azione di controllo dei livelli dei trigliceridi, di prevenzione delle irregolarità del battito cardiaco, di miglioramento del tono dell’umore. Le proteine della frutta secca contengono un composto importante ai fini della prevenzione  delle nostre arterie, l’arginina.Inoltre nelle Noci e frutta secca in genere non bisogna dimenticare la presenza delle fibre alimentari e delle vitamine e Sali minerali. In primis la vitamina E con grande potete antiossidante in grado di contrastare l’effetto dei radicali liberi che vengono prodotti in eccesso durante attività fisica e per chi ha una vita iperattiva e stressante. Inoltre, c’è anche la presenza dell’Acido Folico che controlla la img_20092011155039_frutta_secca_gsconcentrazione nel sangue di fattori di rischio per la nostra salute. Il magnesio, fondamentale per molti processi metabolici , come trasmissione degli impulsi nervosi e muscolari per attivare la contrazione muscolare e quindi movimento. Consiglio:
Quindi un utilizzo giornaliero di frutta oleosa (noci, anacardi, mandorle) possa migliorare la nostra condizione fisica e quindi essere un potente alleato per la nostra corsa contro l’infiammazione, è possibile introdurla nella colazione insieme all0 yogurt , oppure con frutta fresca , o essere utilizzata nei primi piatti o anche nelle insalate miste. E’ preferibile prendere sempre quella con guscio e pulirle al momento.

Semi oleosi : sono indubbi anche le proprietà di numerose tipologie di semi presenti nella nostra alimentazione, da annoverare soprattutto i semi di lino, fonte eccezionale di Lignani (sostanze naturali indispensabili al nostro organismo per mantenere il cuore sano e migliorare il sistema immunitario, potenti anticancerogeni), e di acido alfa-linolenico, un acido grasso essenziale della famiglia degli omega-3 di cui ne abbiamo già parlato. Ma per farsi che questi Omega3 possano apportare le giuste dosi di salute al nostro organismo è anche opportuno limitare o eliminare assunzione di oli vegetali ricchi di omega6 (oli di semi di girasole e di mais) o grassi insaturi idrogenati (biscotti, crackers  , torte ).  I semi di lino possono essere assunsi anche come infuso per calmare le infiammazioni anche dell’apparato digerente e della pelle, oppure proprio sotto forma di olio di lino. Consiglio:  utilizzare questo alimenti nelle sue varianti per apportare le giusta dose di sostanze indispensabili alla nostra salute fisica e mentale, è possibile come abbiamo visto utilizzarlo in differenti modi, sotto forma di semi con assunzione di abbondante acqua, sotto forma di infuso per le vie interne , e sotto forma di olio come condimento.

Appuntamento alla prossima settimana con “INTEGRAZIONE ANTINFIAMMATORIA“.

Ignazio Antonacci

www.runningzen.net

logo runningzen con nome[34]

No Responses

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
SORRENTO-POSITANO COAST TO COAST 2017: SCOPRI LE PROMOZIONI PER LE SOCIETÀ
PISAMARATHON PER TUTTI: 42, 21, 14, 7 e 3 km
AGSM VERONAMARATHON 2017: LA BASILICA DI SAN ZENO SULLA MEDAGLIA
Abbigliamento Accessori Calzature
ASICS LANCIA IL ‘SODDISFATTI O RIMBORSATI’
NUOVA COLLEZIONE MIZUNO PER IL TRAIL
LA TECNOLOGIA VIBRAM AI PIEDI DEL BIANCO