Madeira: Italia d’oro, Baldaccini di bronzo

04 Luglio 2015

Gli azzurri conquistano il titolo europeo con la squadra maschile e l’argento con gli junior. Il team femminile ai piedi del podio.

L’Italia della corsa in montagna è di nuovo, ancora una volta, campione d’Europa. Oggi sabato 4 giugno nella XIV rassegna continentale di Porto Moniz, nell’isola portoghese di Madeira, gli azzurri hanno conquistato il titolo continentale con il team maschile festeggiando anche l’inaspettato, splendido bronzo di Alex Baldaccini. Sesto è il valdostano Xavier Chevrier, settimo il campione uscente Bernard Dematteis. La squadra femminile, falcidiata dalle assenze, è invece costretta ad abdicare (quarta) ma l’Italia festeggia un’altra medaglia a squadre, quella degli juniores secondi alle spalle della Turchia. Per l’Italia della corsa in montagna, che sempre oggi ai Campionati Mondiali di lunghe distanze di Zermatt (Svizzera) festeggia il titolo iridato di Tommaso Vaccina e della squadra maschile, e l’argento di quella femminile, è un sabato da ricordare.

UOMINI – Il team maschile è per tre quarti quello che nel 2013 monopolizzò le prime quattro posizioni della rassegna europea, e non si fa cogliere impreparato. Questa volta però gli onori delle cronache sono tutti per Alex Baldaccini, capace di issarsi fino a una medaglia di bronzo prevista solo dai più acuti. La gara è durissima, con una prima parte da scalatori duri e puri – e infatti emerge un norvegese – e la seconda velocissima, tanto da assomigliare più a un cross che a una gara di montagna.

juniorM_montagna_madeira2015

La Squadra Juniores Maschile

Il risultato è una classifica incerta fino all’ultimo, in cui il campione uscente Bernard Dematteis corre da protagonista, spalla a spalla con il norvegese JohanBugge per tre quarti di percorso (11,8km con un dislivello complessivo di oltre 1250 metri), pagando un conto salatissimo nel finale, quando affonda dalla seconda alla settima posizione. Vince proprio Bugge in 1h02:35, mentre Alex Baldaccini, settimo fino allo scollinamento, trova energie inattese per mettere la freccia e arrampicarsi fino al podio. Il 27enne così arriva vicinissimo all’argento, alla fine al collo dello svizzero David Schneider per soli sette secondi: 1h02:49 contro 1h02:56 dell’azzurro. E’ comunque grande festa, con il sesto posto di Xavier Chevrier (1h03:41) e il settimo del campione uscente Bernard Dematteis (1h03:51) e il 13° di Luca Cagnati (1h05:04) a suggellare un netto trionfo a squadre. Sul podio per team salgono anche i britannici (26) e gli svizzeri (27), nella classifica finale separati da un unico punto.

DONNE – La squadra femminile, falcidiata dalle assenze (infortuni, maternità, sostituzioni dell’ultimo minuto), e per niente aiutata da un percorso (7,900 chilometri con un dislivello di 850 metri) di salite impervie come in poche altre edizioni della rassegna, è costretta ad abdicare per la prima volta dopo anni di trionfi. La gara è come previsto un assolo della pluri campionessa iridata, l’austriaca Andrea Mayr, che scala – è il caso di dirlo – la cima con il tempo di 50:40, affibbiando alla seconda classificata, la norvegese Eli Anne Dvergsdal, un distacco di due minuti e mezzo (53:05).

Alice Gaggi

Il bronzo va alla britannica Emma Clayton (53:36), e la prima italiana al traguardo è l’iridata 2013 Alice Gaggi, che su pendenze di certo non adatte alle sue caratteristiche conclude in 55:46. Seguono Samanta Galassi quindicesima (56:42), Antonella Confortola che arriva 19esima e zoppicante per un problema muscolare accusato nella seconda parte (57:09) e Sara Bottarelli 28esima (59:01). L’oro finisce così nelle mani delle britanniche, che con 18 punti staccano le austriache ancora una volta a bocca asciutta (23). Bronzo alle francesi (38), quarte le azzurre con 44 punti.

JUNIORES UOMINI – Fra i migliori risultati che arrivano dal Portogallo c’è proprio il secondo posto degli azzurrini, che salgono ancora una volta sul podio dopo la vittoria dello scorso anno. Una prestazione se possibile ancora migliore di quella di una anno fa, grazie a una squadra compatta come non mai: Davide Magnini è quarto in 50:32, Francesco Agostini settimo in 51:58, Alberto Vender ottavo in 52:03 e il calabrese Marco Casuscelli 12° in 52:27. Nella scalata di Madeira (7,900 chilometri e un dislivello di 850 metri) vince ancora un norvegese, Stian Øvergaard Aarvik (48:17), l’unico capace di avere la meglio degli scatenati turchi che occupano il resto del podio con Abdullah Yorulmaz (49:03) e Mustafa Goksel (49:08), prendendosi l’oro a squadre con 15 punti, solo 4 di vantaggio sull’Italia vice campione continentale. Terzi sono i britannici con 25 punti.

JUNIORES DONNE – Rispetto all’ottavo posto del 2014 a Gap, le azzurrine in questa edizione salgono fino al quinto, dimostrando un buona crescita nella consistenza tecnica. La migliore, sui 4 chilometri e 400 metri di dislivello di Madeira, è Roberta Ciappini che arriva decima in 23:25, seguita da Francesca Franchi 14esima in 23:49. Più indietro Alessia Zecca, oggi solo 18esima in 24:02, con Irene Glarey 36esima in 27:31. A mettersi al collo l’oro è la tedesca Sarah Kistner in 21:26 davanti alla ceca Michaela Stranska e alla francese Elsa Racasan. Germania, Repubblica Ceca e Turchia per il podio a squadre.

a.c.s.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
CORRIPAVIA ‘Special Edition’: Quante novità per domenica
CONTINUA IL VIAGGIO DI ANNA VERSO LA HUAWEI VENICEMARATHON 2017: RAGGIUNTI I 30K
SORRENTO-POSITANO COAST TO COAST 2017: SCOPRI LE PROMOZIONI PER LE SOCIETÀ
Abbigliamento Accessori Calzature
NUOVE ADIDAS ULTRABOOST ALL TERRAIN: TRASFORMA L’AUTUNNO NEL TUO ELEMENTO
ASICS LANCIA IL ‘SODDISFATTI O RIMBORSATI’
NUOVA COLLEZIONE MIZUNO PER IL TRAIL