LA PAGELLA DELLA SETTIMANA: C’E’ UN RE MA NON LA REGINA

di Cesare Monetti

VOTO 10 – E a chi se non a Re Giorgio. Calcaterra di cognome, perchè non vi sia dubbio alcuno. 10 Sì. Come le sue vittorie consecutive al Passatore, 10 come la sua costanza, 10 come la sua educazione e umiltà, 10 come il suo essere personaggio solo grazie alle vittorie conquistate in una splendida carriera. 7h08’ per andare da Firenze a Faenza, seconda parte di gara in solitaria ad amministrare il vantaggio. Non il miglior tempo in assoluto della storia, ma quello non contava, i record vengono battuti, le vittorie rimangono. Manca una regina italiana. RE GIORGIO

VOTO 9 – A tutti i ‘Passatori’, oltre 1800 classificati nell’ultramaratona più famosa ed importante del mondo. Tra questi anche il ct del ciclismo Davide Cassani 78° in 9ore 28’. Siamo uno dei popoli più sedentari d’Europa se non del mondo eppure abbiamo il più forte ultramaratoneta ed uno degli eventi di maggior successo. Proprio strani noi italiani. Siamo ‘solo’ 30mila maratoneti ma più di 2000 capaci di correre una ultra da 100km. Italiani…popolo di santi, navigatori,poeti…e ultramaratoneti. STRANI MA UNICI

Giovanni Gualdi cortina dobbiaco runVOTO 8 – A Giovanni Gualdi che conquista un bel terzo posto in una Cortina-Dobbiaco Run da 30km lottando come un leone contro le gazzelle africane. Ha tentato di staccarle e stancarle nella salita iniziale di 14km sperando di trovare le gambe di questi atleti dalla pelle d’ebano almeno un po’ meno brillanti nella seconda parte di gara in discesa. Nulla di tutto questo, Simukeka ha vinto con 2 min di vantaggio sul precedente record del percorso, ma ‘Gio’ c’è e arriva terzo a soli 18” dal quello stesso primato della gara. TATTICO

VOTO 7 – A Valeria Straneo che in settimana ha annunciato che sarà al via della maratona ai mondiali di atletica di Pechino a fine agosto. Tenterà di difendere la medaglia d’argento conquistata a Mosca 2013, finalmente sembra essere risolto il tedioso problema al tendine che l’ha bloccata tutto inverno facendole saltare l’appuntamento con la maratona di Londra. Sarà l’unica donna italiana al via a Pechino, peccato che non vogliano essere presenti anche Anna Incerti, Deborah Toniolo e le altre azzurre. Pechino…prima tappa verso Rio 2016. FORZA VALE

VOTO 6 – Alla Nazionale di ultratrail  guidata da Enrico Vedilei impegnata sabato nel campionato mondiale ad Annecy. E’ una media tra un 7 che va alle ragazze che conquistano una importante medaglia di bronzo a squadre che fa tanto morale ed un 5 al team maschile che invece delude un po’. Servirebbe forse un più continuativo confronto a livello internazionale durante tutto l’anno, per capire realmente il valore degli avversari stranieri in quella splendida e difficilissima specialità che è l’ultratrail. SALVATA LA SPEDIZIONE

VOTO 5 – Alla pochezza con cui Gazzetta dello Sport celebra la vittoria di Calcaterra al Passatore. Poche righe in una breve, come se fosse un normale risultato di una normale gara. Invece è uno strepitoso successo ripetuto per 10 volte. 10 anni a grandi livelli. Mai un buco, mai un’assenza o un momento di debolezza. Ci voleva una intervista per far capire all’Italia che razza di campione guida un taxi a Roma – SUPERFICIALI

VOTO 4 – Allo smog, al traffico, alle tante auto e camper parcheggiati sulla salita al Passo della Colla e lungo la relativa salita o discesa successiva. Centinaia di inutili veicoli che rovinano la festa di una splendida gara unica al mondo. Gli organizzatori non fanno nulla per bloccare tutto questo, sicuri che se vietassero assistenza di questo tipo agli ultramaratoneti si iscriverebbero in 500 e non in 2.500. SENZA SPERANZA

VOTO 3 – Nessuna donna italiana di livello all’arrivo del Passatore. Abbiamo ‘Re Giorgio’ ma non una regina o almeno una principessa. La prima italiana, campionessa tricolore, è Emanuela Scilla Tonetti in 8ore 53′. Bravissima sia chiaro, mi chiedo se esiste qualche progetto in Fidal o alla Iuta per una scuola di ‘ultramaratona’ per far crescere una o un gruppo di ragazze. Certo fin quando questi eroi ultramaratoneti azzurri dovranno pagarsi dalle divise alle trasferte per qualche rassegna mondiale…Ma quando Calcaterra smetterà di vincere? Chi c’è dietro? SEDUTI SUGLI ALLORI

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Il 17 dicembre corri con Timing Data Service
E’ tutto pronto per l’11° Allenamento di Natale
Road to Reggio Emilia: i top runner al via della maratona
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre