CHI CORRE A SIVIGLIA SOGNA IL RECORD. E LE OLIMPIADI.

Ph. Juan Josè Ubeda
Zurich Marathon Sevilla Ph. Davide de la Rosa

Ph: David de la Rosa

Mancano ancora 8 mesi alla prossima Zurich Marathon de Sevilla (21 feebbraio 2016) e già si annuncia la prima novità. Insieme ai tanti top runner africani, a cercare la vittoria ci saranno i migliori maratoneti spagnoli, per vincere il titolo nazionale e soprattutto per qualificarsi direttamente alle Olimpiadi di Rio. E saranno molti gli europei e i sudamericani che sul tracciato di Siviglia cercheranno di raggiungere il tempo di qualificazione olimpica.

La Zurich Marathon de Sevilla assegnerà il titolo di Campione Spagnolo di Maratona principalmente grazie al suo tracciato incredibilmente veloce e piatto (il più piano in Europa), solo dieci metri di dislivello dalla partenza all’arrivo. Inoltre, Siviglia, nella regione spagnola dell’Andalusia, a febbraio pffre un clima perfetto oltre che una città unica per cultura, divertimenti, cucina e stile di vita. Nelle due edizioni passate la Zurich Maraton de Sevilla ha ottenuto il prestigioso riconoscimento di IAAF Bronze Label .

Circa 13,000 alteti saranno allineati alla partenza della Zurich Marathon de Sevilla a La Cartuja, pronti a questa sfida unica, attraverso i monumenti e le pittoresce strade principali della citta. Inoltre, questa è una delle maratone più convenienti e l’arrivo è posizionato sulla pista dello Stadio Olimpico che ha ospitato nel 1999 i Campionati del Mondo di Atletica. Questo tracciato urbano, piatto, veloce e nuovo offre la possibilità di migliorare il proprio personale in uno dei migliori contesti internazionali.

Lascia un commento

Freelifenergy
Ferro con Vitamina C Matt: ridurre la stanchezza e l’affaticamento è facile come bere un bicchiere d’acqua
Il recupero e la regola delle 4 R
Utilizzare la menta per combattere il caldo e migliorare la performance
#pastaparty
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!