EUROP ASSISTANCE RELAY MARATHON, CORRERE A MILANO IN TEAM, FACENDO ANCHE DEL BENE

Anche per questa edizione della SuisseGasMilano Marathon è stata confermata  la Europ Assistance Relay Marathon, corsa a staffetta aperta a team di quattro persone che, dopo aver sfiorato le 2.400 squadre nell’edizione 2014, affiancherà la maratona per il quinto anno consecutivo. Le iscrizioni sono aperte fino alla mezzanotte del 5 aprile sul sito ufficiale www.milanomarathon.it.

La staffetta non è solo una tra le tante iniziative collaterali della maratona organizzata da RCS Sport, ma è diventata da qualche anno un vero e proprio “evento nell’evento”, oltre che un utile strumento di coesione sociale. La Europ Assistance Relay Marathon si rivolge agli appassionati di corsa che, pur non avendo nelle gambe tutti i 42 chilometri e 195 metri della maratona, desiderano far parte attivamente di una grande manifestazione sportiva. La staffetta permette infatti di dividere tra quattro partecipanti la fatica della corsa in 4 frazioni omogenee (la lunghezza tratte per ciascun staffettista, quest’anno, sarà di circa 10 km), da percorrere in un tempo massimo di 5 ore e 30.

Chi decide di correre la staffetta può anche scegliere di iscriversi tramite un’organizzazione non profit, collegandosi al sito milanomarathon.it/charity_partners/ e accettando di sposare uno dei progetti di solidarietà proposti dalle 65 Onlus partner del programma.
In alternativa, è possibile iscrivere direttamente la propria squadra, senza passare dal canale Charity Program, sul portale http://milanomarathon.it/vogliamo-iscriverci/.

Come per la maratona, anche il percorso della staffetta è stato studiato ad hoc: i partecipanti avranno il privilegio di correre tra le più suggestive e storiche vie del capoluogo lombardo e, allo stesso tempo, saranno agevolati dal posizionamento delle zone cambio in prossimità delle fermate della linea rossa M1 della metropolitana (Porta Venezia, Pagano o Conciliazione, Lotto Fiera e Uruguay). In questo modo, terminata la propria frazione di corsa, i “relay runner” potranno raggiungere la zona di arrivo della staffetta in tutta comodità, per poter festeggiare con i compagni di squadra. Inoltre, grazie alla posizione dei nastri di partenza nella centralissima zona di Porta Venezia, anche chi abita fuori Milano non dovrà organizzarsi per pernottare in città dalla sera prima.

Tra le iniziative collegate alla Europ Assistance Relay Marathon si segnala anche il Corporate Program, che permette a ciascun componente di un team aziendale di correre una delle 4 frazioni della staffetta. Le aziende coinvolte possono inoltre attivare un’iniziativa di Corporate Social Responsibility per sostenere concretamente una causa sociale.
Un progetto interessante legato alle tematiche ambientali è lo “Switch and get back”: agli staffettisti viene richiesto di consegnare personalmente la propria sacca al deposito prima della corsa oppure di consegnarla direttamente al proprio compagno di squadra che correrà la frazione successiva, eliminando così le emissioni derivanti dall’utilizzo di mezzi di trasporto per la movimentazione delle sacche.

Divertente, solidale, sinergico, green: tutto questo è Europ Assistance Relay Marathon, un evento assolutamente da non perdere nel panorama sportivo italiano e internazionale.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Lahcen Mokraji, sospeso in via cautelare
Notte Blu e Pisa Marathon: le modifiche al traffico
Aperta la 19^ PisaMarathon
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre