TRA DUE MESI LA TRENTESIMA EDIZIONE DELLA SULTAN MARATHON DES SABLES

Marathon Des Sables

Ph. Sultan Marathon Des Sables

In poco più di due mesi nel lontano Sahara a sud del Marocco poco più di 1300 runner da 50 paesi prenderanno parte alla trentesima edizione della Sultan Marathon Des Sables, dal 3 al 13 aprile 2015.  Sei giorni di gara, in autonomia alimentare, 250km tra le dune combattendo con la sabbia, il calore e soprattutto i proprio limiti.

Negli ultimi tre decenni già 18.000 runner hanno partecipato a questa esperienza, che spesso è stata una tappa della vita da ricordare, perchè sicuramente la Maratohn Des Sables è molto più che una corsa, per uomini e donne che in mezzo al deserto si sono lasciati alle spalle tutto ciò che non è essenziale e si sono trovati a contatto con la loro vera essenza. Ognuno di essi partecipa con le sua storia alle spalle e le sue motivazioni, uniti nel rispetto dell’altro e dell’ambiente.

Per quanto riguarda l’aspetto più strettamente sportivo, quest’anno come non mai prima la line up degli atleti Elite promette una battaglia alla testa della corsa. La Sultan Marathon Des Sables rappresenta l’Africa e il Marocco in particolare nell’Ultra-Trail World Circuit, che raccoglie gli undici principali ultra trail del mondo, per questo attrae i nomi al vertice di questa discipila.

Al via ci sarà il francese François d’Haene, considerato uno dei migliori top trail runner del mondo grazie alla tripletta nel 2014 con l’ Ultra Trail du Mont-Blanc (20h11’44’’, 168km), l’ Ultra Trail Mount Fuji (19h09’13’’, 161km) e il Diagonale des Fous (164km, 24h25’02’’, 9,900m). Oltre a d’Haene ci saranno il connazionale Antoine Guillon (sempre con ottimi piazzamenti  Diagonale des Fous), il portoghese Carlos Sà, quarto nell’edizione del 2014, l’americano American Dave Mackey (ottavo alla Vibram Hong Kong 100), Briton Danny Kendall (quindi nell’edizione 2014) e  Xavi Teixido Marti-Ventosa, vincitore dell’ Ultra-Trail d’Andorre Ultra-Mitic (112km) l’anno scorso.

Questi nomi mettono in seria difficoltà la supremazia degli atleti di casa (17 vittorie marocchine nelle 18 passate edizioni). I marocchini Mohamad Ahansal (vincitore delle edizioni 1998, 2008, 2009, 2010, 2013), Rachid El Morabity (vincitore nel 2011 e 2014), Abdelkader El Mouaziz (primo alla Maratona di New York nel 2000 e settimo l’anno scorso alla sua prima partecipazione nel deserto) e infine il giorndano Salameh Al Aqra (vincitore nel 2012, secondo l’anno scorso), dovranno guardarsi le spalle e affidarsi alla loro innata conoscenza del deserto.

Anche tra le donne sarà una gara interessante, da battere Nikki Kimball. Le sue più strette rivali saranno Laurence Klein,  Meghan Hicks, vincitrice nel 2013 e Liza Howard, detentrice di diversi record in gare oltre i 100km.

Da segnalare il team dei “4 Dinosauri MDS”, che comprende Christian Ginter, che ha corso 27 delle 29 edizioni, Karim Mosta, l’italiano Paolo Zubani e François Cresci, con 26 participazioni ciascuno.

Lascia un commento

Freelifenergy
Lo sport è scienza con equipeenervit.com
I vantaggi della capillarizzazione nello sport
Corsa e metodo brucia grassi
#pastaparty
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video