IN 7000 ALLA CORSA DI MIGUEL

Si è svolta la 16^ edizione de La Corsa di Miguel, la corsa podistica organizzata dal Club Atletico Centrale per ricordare il poeta-maratoneta argentino Miguel Benancio Sanchez, uno degli oltre 30.000 desaparecidos. All’interno dello Stadio dei Marmi “Pietro Mennea” sono arrivati in 3941 (3069 uomini e 872 donne) alla prova competitiva, e 3200 alle due prove non competitive di 10 e 4 chilometri, per un totale di oltre 7000 partecipanti.

A dare il via della corsa dal piazzale della Farnesina è stata la sorella di Miguel, Elvira Sanchez, insieme all’Assessore allo Sport di Roma Capitale Paolo Masini, all’On. Laura Coccia, al presidente del Coni Giovanni Malagò (che poi ha corso la gara chiudendo in 1:05.11) e a quello dell’Uisp Nazionale Vincenzo Manco.

La cronaca della Gara

Come sempre è stata una gara di buon livello tecnico con diversi atleti dei Gruppi sportivi militari che hanno recitato il ruolo di protagonisti. Vincitore della prova maschile è stato il giovane atleta delle Fiamme Gialle Ahmed El Mazoury, che ha stabilito il nuovo record del tracciato chiudendo in 28:57, strappandolo a Andrea Lalli che nel 2012 chiuse in 29:01. In campo femminile successo per l’atleta del CS Esercito Laila Soufyane, che ha chiuso in 34:03, seconda migliore prestazione assoluta alla corsa di Miguel. Soufyane aveva già scritto il suo nome nell’albo d’oro nel 2010.

La gara maschile ha visto un gruppo di quattro atleti fare l’andatura per oltre metà gara, seguiti a ruota da altri sei atleti. Poi il giovane El Mazoury, in gran forma, ha staccato tutti facendo gara a sé fino a chiudere in 28:57, con più di un minuto di vantaggio su Riccardo Passeri (vincitore nel 2013 e secondo lo scorso anno) dell’Aeronautica Militare e Patrick Nasti (secondo lo scorso anno) delle Fiamme Gialle, rispettivamente secondo e terzo con lo stesso tempo, 30:08. “Correre a questo ritmo non è semplice – ha detto El Mazoury a fine gara – ma il percorso era eccellente per tirare e l’atmosfera giusta per provare a fare il tempo. Sono molto contento di aver stampato questa prestazione che mi dà fiducia per i prossimi impegni sulla mezza e sulla maratona che sto preparando”.

In campo femminile, invece, successo per Laila Soufyane che ha fatto gara a sé vincendo in 34:03. Secondo posto per Eleonora Bazzoni di RCF Roma Sud in 35:41, terzo per Paola Salvatori dell’US Roma 83 in 36:29.

“Sono partita subito con un ritmo allegro – ha detto l’atleta del CS Esercito – perché stavo bene e volevo provare a fare la gara da sola al comando. Ho tenuto bene anche perchè il percorso era perfetto, scorrevole al punto giusto per andare veloci”.

La Marcia: personal best per i due vincitori

La Corsa di Miguel fa bene alla marcia. Per il secondo diversi specialisti si sono cimentati insieme ai runners sul percorso di 10 chilometri, tutti con buoni riscontri cronometrici. Il vincitore della prova maschile, Marco de Luca, atleta delle Fiamme Gialle con due partecipazioni olimpiche, ha chiuso in 40:10, stabilendo il suo personal best che aveva siglato lo scorso anno sempre alla Corsa di Miguel in 40:36. Stessa performance per la vincitrice, l’atleta delle Fiamme Gialle Antonella Palmisano, che ha chiuso in 41:27 stabilendo il suo personal best.

Le Società più numerose

Per quanto riguarda la classifica per società, per il terzo anno consecutivo il podio è composto dai vincitori della Podistica Solidarietà, che ha portato al traguardo 402 atleti, poi il GS Bancari Romani con 282 arrivati e Lbm Sport con 207.

Il Presidente del Coni Malagò soccorre un atleta e poi chiude la gara

Oggi, il Presidente del Coni Giovanni Malagò è stato d’esempio per l’intero movimento sportivo. Dopo un lungo periodo di stop dalla corsa, dovuto ad un problema al ginocchio, oggi è voluto essere a tutti i costi alla partenza della 10 chilometri alla quale ha partecipato diverse volte negli anni passati. L’ha corsa con un tutore alla gamba portandola a termine, insieme al suo amico e consigliere dell’Aniene Marco Zilia, in 1:05.11. Al secondo chilometro, poi, Malagò ha dato dimostrazione del suo essere campione di sport a tutto tondo. Il giovane ragazzo della Guinea Abdoulaye Djibril Toure, profugo giunto in Italia dopo mesi di disperato cammino tra i deserti africani che oggi fa il mediatore culturale ad Arpino, partito in testa alla gara con il pettorale numero 1, ha avuto un piccolo malore e si è accasciato a terra. Malagò è stato il primo a soccorrerlo e per alcuni minuti è stato insieme a lui, aiutandolo, fin quando è arrivato il servizio sanitario per verificarne le condizioni. Poi ha ripreso la corsa e all’arrivo ha abbracciato la marciatrice Antonella Palmisano con la quale ha composto il numero 2024 (Malagò aveva il 24, l’atleta delle Fiamme Gialle il 20) in segno di buon auspicio della candidatura olimpica di Roma.

(Classifiche complete su www.tds-live.com)

Lascia un commento

Freelifenergy
Lo sport è scienza con equipeenervit.com
I vantaggi della capillarizzazione nello sport
Corsa e metodo brucia grassi
#pastaparty
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video