PROSPETTIVE PER IL 2015, TENDINITE: NIENTE LONDRA PER VALERIA STRANEO

Dopo un anno impegnativo, Valeria Straneo parla degli obiettivi per il 2015 appena iniziato:
“Il bilancio del 2014 è senz’altro positivo: mi sono concentrata, forse fin troppo, sugli Europei di Zurigo e quel giorno d’agosto ho disputato una gara al massimo delle mie possibilità, viste le difficoltà del percorso e la presenza di avversarie temibili. La medaglia d’argento finale mi ripaga comunque ampiamente della preparazione svolta fino a quel momento. Prima degli Europei, a fine marzo, avevo ottenuto una buona prestazione ai Mondiali di Mezza Maratona di Copenaghen (ottavo posto in 1h08:55), anche se, a dirla tutta mi aspettavo un risultato cronometrico migliore. Ho chiuso l’anno con la maratona di New York, corsa non al 100% della forma, a causa degli Europei disputati in estate, e che ho patito molto negli ultimi, infiniti, 12 km, anche per le difficili condizioni climatiche”.

Quali sono le aspettative per il 2015? : L’obiettivo principale è essere in buona salute e poi correre una maratona veloce. Avrei tanto voluto ottenere una buona prestazione cronometrica alla maratona di Londra ad aprile ma non sarà possibile a causa di una tendinopatia inserzionale degli ischiocrurali della gamba destra. La mia preparazione dopo New York si è dovuta arrestare per questo problema che spero di risolvere in fretta. Quindi tutto dipenderà da quando riuscirò a riprendere ad allenarmi. Ho sempre l’idea di correre una maratona veloce per cercare un risultato importante: la mia idea potrebbe essere quella di correre la maratona di Berlino. Non penso comunque  di partecipare ai Mondiali di atletica Pechino, ma data la situazione odierna che mi vede costretta a rinunciare a Londra, potrei anche riconsiderare i miei programmi”.

Un pensiero finale Valeria lo riserva a tutti quelli che l’hanno seguita in questo 2014 appena trascorso: “In primis la mia allenatrice Beatrice Brossa, i fisioterapisti Maurizio Odorizzi e Luigi di Filippo, gli osteopati Giorgia Consavella e Devis Zamburlin, il dietologo sportivo Nicola Sponsiello, Venuste Niyongabo e la Nike, il mio manager Marcello Magnani, Claudio Favaretto e la RunnerTeam 99, la Fidal. Un ringraziamento speciale anche al Resort “Poggio all’Agnello ” di Populonia che mi permette di allenarmi al meglio grazie alla gentilezza e disponibilità del suo team.”

La sua modestia non le consente di ricordare che in quest’anno, tra una gara e l’altra, ha anche trovato il tempo, con la collaborazione del giornalista Marco Tarozzi, di ripercorrere la sua storia in un libro dal titolo originale “Valeria fa “gli” Olimpiadi” (Minerva edizioni), quasi a sottolineare il suo modo confidenziale di interpretare il ruolo di campionessa sportiva e il coraggio nell’essere arrivata a certi risultati, dopo aver risolto i problemi fisici dovuti a una malattia congenita. Senza per questo dimenticare i suoi trascorsi di atleta amatoriale, che uniti a un’innata disponibilità d’animo, le hanno consentito di mantenere un rapporto molto stretto con i suoi tanti estimatori sparsi in ogni parte del mondo. Gli stessi che, siamo certi, continueranno a seguirla e sostenerla anche in questi prossimi mesi, ancora tutti da (per)correre.

Lascia un commento

Freelifenergy
Lo sport è scienza con equipeenervit.com
I vantaggi della capillarizzazione nello sport
Corsa e metodo brucia grassi
#pastaparty
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video