BROOKS PREMIATA CON L’ADURO 2

Luci puntata sulla Brooks Aduro 2 che dopo il successo della prima edizione è stata migliorata e ora è davvero unica. Per tanti motivi: in primis perché è una calzatura nata appositamente per il mercato europeo che ha esigenze e caratteristiche differenti rispetto a quello americano. Ma anche perché è sviluppata con una tecnologia avanzatissima già proposta sul modello Ghost di poche stagioni fa. La Brooks Aduro 2 non delude, si va a colpo sicuro, perfetta per tutti coloro che per la prima volta scelgono Brooks, per questo è stata premiata pochi mesi fa anche dalla rivista Runner’s World quale ‘Miglior Acquisto nella categoria Ammortizzanti/Neutre della Guida all’acquisto d’estate”. E’ dotata di mescola in BioMogo con sistema di ammortizzazione DNA™-Circular nel tallone e di una tomaia aperta in mesh con rinforzi in pelle sintetica e Drop di 12 millimetri, tomaia anteriore senza cuciture per maggiore comfort e tessuto collarino migliorato per maggiore comfort e minore rischio abrasioni sul tendine di Achille. Caratteristiche in genere usate nei modelli top di gamma. La Aduro2 di Brooks è consigliata a coloro che cercano una scarpa da allenamento neutra, non pesante, ben ammortizzata e di qualità a un prezzo interessante, perché questa è un’altra caratteristica, senz’altro positiva di questo modello. Tra gli atleti del Brooks Team le usa l’ultramaratoneta azzurro Marco D’Innocenti, più volte nella top ten della mitica 100km del Passatore e domenica scorsa 27° in 2h34’41” alla Firenze Marathon. Migliaia di chilometri ogni anno, un test più che valido per queste scarpe.

Brooks-Aduro2

Brooks Aduro 2

Lascia un commento

Freelifenergy
Utilizzare la menta per combattere il caldo e migliorare la performance
Come combattere il caldo e incrementare la prestazione negli sport di endurance
La Psicologia dello Sport e la teoria dei Marginal Gains
#pastaparty
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!