PRESENTATA LA “CORRI IN ROSA”, DOMENICA A TREVISO 2.500 DONNE DI CORSA CONTRO IL TUMORE AL SENO


Ph. Organizzazione

Quasi duemila e cinquecento. Tutte donne. Tutte insieme per la lotta contro il tumore al seno. È davvero un successo di solidarietà quello che prenderà corpo domenica 23 novembre a San Vendemiano (TV) per la prima edizione della Corri in rosa. Saranno 2.475 le donne che, alle 10 davanti al municipio, prenderanno il via per una corsa che è molto più di una corsa. Ideata da Valerie Delcourt, collaboratrice di Maratona di Treviso, la Corri in rosa è la prima corsa della provincia dedicata esclusivamente alle podiste con una finalità solidale “rosa”. Ben 5.850 euro, ricavato delle iscrizioni, sono stati infatti devoluti all’associazione Renzo e Pia Fiorot di San Fior, per la lotta contro il tumore al seno. Questa mattina la presentazione ufficiale dell’evento nel municipio di San Vendemiano.

Presenti Guido Dussin, sindaco di San Vendemiano (con l’assessore al sociale, Renzo Zanchetta), Valerie Delcourt, Aldo Zanetti, amministratore unico di Maratona di Treviso e Silvano Fiorot, presidente dell’associazione Fiorot.
Al vero e proprio appello lanciato da Valerie hanno risposto in tantissime. Ci saranno le atlete di rango, come le portacolori dell’Atletica Silca Conegliano, Laura Giordano, già fuoriclasse del duathlon e vincitrice di mezze maratone e maratone, la giovanissima Irene Vian, campionessa italiana juniores sugli 800, Anastasia Danchinova, nazionale russa specialista del mezzofondo che ha indossato la casacca dell’Atletica Industriali Conegliano a metà anni Novanta e Nadia Da Ros, già triathleta di Silca Ultralite, più volte campionessa italiana a squadre. In corsa anche la vittoriese Monia Capelli (Atletica Vittorio Veneto). Ma ci saranno anche, e soprattutto, podiste amatoriali, semplici camminatrici, mamme, amiche, zie, cugine, sorelle e figlie. Tutte accomunate dall’intento di percorrere i 5 o i 10 km (questi i due percorsi previsti) non per guardare chi arriverà prima, ma per dimostrare che le donne, quando si mettono insieme, possono fare grandi cose, al di là della proverbiale rivalità. Soprattutto se si parla di solidarietà. I primi tre gruppi più numerosi sono il Fuel to Run Asd con 242 iscritte, Sanvendemiano.tv con 149 e acCorrete Donne! con 113.
“Non credevo davvero che la Corri in rosa potesse ottenere un così grande successo – ha commentato Valerie Delcourt – certo, sapevo che il tema solidale scelto e motivo della corsa era forte ma non mi aspettavo una risposta così numerosa, visto che siamo alla prima edizione. Sono ovviamente contentissima di poter fare qualcosa per chi sta male, per chi soffre, per chi lotta contro un tumore al seno e non può correre con noi. È la prova che noi donne quando ci mettiamo insieme possiamo sfondare muri e ostacoli. Più siamo più forza abbiamo”.
Novità dell’ultima ora anche la presenza di uno stand dedicato al neurotape. Il dottor Franziskus Vendrame dell’Officina Posturale Kinesis di Conegliano, docente in formazione del Taping Neuromuscolare Institute per l’atletica e lo sport estremo, provvederà infatti all’applicazione gratuita, su un numero simbolico di partecipanti, del “cerotto” di cotone di colore rigorosamente fucsia. Per correre meglio. Sempre più lontano, sempre più solidali.
“Il mio più grande auspicio è che questa manifestazione partita in sordina, ipotizzando 500-800 persone e arrivata a 2500, venga ripetuta anche negli anni prossimi – ha affermato il sindaco di San Vendemiano, Guido Dussin – sport e solidarietà sono un connubio davvero forte e importante. Sono molto contento che San Vendemiano sia stata scelta come location di questo grande evento di solidarietà tutto rosa”. Come ha detto Silvano Fiorot presidente dell’Associazione Renzo e Pia Fiorot, “è il noi, lo stare insieme che ci fa vincere”. “Nemmeno io non mi aspettavo una risposta così importante – ha aggiunto Aldo Zanetti, amministratore unico di Maratona di Treviso – ma nella Corri in rosa troviamo tanta voglia di correre in gruppo e stare insieme all’area aperta e tanta voglia di essere solidali. Tutto al femminile”.
Le richieste di partecipazione pervenute a Maratona di Treviso sono state così tante da rendere necessaria l’anticipazione della chiusura delle iscrizioni di una settimana, al fine di poter assicurare a tutte la maglietta rosa griffata PaleXtra e di rimodulare, in base a questi numeri importanti, la logistica anche in zona partenza e arrivo. Il fornitore tecnico PaleXtra sarà presente domenica con uno stand per la vendita dei propri prodotti, il cui ricavato, al 40 %, sarà devoluto all’associazione Fiorot.
Il ritiro maglietta/pettorale/pacco gara potrà essere effettuato sabato 22 novembre, dalle 10 alle 12 e dalle 14.30 alle 17.30 e domenica 23 novembre dalle 8.30 alle 9.45 nello stabile della pista di pattinaggio, di fronte a Piazza San Marco (piazza del municipio). Solo ed esclusivamente per i gruppi la consegna è effettuabile previa richiesta scritta via email all’indirizzo iscrizioni@trevisomarathon.com, venerdì 21 novembre nella sede di Maratona di Treviso in Via Martiri delle Foibe 18/b a Conegliano (zona industriale Scomigo). 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Black Friday: occasione strepitosa Venicemarathon!
IO corro e MyMARATHON, i progetti running a misura di donna
Firenze Marathon con oltre 10mila al via. Tutte le info
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli