KIPCHOGE E JEPTOO CONQUISTANO CHICAGO

Eliud Kipchoge e Rita Jeptoo hanno illuminato con i loro splendidi successi la Bank of America Chicago Marathon.
di Diego Sampaolo

Nella gara maschile il Kenya ha monopolizzato il podio piazzando tre uomi ai primi tre posti. Kipchoge ha sfiorato il suo record personale di sei secondi vincendo in 2h04’11” con un allungo decimo al 40 km che gli ha permesso di battere i connazionali Dickson Chumba e Sammy Kitwara, che a loro volta sono scese sotto le 2h05 con 2h04’28 e 2h04’32”. Fuori dai primi tre l’attesissimo Kenenisa Bekele che ha ceduto al 31 km pur chiudendo la gara in un ottimo 2h05’53”, suo secondo tempo al di sotto delle 2h06’ sei mesi dopo il successo a Parigi in 2h05’03”.

Kipchoge, campione del mondo sui 5000 metri a Parigi 2003 davanti a Hicham El Guerrouj e Kenenisa Bekelem quando aveva 18 anni, si é confermato ancora una volta grande maratoneta. Dopo i successi di Amburgo in 2h05’00” e Rotterdam in 2h05’30” e il secondo posto a Berlino in 2h04’05” nella gara del record del mondo di Wilson Kipsang (2h03’23”) Kipchoge ha realizzato il suo secondo miglior tempo sotto le 2h05’

L’ex campione del mondo dei 5000 metri Eliud Kipchoge ha vinto la sua seconda maratona della carriera dopo il successo a Amburgo in 2h05’30 seguito da un prestigioso secondo posto a Berlino con il suo personale di 2h04’05” avvicinato di sei secondi nella gara di Chicago e dalla vittoria dello scorso Aprile a Rotterdam in 2h05’00”.

Kenenisa Bekele ha concluso la sua seconda maratona in 2h05’51” sei mesi dopo la vittoria a Parigi in 2’05’03”. Il tre volte campione olimpico e primatista del mondo dei 5000 e dei 10000 metri ha perso terreno al 31 km quando la gara è andata nel vivo.

Rita Jeptoo si è confermata regina della Maratona di Chicago vincendo per il secondo anno consecutivo nella Windy City in 2h24’35”. Grazie a questo successo e a quelli conseguiti a Chicago nel 2013 in 2h19’57” e a Boston in 2h18’57” Jeptoo ha conquistato la vittoria nel circuito delle World Marathon Majors per il biennio 2013-2014 intascando 500000 dollari. L’etiope Mare Dibaba si è piazzata seconda in 2h25’37” precedendo di 20 secondi la primatista mondiale della mezza maratona Florence Kiplagat. Quarta l’etiope Mare Dibaba in 2h27’02”, un solo secondo meglio rispetto alla statunitense Amy Hastings

Nella gara maschile il gruppo formato da Kipchoge, Bekele, Kitwara, Patrick Chumba, Tadesse Tola, Feysa Lelisa  Bernard Koech e Wesley Korir è transitato in 14’43”al 5 km, cinque seconi meglio rispetto al passaggio del record del percorso stabilito nella passata edizione da Dennis Kimetto

In una giornata soleggiata con una temperatura di 8°C ma ventosa Kipchoge, Bekele, Kitwara e Korir hanno preso la testa della gara con Tola, Koech e Lilesa appena dietro.

Dopo il passaggio alla mezza in 1h02’11 il gruppo di testa si è ridotto in seguito ad un’accelerazione violenta nella frazione di 5 km tra il 30 e il 35 km cronometrata in 14’34”. Sono rimasti in testa Kipchoge, Kitwara e Chumba mentre Bekele è scivolato indietro.

Kipchoge ha spinto sull’acceleratore ed è transitato in testa da solo in 2h03’08”. Tra il 35 e il 40 km Kipchoge ha piazzato un parziale tra il 35 e il 40 km in 29’07”. Kipchoge, atleta che ha corso in carriera i 5000 in 12’46” e  i 10000 metri in 26’49” sui 10000 metri, è stato cronometrato in 35’25” tra il 30 e il 42 km, una frazione davvero straordinaria solo quattro secondi più lenta rispetto al parziale di Dennis Kimetto nella maratona del record del mondo di Berlino. Nella seconda metà gara ha realizzato il negative split correndo più velocemente rispetto alla prima (parziale nella seconda metà gara in 1h02’00”.).

Da sottolineare anche l’ottimo 2h09’08” del diciannovenne eritreo Ghirmay Gebresilassie, che quest’anno ha vinto il Giro di Castelbuono battendo Eliud Kipchoge

“Mi sono divertito dal primo all’ultimo chilometro. Ho corso quattro maratone e penso di avere acquisito l’esperienza per correre su questa distanza”, ha dichiarato Kipchoge.

“Volevo correre in 2h03’. Sono deluso. Volevo correre molto più forte ma ci sarà un altro giorno per rifarmi. La prossima volta mi preparerò meglio per correre più forte”, ha detto Bekele

La gara femminile è iniziata con la fuga della statunitense Amy Hastings che nei primi chilometri ha preso un vantaggio di 15 secondi sul gruppo delle migliori formato da Rita Jeptoo, Florence Kiplagat, Mare e Birhane Dibaba e Gelete Burka. Le quattro inseguitrici hanno raggiunto la Hastings al 15 km. La gara si è fatta tattica. Jeptoo, le due Dibaba e Kiplagat sono passate in 1h12’35”, in ritardo di tre minuti rispetto alla tabella di marcia prefissata alla vigilia. Al 25 km Burka ha perso terreno. Sono rimaste in quattro: Jeptoo, Kiplagat e le due Dibaba (neanche lontane parenti).

Al 23 miglio Jeptoo ha piazzato l’allungo decisivo.

Rita Jeptoo ha bissato il successo della passata edizione tagliando il traguardo in 2h24’36” (dopo un passaggio alla mezza in 1h12’35”)davanti all’etiope Mare Dibaba (2h25’37”) e alla primatista mondiale della mezza maratona Florence Kiplagat (2h25’67). Grazie a questo successo e a quelli ottenuti sempre a Chicago nel 2013 e a Boston 2014 Jeptoo si è aggiudicata il successo nella classifica finale femminile delle World Marathon Majors. Jeptoo è la seconda donna capace di vincere due volte di fila la maratona di Chicago e quella di Boston in anni consecutivi.

“La gara non è stata facile a causa del vento negli ultimi 15 km “, ha dichaarato Rita Jeptoo

Il Kenya ha centrato per la quarta volta la doppietta vincendo sia la gara maschile che quella femminile nella stessa edizione.

Maratona di Einghoven:

L’etiope Tifahun Regassa si è imposto nella veloce maratona di Eindhoven in 2h06’21. E’ la seconda vittoria su quattro apparizioni sulla distanza della maratona per Regassa che vanta un successo a Rotterdam nel 2013. La gara si è decisa al 36 km quando Regassa ha piazzato l’allungo decisivo che le ha permesso di scavare un divario incolmabile nei confronti degli avversari.

Jonathan Mayo si è piazzato al secondo posto in 2h06’47” davanti a Alfers Lagat (2’07’10). Sesto posto per il primatista del mondo dei 10 e dei 15 km su strada Leonard Komon che al debutto in maratona non è andato oltre il tempo di 2h14’25”.

 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
No Preview
Marcialonga lancia un nuovo contest con Strava per battere ogni record, “Marcialonga Coop fast km”
Zacup 2018- Pasturo (LC) 16 settembre, unica data triplice valenza
Tortu e la lezione di vita per i runner: ‘La tosse non c’entra un cazzo’
Abbigliamento Accessori Calzature
FreeLifenergy e Sziols Sport Glasses, una partnership naturale
La terra è diventata più soffice grazie al sistema di ammortizzaizone DNA Loft delle nuove Ghost 11
MIZUNO PRESENTA LA NUOVA COLEZIONE TRAIL RUNNING.
#pastaparty
Cagliari Urban Trail, emozionante da vedere e da vivere
Maratona di Torino, un appuntamento imperdibile
Il 18 dicembre Pisa Marathon compie 20 anni