SFIDA STELLARE BEKELE – KIPCHOGE ALLA MARATONA DI CHICAGO

Si preannuncia un’altra grande Domenica di maratona quando andrà in scena la Bank of America Chicago Marathon. Sette uomini con un primato personale al di sotto delle 2h05’ cinque donne in grado di correre sotto le 2h25’ garantiscono una corsa di altissimo livello che, nelle intenzioni degli organizzatori, pptrebbe portare a grandissime prestazioni cronometriche.
di Diego Sampaolo

La gara maschile sarà incentrata sul grande duello tra il tre volte campione olimpico dei 5000 e dei 10000 metri di Atene e Pechino e attuale primatista mondiale delle due distanze Kenenisa Bekele e il campione mondiale dei 5000 metri di Parigi 2003 Eliud Kipchoge.

Bekele ha debuttato con successo in maratona correndo in 2h05’03” a Parigi lo scorso Aprile dopo una straordinaria carriera in pista e nei cross. Kipchoge ha debuttato in maratona nell’Aprile 2013 correndo in 2h05’30” a Amburgo. Nella sua seconda maratona il fuoriclasse keniano ha demolito il suo record personale correndo in 2h04’05” classificandosi secondo nella gara del record del mondo di Dennis Kimetto nel Settembre 2013. Kipchoge è uno dei tre campioni in grado di correre in carriera sotto i 12’50” sui 5000 metri, sotto i 26’50” sui 10000 metri e sotto le 2h05’ nella maratona. Dopo tanti duelli in pista e nel cross si sfideranno per la prima volta in una corsa su strada. Nei ventuno scontri diretti in pista sui 5000 e sui 10000 metri Bekele ha conquistato 16 successi contro i cinque del rivale keniano.

La rivalità risale ai Mondiali di Parigi 2003 quando Kipchoge vinse il suo primo titolo mondiale a 18 anni battendo Hicham El Guerrouj e e Bekele in un memorabile duello nella finale dei 5000 metri. L’anno successivo alle Olimpiadi di Atene Bekele fu sconfitto da El Guerrouj nella finale olimpica dei 5000 metri ma precedette Kipchoge nella lotta per la medaglia d’argento. Quattro anni dopo ai Giochi Olimpici di Pechino 2008 Bekele trionfò proprio davanti a Kipchoge.

La starting list presenta altri due atleti etiopi che vantano primati personali sotto le 2h05’. Si tratta di Tadese Tola (2h04’49) e Feysa Lilesa (personale di 2h04’52 stabilito proprio a Chicago). Quest’anno Tola si è piazzato secondo a Tokyo in 2h05’57” e ha vinto a Varsavia in 2h06’54”.

Un altro atleta da tenere d’occhio sarà Bernard Koech che ha corso la mezza maratona in un eccellente 58’41” alla Rock and Roll Half Marathon di San Diego. Koech ha realizzato il suo record personale di 2h04’53” a Dubai.

Un atleta che conosce bene il percorso di Chicago è Sammy Kitwara che lo scorso anno fermò il cronometro in 2h05’16” nella sua seconda apparizione nella maratona della Windy City.

Un altro pretendente ad un piazzamento tra i primi tre è Dickson Chumba che ha vinto l’ultima maratona di Tokyo in 2h05’42”.

Le aspettative di grandi prestazioni cronometriche sono riposte anche sulla gara femminile che nel corso della storia ha regalato due dei quattro record del mondiali battuti a Chicago (Catherine Ndereba 2h18’47 nel 2001 e Paula Radcliffe 2h17’18” nel 2002).

Il cast di quest’anno presenta tre donne in grado di avvicinare il record del percorso della Radcliffe. Si tratta di Rita Jeptoo, vincitrice della passata edizione in 2h19’57” e dell’ultima maratona di Boston in 2h18’57”, di Florence Kiplagat, primatista del mondo della mezza maratona con 1h05’12”, vincitrice alla maratona di Berlino in 2h19’44” nel 2011 e seconda a Londra lo scorso Aprile in 2h20’24” e Jemima Sumgong, vera rivelazione della passata edizione della maratona di Chicago quando migliorò il suo record personale con 2h20’27” finendo seconda alle spalle della Jeptoo. In carriera Sumgong vanta un successo alla maratona di Rotterdam del 2013 in 2h23’27. Un’altra serie pretendente al podio è l’etiope Mare Dibaba che in questa stagione ha vinto la maratona di Xiamen in 2h21’36”. Dibaba ha realizzato il suo record personale di 2h19’52” a Dubai nel 2012.

 

Lascia un commento

Freelifenergy
Utilizzare la menta per combattere il caldo e migliorare la performance
Come combattere il caldo e incrementare la prestazione negli sport di endurance
La Psicologia dello Sport e la teoria dei Marginal Gains
#pastaparty
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!
Come alimentarsi durante la preparazione ad un evento sportivo
Il video della Milano Marathon: riviviamo le emozioni in 1 minuto