DOMENICA 12 LA 27^ MARATONA D’ITALIA

Nella sua lunga storia di quasi tre decenni, domenica 12 ottobre si correrà la 27 ° Maratona d’Italia. Ed è proprio una bella storia che da 14 anni questa unisce Maranello a Carpi che è cominciata in una soleggiata domenica di ottobre del 1999. Come da tradizione si toccheranno i comuni di Formigine, Modena, con attraversamento del cortile d’onore dell’Accademia Militare ( 19 ° k.m. ), metà gara all’altezza del Parco Ferrari e poi attraverso la strada Romana si passa per Soliera Castello Campori ( k.m. 33.700) e dopo altri 9 k.m. il tanto atteso arrivo in Piazza Martiri a Carpi .

Si riparte dalla netta e prima vittoria marocchina della storia firmata Jilali Jamali. Scorrendo la start list della gara da seguire saranno l’avvocato parmense, Pietro Cabassi che a Carpi 3 anni fa corse in 2.30.34 , allenato da Maria Guida , che ancora detiene il primato della gara femminile ( 2.25.57.) Lui ha le carte in regola per far bene, visto che vanta anche la vittoria nel 2011 alla maratona di Ferrara. In grado di far bene ci sono pure il lombardo Stefano Ripamonti, il reggiano Enrico Rivi, come il modenese Luca Gozzoli , il migliore nel 2013 ( 18°) in 2.47.00 . Tra i carpigiani si farà notare Carlo Gabbi , punto di forza della centenaria La Patria .Festeggierà 83 primavere e vorra’ unire longevità e carattere Tony Caponetto, già primatista europeo sulla distanza 3 anni fa a Reggio Emilia . Tra i fedelissmi, le ha corse tutte , spicca Emilio Borghi, il maratoneta spilambertese, da Treia(Mc) gradito ritorno dell’ ultramaratoneta Ulderico Lambertucci, autore di imprese audaci ed incredibili . Nella gara rosa un nome su tutte , quello della slovena di Sempeter , a due passi da Nova Gorica , Alexandra Fortin, che vanta un p.p. di 2.48.35 siglato a Francoforte , abile a vincere per due volte la vicina maratona di Crevalcore (Bo) Capaci di fare un buon tempo anche la fanese Marzia Ottaviani , la bolognese Monica Barchetti e l’ esordiente modenese , precisamente di Lama Mocogno Erika Guigli.
Sarà presente pure Francesco Gallo, il prete con l’hobby della maratona. Don Francesco è un sacerdote che nella corsa trova il suo passatempo preferito. Superate le 60 primavere non ha perso la voglia e la passione per coniugare la responsabilità di due parrocchie ad Este , nel Padovano ed il tempo per allenarsi almeno 3 volte alla settimana . Fece benissimo proprio sulle nostre strade , correva l’ottobre 1991 quando siglò il suo miglior risultato. 3. 18.32.
Non ci sarà soltanto lui a rappresentare il mondo religioso che corre, in gara e per di più al debutto Don Luca Baraldi , parroco della Comunità di S. Giuseppe Artigiano di Carpi, vestirà i colori della Maratona d’Italia e avrà come tutor l’evergreen Antonino Caponetto, quest’ultimo ha avuto il doppio ruolo ,in questo periodo di allenatore/ motivatore . Don Luca si sente pronto ma accusa il peso di correre la maratona davanti alla sua gente e non la vuole deludere.
Il mondiale della k.m. 100 , si corre tra 40 giorni, vuole arrivarci al meglio, stiamo parlando del maratoneta veneziano Marco Boffo, un buon passato da tennista , ma da un a decina d’anni è la corsa il suo pane quotidiano . Vanta il trentanovenne veneto , compagno nella vita della maratoneta trentina Monica Carlin, un primato personale di 2. 27.28, il migliore dei partenti. Quest’anno ha corso e vinto la Maratona delle Terre Verdiane in 2.34.49, e domenica scorsa ha chiuso all’Arena di Verona al 2° posto l’appuntamento scaligero in 2.36.21. Al suo attivo 40 maratone , nel 2013 1° alla Maratona del Vino, 4 ° in quella del lago di Garda e 12° a quella di Venezia. Approda alla partenza di Maranello carico di chilometri percorsi ma voglioso di tornare a vincere in questa regione.
Sale l’attesa anche per la gara riservata ai diversamente abili, partiamo da quella femminile che
propone ai nastri di partenza l’intero podio del 2013 ,
Capitanata dalla rossa volante Francesca Porcellato, primatista italiana di maratona che cerca la
terza vittoria sulle strade modenesi . Accompagnata dal marito Dino Farinazzo suo primo tifoso .
Stella dello sport mondiale in virtù delle tante medaglie conquistate tra giochi estivi ed invernali
Oltre 100 maratone corse la più veloce a Padova nel 2005 in 1.38.29. Ha trionfato quattro volte
a Londra, per non dimenticare NewYork , Parigi , Roma, Venezia Torino e Milano. Occhi puntati
su Rita Cuccuru , la portacolori della Sommese , sarda di origine ma residente a Maranello ,
quest’an no regina nel triathlon mondiale per atleti diversamente abili , vuole vincere per la terza
volta, dopo i successi del 2011/2012.
Ma la più vittoriosa sulle strade della maratona è senz’altro la croata di Pola Mirjiana Ruznjak
con ben 5 primati e 3 secondi posti .
Reduce dal Giro d’italia per diversamente abili , ultima tappa , due settimane fa sul lago di Lugano
è la modenese di Cavezzo, Monica Borelli , già vincitrice della rassegna a tappe l’anno scorso .
Anche nella prova diversamente abili maschili i protagonisti del 2013 ci riproveranno con il trio
Giordano Tomasoni, Mirco Bressanelli e Nicola De marchi che occupò in quest’ordine il podio.
Ma le luci della ribalta saranno puntate sul 48enne trevigiano Biagio di Callalta oro
paraolimpico sulla maratona ad Atene 2004.
Al suo attivo ben 6 Paraolimpiadi, Seoul, Barcellona, Atlanta, Sydney , Atene e Londra, In 6
edizioni dei Giochi ha conquistato 7 ori, 4 Argenti, e 3 bronzi , ed il Coni lo ha nominato atleta
diversamente abile del secolo.
La partenza della gara è fissata per le ore 9.20 per gli skaters, ore 9.25 per i diversamente abili.
Mentre i 2100 podisti lasceranno la linea di partenza alle 9.30

Lascia un commento

Freelifenergy
Lo sport è scienza con equipeenervit.com
I vantaggi della capillarizzazione nello sport
Corsa e metodo brucia grassi
#pastaparty
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video