VERONAMARATHON: IN PIAZZA BRA PASSA PRIMO ALEX CHEPKWIK SAEKWO, TRA LE DONNE A SOPRESA VINCE ERIKA BAGATIN

Il vincitore al traguardo. Ph. Organizzazione
E’ stata grande festa in piazza Bra ieri in occasione della 13aVeronamarathon organizzato da Asd Gaac 2007 e Veronamarathon Eventi in collaborazione con il Comune di Verona. Più di 8mila persone al via nella somma delle tre competizioni in programma: maratona, Cangrande Half Marathon e Last 10 Solidale.

Come da pronostico si aggiudica la gara da 42,195km il keniano Alex Chepkwik Saekwo capace di tagliare il traguardo in 2h14’12”, crono che gli permette di limare il suo primato personale di soli 3”. Ha corso forte, fortissimo in particolare negli ultimi 12km seppur costretto ad una corsa in solitaria dopo che il connazionale Robert Ndiwa ha finito il suo compito previsto di lepre. Dietro a Saekwo con 2h36’21” si è piazzato l’azzurro di ultramaratona Marco Boffo (Gs Valsugana Trentino), mentre terzo gradino del podio per Massimiliano Bodganich(Calcestruzzi Corradini) in 2h37’50”.


“Un’emozionante gara, tantissima gente sul percorso e qui in piazza Bra a riceverci una grande festa. Questa Veronamarathon ha un grande futuro – le parole sul traguardo del primo italiano Boffo -. Ora per me ancora una maratona settimana prossima e poi un’altra a fine mese. Tappe fondamentali per la mia preparazione verso il Mondiale della 100km che si terrà a Doha il 21 novembre”.

Nella gara femminile successo a sorpresa in 2h50’32” di Erika Bagatin(Atl. Gr. Santarossa Brugnera): “Sono più di due anni che non correvo questa distanza – ammette la vincitrice – perché ho fatto distanze più brevi ed in pista come master. Sono davvero emozionata. Tagliare il traguardo qui davanti all’Arena in questa meravigliosa Verona è un’emozione unica. Una tappa fondamentale per fare bene la New York marathon”. 2h59’19” è il tempo impiegato dalla favorita della vigilia Marjia Vrajik giunta al secondo posto. Per l’ultramaratoneta nazionale croata non è stata la miglior giornata della sua carriera che l’ha vista anche trionfare in maggio alla 100km del Passatore: “Volevo arrivare al traguardo in 2h50’ ma non sono stata molto bene in questi ultimi giorni. Sto preparando anche io i mondiali di ultramaratona 100km di Novembre. Tornerò di sicuro nel 2015, ho un conto in sospeso con questa splendida Veronamarathon”. Terzo posto per la polacca Katarzyna Kuzminska (Atl. Canavesana) in 2h59’26”.
 Più di 1600 i partenti alla prima edizione della half marathon che gli organizzatori hanno voluto affiancare alla maratona. E’ stato un successo di partecipazione. A iscrivere il primo nome nell’albo d’oro dei vincitori è stato Massimo Mei (Atl. Castello) che ha corso in solitaria in 1h08’33” non lontano dal suo primato personale. Splendida la gara femminile che ha visto la sfida fin dai primi metri tra la campionessa italiana di maratona Claudia Gelsomino (Atl. Palzola) e Sonia Lopes Conceicao (Atl. Brugnera). La capoverdiana Lopes è partita forte ma non è riuscita a staccare una combattente Gelsomino che nei chilometri finali è riuscita addirittura ad incrementare il ritmo per andare a vincere in un bagno di folla sul Liston. Prima dunque Claudia Gelsomino in 1h20’16”, seconda Conceisao Lopes in 1h21’13” mentre terza è Martina Dogana  (Pol. Valdagno), già campionessa italiana 2014 di triathlon distanza 70.3, in 1h23’43” . “Splendida questa Cangrande Half Marathon, avevo voglia di correre forte e ci sono riuscita – ammette la Gelsomino – è stato davvero un gran bel test per capire il mio stato di forma per continuare la preparazione verso la New York Marathon. Certo che ora mi è anche venuta voglia di correre la Giulietta&Romeo Half Marathon del 15 Febbraio 2015. Farò di tutto per esserci”.

Oltre alle competitive si è corsa la Last10: famiglie, bambini, passeggini e tanta voglia di esserci e divertirsi. Con qualsiasi passo, correndo o camminando, l’importante era prendere il via della Last 10 Solidale che è stato un trionfo con oltre 5mila persone iscritte e le relative donazioni per le 14 Organizzazioni No profit. Onp che hanno visto in questa Last 10 un’occasione speciale di visibilità pubblica e la possibilità di raccogliere fondi per finanziare i loro specifici progetti solidali.
 Grandi i numeri dei runner: 949 gli arrivati nella Veronamarathon, l’ultima per la cronaca è stata Giovanna Gavazzeni in 5h58’16”, quasi sullo scadere del tempo limite delle 6 ore. Nella Cangrande Half Marathon ben 1453 gli arrivati ufficiali. Ultima, comunque applauditissima, la ultra ottantenne Lucia Zanco in 3h40’27”.
Si chiude così una splendida edizione della Veronamarathon che ha vissuto nel centro storico della città tre giorni davvero intensi con l’Expo in collaborazione con Confesercenti. L’appuntamento con la corsa per le strade scaligere è per il 15 Febbraio 2015 con la Giulietta&Romeo Half Marathon.

Lascia un commento

Freelifenergy
Utilizzare la menta per combattere il caldo e migliorare la performance
Come combattere il caldo e incrementare la prestazione negli sport di endurance
La Psicologia dello Sport e la teoria dei Marginal Gains
#pastaparty
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!
Come alimentarsi durante la preparazione ad un evento sportivo
Il video della Milano Marathon: riviviamo le emozioni in 1 minuto