VERONA SARA’ ANCORA LA LOCATION ITALIANA PER LA WINGS FOR LIFE WORLD RUN.

Ph. Organizzazione
Quello che è considerato uno degli eventi di running più suggestivi, divertenti e competitivi al mondo tornerà per il secondo anno consecutivo. I partecipanti si riuniranno il 3 maggio 2015, in più di 35 diverse location dislocate nei 6 continenti, per il via in simultanea di Wings for Life World Run alle ore 11.00 UTC. Quest’anno la location italiana si riconferma Verona, dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO per le sue bellezze artistiche, con partenza fissata alle ore 13.00 locali.
La lista completa delle location e dei Paesi è disponibile su www.wingsforlifeworldrun.com/locations. Wings for Life World Run è aperta ai runner di qualsiasi livello, non importa se si allenano da anni o se hanno appena cominciato. Runner e partecipanti sulla sedia a rotelle gareggeranno fianco a fianco in questa seconda edizione.

Nel 2014, anno della sua inaugurazione, hanno partecipato alla gara oltre 35.000 persone: un clamoroso successo mondiale. Riunire decine di migliaia di persone in una corsa globale però non è abbastanza e la Wings for Life World Run ha fatto un passo ulteriore per rendere l’evento ancora più innovativo: trenta minuti dopo la partenza, una “catcher car” si lancia all’inseguimento dei runner. La “catcher car” è un vero e proprio traguardo mobile, che all’inizio procede a velocità moderata e poi viene progressivamente aumentata in momenti predeterminati. Equipaggiata con sensori elettronici, registra gli atleti superati grazie al chip in dotazione, fino ad arrivare all’ultima persona in gara. L’ultimo atleta al mondo ad essere superato viene incoronato campione assoluto.
Cosa rende la lotta per la vittoria così speciale? Atleti che gareggiano in Paesi o continenti diversi potrebbero lottare per il titolo globale, ma non potranno saperlo fino a quando la “catcher car” li supera ponendo fine alla loro corsa.
Nel 2014, dopo cinque ore di gara, erano rimasti solo tre atleti. Alla fine sono stati solo novanta i metri a separare il campione globale, che gareggiava in Austria, dal suo inseguitore in Perù.
Ma Wings for Life World Run è stata creata per supportare la Fondazione no profit Wings for Life, che finanzia progetti di ricerca sulle lesioni al midollo spinale in tutto il mondo. Il 100% del ricavato della corsa e delle sponsorizzazioni viene devoluto alla ricerca. L’amministratore delegato di Wings for Life, Anita Gerhardter, ha dichiarato: “ Wings for Life World Run 2014 è stato un fantastico evento sportivo globale. Speriamo che ancora più persone partecipino a questa seconda edizione così da raccogliere ancora più fondi a sostegno della ricerca
Nel 2014 sono stati raccolti più di € 3.000.000. Colin Jackson, uno dei migliori ostacolisti al mondo tra gli anni Novanta e Duemila e International Sports Director dell’evento, ha dichiarato: “Una lesione al midollo spinale può accadere a chiunque. A tutti può capitare una brutta caduta o un terribile incidente che cambia la vita. Al momento però non ci sono abbastanza investimenti nella ricerca. Dobbiamo raccogliere fondi per poter riunire i migliori scienziati e ricercatori in grado di cambiare la vita a migliaia di persone”.
Molte personalità dello sport e celebrità da tutto il mondo hanno partecipato sia come ambasciatori che come atleti, come l’ultra runner austriaco Christian Schiester, il campione europeo dell’Ironman Camilla Pedersen, la leggenda dello sci Luc Alphand, la modella e presentatrice cilena Javiera Acevedo, il campione olimpico Aksel Svindal, il pilota di Formula 1 Mark Webber e l’ex pilota David Coulthard.
In Italia ha partecipato in qualità di ambassador Giorgio Calcaterra, campione 100 km Ultramaratona,
che ha vinto la tappa italiana della prima edizione della Wings for Life World Run correndo 72, 96 km. Accanto a lui, per sostenere la Fondazione Wings for Life in veste di ambassador italiani, anche Giovanni Storti e Fiammetta Cicogna.
Il sito ufficiale Wings for Life World Run dove trovare tutte le info e per iscriversi: www.wingsforlifeworldrun.co

Lascia un commento

Freelifenergy
Utilizzare la menta per combattere il caldo e migliorare la performance
Come combattere il caldo e incrementare la prestazione negli sport di endurance
La Psicologia dello Sport e la teoria dei Marginal Gains
#pastaparty
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!
Come alimentarsi durante la preparazione ad un evento sportivo
Il video della Milano Marathon: riviviamo le emozioni in 1 minuto