PRIMA GIORNATA DEI SOCIETARI: DEL BUONO CHIUDE IN BELLEZZA LA STAGIONE

Federica Del Buono è stata la protagonista indiscussa della prima giornata della Finale Oro dei  Campionati Italiani di Società all’Arena di Milano. La vicentina, splendida quinta agli Europei di Zurigo, ha vinto dominando dal primo all’ultimo metro nella passarella finale chiudendo con 13 secondi di vantaggio su Giulia Aprile in un un buon 4’12”70. La figlia d’arte, che ha gareggiato per  l’Atletica Vicentina, sua società di provenienza, ha ricevuto il premio dedicato allo storico Direttore della Gazzetta dello Sport Candidò Cannavo, riconoscimento che viene assegnato dalla Bracco Atletica ad un atleta che si è distinto per i suoi valori sportivi e umani. Del Buono inserisce il suo nome alla lista di personalità dell’atletica che hanno viinto questo premio in passato come Sebastian Coe,Antonietta Di Martino e Yelena Isinbayeva.
di Diego Sampaolo

Marzia Caravelli ha fatto la stakanovista vincendo prima i 100 ostacoli in 13”68 con vento contrario (-1.6 m/s) e meno di mezz’ora dopo i 100 metri viene battuta di un centesimo di secondo da Audrey Alloh (sua compagna di nazionale nella staffetta quarta agli ultimi Europei di Zurigo) che si aggiudica la gara in 11″82

Partendo dall’ottava corsia il giovane velocista dell’Atletica Riccardi Milano Giovanni Galbieri ha conquistato il successo sui 100 metri maschili in 10”51 con vento contrario di -1.3 m/s precedendo di nove centesimi di secondo Massimiliano Ferraro dell’Enterprise Sport and Service e il campione italiano juniores Luca Antono Cassano della Firenze Marathon (10”79). Il vice campione europeo indoor di Torino 2009 e semifinalista degli Europei di Zurigo Fabio Cerutti non è andato oltre il quinto posto in 10”86.

Paolo Dal Molin (Athletic Club 96) si è aggiudicato i 110 ostacoli in 14”10 con vento contrario di -1.5 m/s.

Maria Benedicta Chicbolu, azzurra della 4×400 a Zurigo recentemente portatasi a 52”79 sui 400 al meeting di Rieti, ha dominato sul giro di pista in 53”75 battendo nettamente la bergamasca Marta Milanii (54”28) e Maria Enrica Spacca (54”81). Sui 400 maschili Francesco Cappellin dell’Assindustria Padova ha beffato nei metri finali il favorito Isalbet Juarez in 47”69

Grande prova di Roberto Bertolini della Cento Torri Pavia che ha realizzato la seconda migliore prestazione della sua carriera nel giavellotto con 77.23m a 87 cm dal suo primato personale di 78.10. Con questa misura si migliora di otto centimetri rispetto al suo personale stagionale. Bertolini é secondo nelle graduatorie italiane dell’anno alle spalle di Norbert Bonvecchio (80.37 a Braunschweig). 

Ottavia Cestonaro, campionessa europea juniores del salto triplo a Rieti, ha vinto il duello con Maria Moro per cinque centimetri con un salto da 13.22 in una gara decisa tutta all’ultimo tentativo.

Daniele Cavazzani, secondo agli Assoluti di Roverteo con 16.52, vola ancora oltre i 16 metri nel triplo maschile aggiudicandosi la prova con 16.16 battendo un ritrovato Andrea Chiari che ha portato punti preziosi alla Riccardi con 16.96. 

Stefano Massimi della Riccardi Milano ha vinto in volata i 1500 metri in 3’56”23 sul reatino Mohad Abdikadar (3’57”11. Hosea Kisorio della Virtus Lucca ha vinto il duello tutto africano su Josphat Koech (E Servizi Fura Roma) in 8’41”87. Veronica Paterlini si è imposta nei 3000 siepi in 10’36”86.

Micaela Mariani, allieva del grande Nicola Vizzoni, ha aperto la prima giornata con il facile successo nel lancio del martello con 61.33  al terzo tentativo. Federico Apolloni ha conquistato il primo posto nel lancio del disco con 57.45 (con un secondo miglior lancio di 57.03),

Serena Capponcelli è stata l’unica a superare la quota di 1.82 al primo tentativo nel salto in alto precedendo la vice campionessa dei mondiali allievi di Donetsk Erika Furlani (1.79).  

La Riccardi mantiene viva la ricca tradizione vincendo la 4×100 che ha concluso la prima giornata in 40″44 con un quartetto eccellente formato da due azzurri degli Europei di Zurigo Fabio Cerutti e Diego Marani oltre ai due azzurri della 4×100 degli Europei Under 23 Giacomo Tortu e Giovanni Galbieri. 

La Cariri Rieti con una formazione composta da Nicolina Alimari, Giulia Latini, Giulia Arcioni e Jessica Paoletta ha realizzato il migliore tempo di 46″51 nella prima serie facendo meglio dell’Acsi Italia Roma, squadra vincitrice della seconda serie in47″02

Francesco Fortunato si é aggiudicato la marcia 10 km in 42’05″96 davanti a Teodorico Caporaso (44’07″15). Sibilla Di Vincenzo della Bracco Atletica Milano ha preceduto la bergamasca Federica Curiazzi (azzurra a Zurigo) nella 5 km di marcia in 23’01″09

La Riccardi, che si é laureata società campione d’Italia nel 2009, 2011 e 2012, guida dopo la prima giorna ta con 62 punti davanti all’Enterprise Port and Service (52 punti) e alla Firenze Marathon (42 punti). Le toscane del Cus Pisa Atletica Cascina conducono con due lunghezze di vantaggio sulle milanesi della Bracco Atletica (52 punti a 50). L’ACSI Italia Roma é terza con 49.5 punti. 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Il 17 dicembre corri con Timing Data Service
E’ tutto pronto per l’11° Allenamento di Natale
Road to Reggio Emilia: i top runner al via della maratona
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre