DIAMOND LEAGUE A BIRMINGHAM: BARSHIM BATTE BONDARENKO A 2.38

Barshim batte Bondarenko
a Birmingham (Fonte Fidal/Colombo)
Ancora una volta la sfida del salto in alto tra il campione mondiale e europeo Bohdan Bondarenko e il campione del mondo indoor Mutaz Barshim è stata la gara copertina della tappa della Diamond League di Birmingham.
di Diego Sampaolo

 
Entrambi hanno superato l’asticella a 2.38 al terzo tentativo ma il primatista asiatico l’ha spuntata per un numero minore di errori alle misure precedenti avendo valicato 2.24, 2.28, 2.32 e 2.35 sempre al primo tentativo, mentre Bondarenko ha avuto bisogno di due tentativi per superare la misura di apertura di 2.28. Entrambi hanno tentato senza successo tre prove a 2.41. Il campione del Commonwealth e bronzo olimpico e mondiale Derek Drouin ha preceduto per un numero minore di errori il vice campione olimpico Erik Kynard aggiudicandosi il terzo posto con 2.32. Marco Fassinotti ha fatto fatica a superare 2.20 al terzo tentativo prima di sbagliare tre volte a 2.24.

2 Miglia: RECORD EUROPEO DELLE DUE MIGLIA: Passerella finale per il fresco vincitore degli Europei di Zurigo Mo Farah che nella gara conclusiva del meeting ha vinto il record europeo sull’insolita distanza delle due miglia detenuto dal grande Steve Ovett correndo la distanza in 8’07”85. Per il due volte campione olimpico dei 5000 e dei 10000 si tratta del quarto record europeo della sua carriera dopo quelli realizzati sui 1500, sui 5000 e sui 10000 metri.

400 metri maschili: JAMES DI MISURA SU MAKWALA: Un mese dopo aver vinto i Giochi del Commonwealth il ventiduenne Kirani James ha dovuto faticare fino ai 350 metri per battere un ottimo James Makwala ma nel finale ha allungato prendendo il largo sul quattrocentista del Botswana e ha conquistato il terzo successo stagionale in Diamond League in 44”59 nella sua ultima gara stagionale. Makwala, che in questa stagione ha vinto il titolo africano in 44”23 a Marrakesh e ha corso in 44”01 a Chaux de Fonds, si è piazzato secondo in 45”02 precedendo il campione europeo di Zurigo Martyn Rooney (45”25).

600 metri maschile: RUDISHA OTTIMO 1’13”71: David Rudisha ha aperto alla grande il programma delle gare di corsa del Sainsbury British Grand Prix nell’assolato pomeriggio di Birmingham vincendo l’inedita gara dei 600 metri in 1’13”71. La migliore prestazione mondiale all-time sulla distanza è detenuta dallo statunitense Johnny Gray che fermò il cronometro in 1’12”81. Il campione europeo di Zurigo Adam Kszczot si è classificato secondo in 1’14”69

“I 600 metri sono una gara difficile perché è difficile correre a questi ritmi per un ottocentista. E’ davvero speciale tornare a gareggiare in Gran Bretagna davanti a questo splendido pubblico. Speravo di potermi avvicinare di più al record mondiale ma è stata una buona gara”, ha detto Rudisha

Emsley Carr Mile: KIPROP DI MISURA SU SOULEIMAN: Il due volte campione mondiale e oro olimpico di Pechino Asbel Kiprop ha vinto un fantastico duello allo sprint negli ultimi metri con il campione mondiale indoor Ayanleh Souleiman stabilendo il record della storica gara del miglio con 3’51”89. Souleiman, vincitore al Bowerman Mile di Eugene e al Dream Mile di Oslo, ha preceduto Vincent Kibet per il secondo posto con 3’52”07. Uno stanco Silas Kiplagat non è andato oltre il decimo posto in 3’53”52 ma mantiene la testa della Diamond Race con 12 punti, uno solo in più rispetto a Kiprop.  

2 miglia:  CHERONO BATTE UNA STANCA DIBABA: La sfida di Birmingham sull’insolita distanza delle 2 miglia decideva le sorti della Diamond Race tra Mercy Cherono e Genzebe Dibaba appaiate in testa con 10 punti. La campionessa del Commonwealth e vice campionessa mondiale dei 5000 metri Marcy Cherono ha vinto il duello con una stanca Genzebe Dibaba in 9’11”49 (che migliora il record della Diamond League stabilito quest’anno a Eugene) con un grande sprint vincente nell’ultimo giro. Una stanca Dibaba Pé finita fuori dalla zona punti per la Diamond Race in quarta posizione alle spalle di Viola Kibiwott e Irene Jelagat, La Cherono va così in testa con 14 punti

3000 siepi maschili: BIRECH RECORD DEL MEETING NONOSTANTE UN ERRORE SULL’ULTIMA BARRIERA: Jairus Birech ha conquistato il suo quinto successo stagionale in Diamond League battendo il record del meeting con 8’07”80 malgrado si sia fermato prima dell’ultima barriera.

800 metri femminili: SHARP SUPERA LA CAMPIONESSA DEL MONDO SUM: La scozzese Lynsey Sharp, figlia del grande velocista Cameron Sharp, ha battuto allo sprint sul rettilineo finale la campionessa mondiale e del Commonwealth Eunice Sum in 1’59”14. La keniana ha chiuso in seconda posizione in 1’59”42 precedendo la statunitense Brenda Martinez (1’59”56). Per la britannica il successo sulla pista di casa corona degnamente una grande stagione nella quale ha vinto la medaglia d’argento sia ai Giochi del Commonwealth sia agli Europei.

100 ostacoli femminili: HARPER NELSON RISCATTA STOCCOLMA: La campionessa olimpica di Pechino Dawn Harper Nelson ha riscattato la sfortunata gara di Stoccolma prendendosi la rivincita nei confronti della vincitrice del DN Galan Queen Harrison per quattro centesimi di secondo in 12”66. Terzo posto per la campionessa olimpica Sally Pearson in 12”85. Quarto posto per la campionessa europea di Zurigo Tiffany Porter.
 
 

 

400 ostacoli femminili: SPENCER CONFERMA IL DOMINIO STAGIONALE: La giamaicana Kaliese Spencer che si allena a Lignano Sabbiadoro durante l’estate, ha suggellato il dominio nella Diamond League vincendo anche a Birmingham in un ottimo 53”80 battendo la campionessa europea di Zurigo Elidh Child (54”89) in una rivincita dei recenti Giochi del Commonwealth

200 metri maschili: ASHMEADE DI MISURA SU EDWARD: Il giamaicano Nickel Ashmeade ha battuto di misura il panamense Alonso Edward per tre centesimi di secondo in 20”32 incrementando il suo vantaggio nella Diamond Race nella Diamond Race con 14 punti

100 metri femminili: VINCE STEWART – INFORTUNIO PER BOWIE: La campionessa del mondo della staffetta 4×100 Kerron Stewart ha vinto di misura in 11”22 con vento contrario (-1.1 m/s) battendo di misura la vice campionessa europea Miryam Soumaré per tre centesimi e la britannica Asha Phillip per quattro centesimi. Tori Bowie, leader della Diamond Race, si è infortunata mettendo a rischio la partecipazione alla finale della Diamond League di Zurigo e la vittoria del diamante

100 metri maschili (non validi per la Diamond Race): BAILEY COLE VINCE CONTROVENTO: Il campione del Commonwealth Kemar Bailey Cole ha avuto la meglio per cinque centesimi di secondo sul connazionale Nesta Carter in 10”08 con un forte vento contrario di -1.9 m/s. Il britannico Chijndu Ujah, campione europeo juniores lo scorso anno e terzo velocista britannico di sempre con il 9”96 di Hengelo a inizio Giugno, si è piazzato terzo con 10”23.

Lancio del disco maschile: HARTING BATTE ANCORA MALACHOWSKI: Il campione olimpico, mondiale e europeo Robert Harting ha vinto ancora il duello con il rivale polacco Piotr Malachowski con un lancio vincente da 67.57 all’ultimo tentativo. Anche il secondo miglior lancio (66.27) sarebbe stato sufficiente per battere Malachowski che ha prodotto il miglior lancio (64.98) al quinto lancio

Lancio del peso femminile: 55^ VITTORIA DI ADAMS: La fuoriclasse neozelandese Valerie Adams ha collezionato la cinquantacinquesima vittoria consecutiva con un lancio vincente di 19.96m al primo tentativo (seguito da altri tre lanci da 19.95, 19.92 e 19.73). La campionessa europea Christina Schwanitz ha superato la barriera dei 19 metri con 1949 .27.

Lancio del giavellotto femminile: SCONFITTA LA SPOTAKOVA: La canadese Elisabeth Gleadle ha battuto a sorpresa la campionessa europea e olimpica Barbora Spotakova con un lancio vincente da 64.49m.

Salto con l’asta femminile: DOPPIETTA GRECA: La Grecia ha conquistato una sorprendente doppietta piazzando ai primi due posti Katerina Stefanidi (4.57) e Nikoleta Kyriakopulu (4.47)

 

Salto triplo: La colombiana Catherine Ibarguen, diventata la quinta al mondo di sempre con 15.31, si è aggiudicata la quinta gara stagionale di Diamond League con 14.52 precedendo la campionessa olimpica Olga Rypakova del Kazakistan

Salto in lungo maschile: TAYLOR DI UN CENTIMETRO SU VISSER: Il campione olimpico del salto triplo Christian Taylor ha avuto la melio per appena un centimetro sul sudafricano Zarck Visser con un salto da 8.09.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
STELVIO MARATHON SOGNA IN GRANDE PERCORSO GIÀ SEGNALATO E TESTABILE!
DOMENICA 29 OTTOBRE C’E’ LA MEZZA MARATONA D’ITALIA A IMOLA
BRESCIA ART MARATHON 2018: 31 OTTOBRE…ATTENZIONE AL CAMBIO QUOTA!
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE