DN GALAN DI STOCCOLMA: LAVILLENIE: VOGLIO RIMANERE IMBATTUTO PER TUTTA LA STAGIONE”

Lavillenie ancora imbattuto
nel 2014 (Fonte Fidal/Colombo)
Alla vigilia del DN Galan di Stoccolma gli organizzatori del meeting svedese hanno annunciato la presenza di 10 freschi campioni europei di Zurigo e 8 vincitori degli ultimi Campioni africani di Marrakesh al classico meeting che si svolge nello Stadio Olimpico dei Giochi del 1912, teatrodi 83 primati del mondo.
di Diego Sampaolo

Alla vigilia del meeting hanno parlato i principali campioni che daranno vita al meeting svedese.

Renaud Lavillenie, primatista del mondo con 6.16, arriva a Stoccolma con il morale alle stelle dopo il suo terzo successo consecutivo agli Europei di Zurigo con 5.90m

“Saltare 5.90 in condizioni difficili di vento è davvero un bel risultato per me. Quest’estate ho avuto diversi problemi con il vento. Uno degli obiettivi è mantenere l’imbattibilità stagionale. Non perdo da 22 gare consecutive a partire dai Mondiali di Mosca e quest’anno sono imbattuto da 12 gare”,

Una delle sfide più attese del meeting scandinavo sarà quella del salto in lungo femminile che vedrà in gara tutto il podio di Zurigo oltr alle statunitensi Tianna Bartoletta e Brittney Reese, campionessa olimpica in carica a Londar 2012.

Bartoletta guida le liste mondiali dell’anno con il 7.02 realizzato a Oslo lo scorso 13 Giugno e detiene i quattro migliori risultati mondiali dell’anno. Bartoletta emerse nel 2005 vincendo il titolo mondiale a Helsinki ma successivamente è stata costretta a rinunciare per alcune stagioni al salto in lungo per un grave infortunio al ginocchio.

“Il titolo mondiale fu una sorpresa per molti ma non per me ma nel 2006 mi infortunai alla cartilagine del ginocchio. Una volta guarita ho avuto problemi  con la rincorsa del salto in lungo e mi sono dedicata allo sprint.

“E’ da un mese che non gareggio dopo la pausa lunga di cinque settimane nelle quali ho avuto modo di rivedere la mia famiglia e di allenarmi. Ora mi alleno con Dariya Klishina dopo aver cambiato allenatore. Mi segue Loren Seagrave (che allena anche Libania Grenot) dopo il trasferimento del mio precedente coach in Gran Bretagna.

Brittney Reese ha dedicato questa stagione senza campionati del mondo olimpiadi per migliorare la sua tecnica nella ricora.

“Anche se ho saltato 7.25 sentivo l’esigenza di migliorare la rincorsa. Tutti mi conoscevano come la regina dei salti nulli. Avevo bisogno di cambiare. In questa stagione senza campionati sto cercando di sperimentare. Sono grata di poter gareggiare a Stoccolma dove il pubblico è sempre molto caloroso.

Un’altra delle sfide più attese del DN Galan sarà quella dei 200 metri tra Allyson Felix, detentrice del record del meeting con 21”88, e la rielazione stagionale Tori Bowie, vincitrice a Eugene in 22”18 e detentrice della migliore prestazione mondiale dell’anno con il 10”80 realizzato a Montecarlo.

Bowie ha iniziato la carriera nel salto in lungo, specialità nella quale ha gareggiato agli ultimi Mondiali Indoor di Sopot ma ha deciso quest’estate di prendersi una pausa da questa specialità e di dedicarsi alla velocità. “Mi sono presa un break dal salto in lungo perché non riuscvo più a gestire la velocità e ho deciso di concentrami sullo sprint  Il salto in lungo è la mia specialità principale ma dopo aver corso un buon tempo sui 60 metri ho deciso di concentrami sullo sprint.

I 1500 metri femminili presentano un duello molto interessante tra le due beniamine del pubblico svedese Meraf Bahta e Abeba Aregawi, rispettivamente campionessa europea dei 5000 metri e vice campionessa europea dei 1500 metri a Zurigo, l’olandese Sifan Hassan, prima a Zurigo sui 1500 e seconda sui 5000 metri e la statunitense Jennifer Simpson, seconda al mondo quest’anno con 3’57”22 alle spalle della Hassan.

“Sarà una gara di eccellente densità in termini di atlenti presenti. La competizione sarà molto aperta. Nessuno può prevedere chi vincerà”, ha detto Jennifer Simpson, campionessa del mondo a Daegu 2011 e vice campionessa mondiale a Mosca 2013.

“Non ho corso tanto bene ultimamente e per questo spero di poter correre meglio domani. E’ un momento positivo per il mezzofondo svedese grazie a me, Bahra e la siepista Fouberg (seconda sui 3000 siepi agli Europei di Zurigo)

.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
ANNA E LA SUA MARATONA DI VENEZIA: 42K DA CORRERE CON IL SORRISO
ALLA SCOPERTA DELLA LUCCAMARATHON 2017
2 MESI ALLA MARATONA DI PISA: SCOPRIAMO I PROGETTI CHARITY
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE