EUROPEI DI ZURIGO 2014: DINIZ ORO CON RECORD DEL MONDO NELLA 50 KM- TROST IN FINALE NELL’ALTO

Il francese Yohan Diniz ha vinto per la terza volta consecutiva il titolo europeo della 50 km di marcia dopo i successi di Goteborg 2006 e Barcellona 2010 battendo il record del mondo con un clamoroso 3h32’33 davanti allo slovacco Matej Toth (3h36’21”) e al russo Ivan Noskov (3h37’41”). Il romano Marco De Luca ha concluso la sua fatica con un eccellente settimo posto in 3h45’25” che lo conferma ancora una volta tra i migliori specialisti della 50 km in Europa. E’ stata una gara di eccellente livello con ben quattro uomini al di sotto delle 3h40’ con il russo Mikhail Ryzhov,quarto in 3h39’07”. Teodorico Caporaso si è piazzato al ventesimo posto in 3h58’23 e Jean Jacques Nkouloukidi ventiduesimo in 4h01’12”.
di Diego Sampaolo

Alessia Trost é entrata nella finale del salto in alto agli Europei di Zurigo con 1.89 al primo tentativo sotto la pioggia e con una temperatura di 14°C. Davvero una gran bella notizia per la giovane saltatrice di Pordenone allenata da Gianfranco Chessa dopo una stagione complicata nella quale è dovuta rimanere ferma per otto settimane per un brutto infortunio alla caviglia subito il 10 Aprile scorso in Turchia. La qualificazione è stata tutta in salita per la friulana che ha avuto bisogno di due tentativi a 1.80 e 1.85 prima di risistemare tutto saltando 1.89 al primo tentativo che le è valsa la quarta posizione delle qualificazioni alle spalel di Ruth Beitia (percorso netto senza errori a 1.80, 1.85 e 1.89) così come la tedesca Marie Laurence Jungfleisch e la lettone Airine Palsyte. Maria Kuchina, grande rivale della Trost a livello giovanile ha superato 1.89 alla seconda misura così come la polacca Kamila Licwinko. Eliminata invece la diciassettenne britannica Morgan Lake che non è riuscita a superare 1.89 dopo un errore a 1.85

“Gli ultimi allenamenti erano andati bene e mi sarebbe dispiaciuto non mettere a frutto il lavoro svolto. Riparto dall’1.89 della qualificazione. Mi sono fata male al tendine della caviglia e mi sono dovuta fermare per otto settimane. Ho impiegato cinque settimane per tornare gradualmente ad allenarmi gradualmente al campo”, ha detto Alessia dopo la qualificazione

Chiara Rosa si è qualificata per la finale del lancio delpeso con l’undicesima misura di 16.76 al terzo tentativo in una mattinata fredda e piovosa. Le favorite Christina Schwanitz e Yevgeniya Kolodko sono state le migliori dela qualificazione con 19.35 e 18.32.

Valentina Aniballi è stata la prima delle escluse dalla finale del lancio del disco con la sua miglior misura di 53.60. la due volte campionessa europea Sandra Perkovic è stata la migliore con 63.93 davanti alla francese Melina Robert Michon (63.62).
 

  

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
ANNA E LA SUA MARATONA DI VENEZIA: 42K DA CORRERE CON IL SORRISO
ALLA SCOPERTA DELLA LUCCAMARATHON 2017
2 MESI ALLA MARATONA DI PISA: SCOPRIAMO I PROGETTI CHARITY
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE