ZURIGO 2014: DAFNE SCHIPPERS: “LA PISTA DEL LETZIGRUND E’ VELOCISSIMA”

Dafne ne Schippers  insegue il  mito
di Fanny Blankers Koen (Fonte Fidal/Colombo)
Dafne Schippers potrebbe diventare la nuova olandese volante. Sessantaquattro anni dopo i quattro successi di Fanny Blakers Koen nell’edizione di Bruxelles 1950 sui 100 e 200 metri, negli 80 ostacoli e nella staffetta 4×100, la ventiduenne olandese potrebbe rinverdire i fasti del suo paese se dovesse riuscire nell’impresa di vincere tre titoli nei 100 e nei 200 metri e nella 4×100 sulla pista del mitico Letzigrund di Zurigo.
di Diego Sampaolo

Dovesse riuscire nell’impresa Dafne entrerebbe nella storia se si considera che la ragazza olandese é un’eptathleta di assoluto livello mondiale capace di vincere la medaglia di bronzo ai Campionati del Mondo di Mosca nell’eptathlon.

L’obiettivo di centrare la storica tripletta (sarebbe la decima velocista in grado di vincere 100 e 200 nella stessa edizione degli Europei) visto che vanta i migliori tempi europei dell’anno su entrambe le distanze con 11”03 e 22”34. Entrambe le prestazioni sono state realizzate al meeting della Diamond League di Glasgow. Sulla distanza doppia è stata addirittura in grado di battere la campionessa olimpica Allyson Felix.

“Ho deciso di concentrarmi sulla velocità durante un periodo di allenamenti in Florida. Correvo tempi che non avevo mai realizzato prima e parlando con il mio allenatore ho deciso di provare a concentrarmi sullo sprint e allargare il raggio delle mie specialità. I tempi di iscrizione non contano. La cosa più importante è la lotta per le medaglie con Verena Sailer e Ivet Lalova (le vincitrici delle ultime due edizioni) e la francese Myriam Soumaré. Vederemo di che colore sarà la medaglia”

“Correre 100, 200 e staffetta 4×100 significa gareggiare otto volte. Sono davvero tante prove. Alla fine delle sette prove dell’eptathlon tutto il fisico è stanco. Credo che in confronto correre le gare di velocità comporterà soltanto una stanchezza di gambe.

Dafne Schippers, nata a Utrecht il 15 Giugno 1992, emerse sulla ribalta nel 2010 quando vinse il titolo mondiale juniores dell’eptathlon a Moncton. L’anno seguente ha replicato il successo vincendo il titolo europeo under 20 nell’eptathlon a Tallin 2011 poche settimane prima di entrare in semifinale ai Mondiali di Daegu 2011 sui 200 metri. Nel 2012 ha vinto il bronzo nella staffetta 4×100 agli europei di Helsinki e si è classificata dodicesima alle Olimpiadi di Londra nell’eptathlon.Nel 2013 ha vinto il titolo europeo under 23 sui 100 metri e il bronzo nel salto in lungo a Tampere. Ai Mondiali di Mosca ha demolito il suo record personale dell’eptathlon di 112 punti conquistando una splendida medaglia di bronzo nell’eptathlon con 6477 punti grazie ad un notevole miglioramento sugli 800 metri da 2’15”82 a 2’08”62. Nell’unico eptathlon disputato in questa stagione ha migliorato il suo record olandese con 6545 punti a Gotzis (prova nella quale ha migliorato il primato nazionale dei 200 con 22”35 poi migliorato di un centesimo di secondo a Glasgow)   

L’olandese volante dovrà vedersela con Ivet Lalova, bulgara d’Italia che vanta il terzo miglior tempo con l’11”10 ottenuto al meeting di Gavardo il 18 Maggio scorso, Verena Sailer, accreditata di 11”14 e Myriam Soumaré, seconda in Europa in questa stagione con l’ottimo 11”03 realizzato a Montecarlo.

“Quest’anno ho saltato le gare indoor e ho gareggiato poco per arrivare in forma al momento giusto a Zurigo.

La pista del Letzigrund nuova di zecca potrebbe regalare un tempo al di sotto degli 11 secondi.
Dafne Schippers potrebbe diventare la nuova olandese volante. Sessantaquattro anni dopo i quattro successi di Fanny Blakers Koen nell’edizione di Bruxelles 1950 sui 100 e 200 metri, negli 80 ostacoli e nella staffetta 4×100, la ventiduenne olandese potrebbe rinverdire i fasti del suo paese se dovesse riuscire nell’impresa di vincere tre titoli nei 100 e nei 200 metri e nella 4×100 sulla pista del mitico Letzigrund di Zurigo.

Dovesse riuscire nell’impresa Dafne entrerebbe nella storia se si considera che la ragazza olandese é un’eptathleta di assoluto livello mondiale capace di vincere la medaglia di bronzo ai Campionati del Mondo di Mosca nell’eptathlon.

L’obiettivo di centrare la storica tripletta (sarebbe la decima velocista in grado di vincere 100 e 200 nella stessa edizione degli Europei) visto che vanta i migliori tempi europei dell’anno su entrambe le distanze con 11”03 e 22”34. Entrambe le prestazioni sono state realizzate al meeting della Diamond League di Glasgow. Sulla distanza doppia è stata addirittura in grado di battere la campionessa olimpica Allyson Felix.

“Ho deciso di concentrarmi sulla velocità durante un periodo di allenamenti in Florida. Correvo tempi che non avevo mai realizzato prima e parlando con il mio allenatore ho deciso di provare a concentrarmi sullo sprint e allargare il raggio delle mie specialità. I tempi di iscrizione non contano. La cosa più importante è la lotta per le medaglie con Verena Sailer e Ivet Lalova (le vincitrici delle ultime due edizioni) e la francese Myriam Soumaré. Vederemo di che colore sarà la medaglia”

“Correre 100, 200 e staffetta 4×100 significa correre otto gare. Sono davvero tante prove. Alla fine delle sette prove dell’eptathlon tutto il fisico è stanco. Credo che in confronto correre le gare di velocità comporterà soltanto una stanchezza di gambe.

Dafne Schippers, nata a Utrecht il 15 Giugno 1992, emerse sulla ribalta nel 2010 quando vinse il titolo mondiale juniores dell’eptathlon a Moncton. L’anno seguente ha replicato il successo vincendo il titolo europeo under 20 nell’eptathlon a Tallin 2011 poche settimane prima di entrare in semifinale ai Mondiali di Daegu 2011 sui 200 metri. Nel 2012 ha vinto il bronzo nella staffetta 4×100 agli europei di Helsinki e si è classificata dodicesima alle Olimpiadi di Londra nell’eptathlon.Nel 2013 ha vinto il titolo europeo under 23 sui 100 metri e il bronzo nel salto in lungo a Tampere. Ai Mondiali di Mosca ha demolito il suo record personale dell’eptathlon di 112 punti conquistando una splendida medaglia di bronzo nell’eptathlon con 6477 punti grazie ad un notevole miglioramento sugli 800 metri da 2’15”82 a 2’08”62. Nell’unico eptathlon disputato in questa stagione ha migliorato il suo record olandese con 6545 punti a Gotzis (prova nella quale ha migliorato il primato nazionale dei 200 con 22”35 poi migliorato di un centesimo di secondo a Glasgow)   

L’olandese volante dovrà vedersela con Ivet Lalova, bulgara d’Italia che vanta il terzo miglior tempo con l’11”10 ottenuto al meeting di Gavardo il 18 Maggio scorso, Verena Sailer, accreditata di 11”14 e Myriam Soumaré, seconda in Europa in questa stagione con l’ottimo 11”03 realizzato a Montecarlo.

“Quest’anno ho saltato le gare indoor e ho gareggiato poco per arrivare in forma al momento giusto a Zurigo.

La pista del Letzigrund nuova di zecca potrebbe regalare un tempo al di sotto degli 11 secondi.

“Sembra una pista davvero veloce”, ha detto Dafne Schippers

 

 

 

 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
ALLA SCOPERTA DELLA LUCCAMARATHON 2017
2 MESI ALLA MARATONA DI PISA: SCOPRIAMO I PROGETTI CHARITY
32^ Huawei Venicemarathon da record!
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE