LA PRESENTAZIONE DELLA SQUADRA ITALIANA DI ZURIGO 2014

La foto della squadra
italiana in partenza per Zurigo
(Fonte Fidal/Colombo)
Si è radunata ieri sera a Roma la nazionale italiana di atletica alla vigilia degli Europei di Zurigo che scattano Martedì mattina al Letzigrund. La Svizzera torna ad ospitare un Campionato Europeo 60 anni dopo la prima edizione elvetica di Berna 1954.
di Diego Sampaolo

Nello stadio dove sono state scritte pagine memorabili dell’atletica mondiale l’Italia si presenta con una squadra molto numerosa (ben 81 atleti). Di questi ben 30 azzurri hanno meno di 25 anni a testimonianza del progetto a lungo termine della Fidal di puntare su una squadra giovane mirato ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro 2016. La spedizione italiana è la terza più numerosa nella storia degli Europei dopo i 95 atleti di Monaco di Baviera 2002 e gli 82 di Goteborg 2006. A vestire la maglia azzurra saranno 48 uomini e 33 donne. Il più “anziano” sarà il mitico capitano Nicola Vizzoni che a 41 anni parteciperà al suo sesto Europeo. L’eterno ragazzo versiliese vanta un argento agli Europei di Barcellona 2010 dieci anni dopo il secondo posto alle Olimpiadi di Sydney 2000. Vizzoni arriva a Zurigo con in tasca il suo quattordicesimo titolo italiano estivo (28 se si considerano anche i successi ai Campionati Italiani Invernali) con la sua migliore misura stagionale di 75.99m.

“Dovremo andare in gara senza paura di nessuno e di niente. La maglia che indossiamo non rappresenta solo l’Italia, ma anche il lavoro e la passione di tutti coloro che sono rimasti a casa. Abbiamo il dovere di renderli orgogliosi di noi “, ha detto Vizzoni alla presentazione della squadra italiana al Foro Italico di Roma.

La più giovane della squadra azzurra sarà la velocista veronese di origini dominicane Johnelis Herrera (convocata come staffettista della 4×100), che ha sfiorato la finale dei Mondiali Juniores di Eugene sui 200 metri con il suo record personale (23”70). Sempre in tema di giovani spicca la diciannovenne Federica Del Buono che in questa stagione ha migliorato i suoi record personali sia sugli 800 che sui 1500 metri con 2’01”80 a Pergine Valsugana e 4’07”56 a Velenje. La figlia d’arte dei mezzofondisti Gianni Del Buono e Rossella Gramola è iscritta su entrambe le distanze.

La squadra azzurra coltiva diverse ambizioni di medaglia in un contesto più alla portata dell’atletica italiana rispetto a quello dei Mondiali e delle Olimpiadi. Le maggiori speranze sono riposte su Libania Grenot, leader stagionale sui 400 metri in Europa con il 50”55 realizzato agli Assoluti di Rovereto e quarta nelle liste della staffetta 4×400 (insieme alle compagne Maria Enrica Spacca, Chiara Bazzoni e Elena Maria Bonfanti) con il 3’27”44 realizzato alle World Relays alle Bahamas. Nella penultima edizione di Barcellona 2012 l’Italia capitanata da Grenot arrivò vicina al podio con un eccellente quarto posto. Le azzurre dovranno vedersela con la Francia, la Gran Bretagna, la Russia, la Polonia e l’Ucraina. Libania, accreditata con il 50”55 realizzato agli Assoluti di Rovereto, dovrà vedersela con la campionessa olimpica di Pechino e iridata di Mosca Christine Ohuruogu, lontana dalla sua migliore condizione ad inizio stagione ma in grado di sfoderare il meglio di sé nei grandi appuntamenti.

La marciatrice lombarda Eleonora Anna Giorgi, laureanda in economia alla Bocconi, coltiva sogni di medaglia dopo la splendida stagione primaverile coronata dal secondo posto alla gara del Challenge IAAF di Lugano e dal record italiano della 20 km (1h27’05”) ottenuto alla Coppa del Mondo di Taicang. L’allieva di Gianni Perricelli ha avuto però qualche problema fisico in Giugno e non arriva a Zurigo nella sua condizione migliore. Giorgi gareggerà il 14 Agosto nel giorno del suo compleanno ma la gara sarà tutt’altro che una passeggiata al cospetto di avversarie quotate come le russe Anisya Kirdyapkina, Elmira Alembekova e Vera Sokolova, l’ucraina Lyudmila Olyanovska e la campionessa europea e mondiale juniores Anezka Drahotova che ai recenti mondiali under 20 di Eugene ha realizzato il record mondiale juniores sulla 10 km. L’Italia punta anche sulla vincitrice della Coppa del Mondo juniores 2010 e bronzo agli Europei Under 23 Antonella Palmisano che è scesa per la prima volta in carriera sotto il muro dell’1h28’ con 1h27’51”.

Nella maratona femminile l’Italia nutre speranze di medaglia con la vice campionessa del mondo di Mosca Valeria Straneo e la campionessa europea in carica Anna Incerti. Le rivali più quotate delle azzurre saranno la portoghese Jessica Augusto, la francese Christelle Daunay e l’ex primatista mondiale dei 5000 metri e due volte argento olimpico dei 5000 e dei 10000 metri Elvan Abeylegesse. Della squadra italiana faranno parte anche Nadja Ejjaffini, Emma Quaglia (sesta ai Mondiali di Mosca), Rosalba Console e Deborah Toniolo. La gara zurighese verrà disputata su un circuito molto impegnativo da ripetere quattro volte.

Daniele Meucci e Andrea Lalli saranno gli uomini di punta della squadra italiana di maratona che punta ad un buon piazzamento nella Coppa Europa. Della squadra italiana fa parte anche Ruggero Pertile, quarto a Barcellona 2010.

Nel salto triplo maschile l’Italia cala i suoi assi Fabrizio Donato e Daniele Greco oltre al campione italiano indoor Fabrizio Schembri. Greco, campione europeo indoor a Goteborg 2013, ha sciolto le ultime riserve e ha deciso di partecipare agli Europei malgrado un’infiammazione al tendine d’Achille. Donato difenderà il titolo vinto a Helsinki quando si aggiudicò la gara con 17.53 con vento a favore ma sotto una pioggia battente e una temperatura rigida. L’esperto triplista laziale torna al Letzigrund dove vinse la tappa della Diamond League nel 2012 davanti al campione olimpico Christian Taylor. Gli avversari più pericolosi per gli azzurri saranno i francesi Yoann Rapinier (17.16) e Benjamin Compaoré (primo al meeting di Parigi con 17.12), l’ex campione olimpico e mondiale Nelson Evora (tornato a buoni livelli con 16.97) e i russi Lyukman Adams, campione del mondo indoor a Sopot (17.29 in questa stagione ma infortunato per buona parte dell’estate) e Aleksey Fyodorov (vincitore alla Coppa Europa di Braunschweig davanti a Donato) e l’esperto rumeno Marian Oprea, argento olimpico a Atene 2004 e bronzo mondiale a Helsinki 2010, bronzo a Goteborg 2006 e argento a Barcellona 2010 agli Europei.  

Coltivano ambizioni da finale il primatista italiano Marco Fassinotti che cercherà i trovare spazio nella gara stellare del salto in alto dopo il 2.30 di Montecarlo, il duecentista Diego Marani (finalista due anni fa a Helsinki e campione italiano a Rovereto con il suo record di 20”47), il quattrocentista Matteo Galvan (45”58 in occasione del successo agli Assoluti di Rovereto), il campione italiano degli 800 metri Giordano Benedetti, terzo alla Coppa Europa di Braunschweig, Chiara Rosa, medaglia di bronzo agli Europei di Helsinki 2012 nel lancio del peso e la quattrocentista ad ostacoli Yadisleidy Pedroso, sesta nelle liste europee dell’anno con il 55”42 ottenuto al meeting di Metz. Può ambire ad un risultato di rilievo anche Margherita Magnani che ha recentemente migliorato il suo record personale correndo in 4’06”05 a Heusden Zolder. Sogna in grande anche la primatista italiana indoor del salto con l’asta Roberta Bruni che di recente ha migliorato il record italiano under 23 con 4.45 sulla pedana di casa di Rieti. Da seguire anche gli ostacolisti Paolo Dal Molin (argento agli Europei Indoor di Goteborg 2013) e i giovani Hassane Fofana e Lorenzo Perini, rispettivamente campione italiano e vice campione europeo juniores dei 110 ostacoli.

“L’obiettivo della spedizione italiana sarà quello di vedere tanti atleti in grado di migliorare il proprio record personale o stagionale nell’occasione più importante dell’anno”, ha detto il Presidente Federale Alfio Giomi.

Alla presentazione della squadra italiana a Roma é intervenuta la campionessa olimpica del salto in alto di Mosca 1980 Sara Simeoni. “In mezzo a voi ci sono atleti di esperienza che sicuramente sapranno essere una guida per i più giovani che vestiranno per la prima volta la maglia azzurra della Nazionale”, ha detto Sara Simeoni.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
STELVIO MARATHON SOGNA IN GRANDE PERCORSO GIÀ SEGNALATO E TESTABILE!
DOMENICA 29 OTTOBRE C’E’ LA MEZZA MARATONA D’ITALIA A IMOLA
BRESCIA ART MARATHON 2018: 31 OTTOBRE…ATTENZIONE AL CAMBIO QUOTA!
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE