TERZA GIORNATA DEI GIOCHI DEL COMMONWEALTH: KIPYEGON VINCE I 1500 – TRIPLETTA GIAMAICANA NEI 400 FEMMINILI

La finale più attesa della terza giornata delle gare di atletica ai Giochi del Commonwealth all’Hampden Park di Glasgow era quella dei 1500 metri femminili. La gara non ha tradito le attese del pubblico regalato un finale emozionante che ha regalato la medaglia d’argento per il team inglese a Laura Weightman alle spalle della campionessa mondiale juniores Faith Kipyegon. Dopo una partenza lenta Weightman ha seguito la keniana Hellen Obiri, prima al mondo quest’anno sui 3000 metr con 8’20”68 a Doha alla campana dell’ultimo giro. Kipyegon ha superato Obiri sul rettilineo opposto nell’ultimo giro involandosi verso il successo in 4’08”94. Weightman ha superato la neozelandese Kate van Buskirk negli ultimi 60 metri vincendo l’argento in 4’09”24 per la gioia del suo allenatore Steve Cram, che in questa stagione stava commentando la gara per la BBC. Hellen Obiri è crollata sul rettilineo finale concludendo in sesta posizione.
di Diego Sampaolo

“Non potrei essere più felice per aver vinto la mia prima grande medaglia. E’ una sensazione incredibile fare il giro d’onore con la bandiera sapendo di essere arrivata seconda”, ha detto Weightman

I 400 metri femminili hanno fatto registrare una tripletta per la Giamaica con Stephanie McPherson vincitrice in 50”67 precedendo di 19 centesimi di secondo Novlene Williams Mills. L’altra giamaicana Christine Day ha completato il trionfo del paese caraibico superando negli ultimissimi metri la campionessa del mondo di Daegu 2011 Amantle Montsho del Botswana.

Il giamaicano Andrew Riley ha vinto il titolo del Commonwealth sui 110 ostacoli in 13”32 precedendo di quattro centesimi l’inglese William Sharman, che con 13”36 ha ripetuto l’argento di New Dehli 2010 battendo il forte rappresentante di Barbados Shane Brathwaite (13”49)

La terza medaglia inglese è arrivata dalla giovane triplista Laura Samuel (argento ai Mondiali Juniores 2010) che ha vinto l’argento con 14.09 alle spalle della giamaicana Kimberley Williams (14.21) che ha proseguito la striscia vincente del paese caraibico in questa specialità dopo i successi di Trecia Smith a Melbourne 2006 e New Dehli 2010.

Il Kenya ha dominato i 10000 metri femminili dove Joyce Chepkurui ha vinto in volata davanti a Florence Kiplagat in 32’09”56. La campionessa del mondo di cross Emily Chebet ha completato la tripletta keniana vincendo il bronzo.

Il canadese Damian Warner ha vinto il decathlon con 8282 punti con una serie di buoni risultati impreziositi dal record personale sui 100 metri (10”29) e dal 13”50 sui 110 ostacoli. L’inglese Ashley Bryant ha vinto la medaglia d’argento davanti a Kurt Felix di Grenada

Il Canada si appresta a dominare anche l’eptathlon dove la medaglia d’argento mondiale Brianne Theisen Eaton guida al termine della prima giornata con 3939 punti, 185 in più rispetto alla connazionale Jessica Zelinka.

Il giovane campione olimpico dei 400 metri Kirani James, altro atleta di Grenada, ha realizzato il miglior tempo delle semifinali con 45”14. Ottimo anche l’inglese Martyn Rooney che ha vinto la sua semifinale in 45”22 rallentando nel finale

Il campione olimpico e primatista del mondo degli 800 metri David Rudisha ha vinto agevolmente la sua batteria degli 800 metri in 1’46”89. La medaglia d’oro olimpica del lungo Greg Rutherford ha avuto bisgno di un solo salto di 8.05 per accedere alla finale. La scozzese Elidh Child, la “poster girl” della manifestazione, si è imposta facilmente nella sua batteria dei 400 ostacoli in 55”56. La più veloce delle batterie è stata la leader mondiale stagionale Kaliese Spencer con 55”45

 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
ANNA E LA SUA MARATONA DI VENEZIA: 42K DA CORRERE CON IL SORRISO
ALLA SCOPERTA DELLA LUCCAMARATHON 2017
2 MESI ALLA MARATONA DI PISA: SCOPRIAMO I PROGETTI CHARITY
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE