IL RESOCONTO DI ASICS OUTRUN THE SUN: DUE TEAM, IL MONTE BIANCO E LA SFIDA CONTRO IL SOLE .

Gli atleti di Outrun The Sun hanno conquistato il Monte Bianco nella prima sfida di trail running unica al mondo Sabato 21 Giugno 2014 – il giorno più lungo dell’anno – ASICS ha dato vita a ‘Outrun the Sun’, una sfida di trail runnig unica nel suo genere. Due staffette di atleti hanno accettato questa sfida: tentare di battere il sole ‘Outrun the Sun’. La sfida consisteva nel tentativo di circumnavigare il Monte Bianco, la montagna più alta dell’Europa occidentale, partendo all’alba e finendo al tramonto. Il ‘Team Ultra Trail’, composto da alcuni dei migliori trail runners al mondo, ha completato con successo il percorso in 15 ore, 3 minuti e 37 secondi ed ha battuto il sole, riuscendo a completare il percorso intorno al Monte Bianco con un vantaggio di ben 37 minuti. Anche per il ‘Team Enduro’ il traguardo è stato molto vicino. Il team sfidante composto da 7 top runners specialisti nelle gare di resistenza, ha lottato sul filo dei secondi, completando il giro del Monte Bianco soli 33 secondi dopo il tramonto.

L’ASICS Outrun The Sun è partita e si è conclusa a Chamonix, dopo 152 km di strade e sentieri montani. Gli atleti hanno dovuto affronatre 9.500 metri di dislivello positivo attraverso Francia, Italia e Svizzera, con temperature fino a 27 gradi, e neve in alta quota. Il ‘Team Ultra-Trail’ composto da quattro runner specializzati nel trail, ciascuno con la propria specializzazione – si sono adattati perfettamente alle condizioni del percorso: Xavier Thevenard, vincitore del Ultra-Trail du Mont-Blanc nel 2013 Kota Araki, corridore giapponese d’elite Jonas Buud, detentore del record del mondo sulla 100 miglia Thomas Lorblanchet, ex Campione del Mondo trail running. Il ‘Team Enduro’ composto da sette atleti d’elite provenienti da diverse discipline di endurance, era composto da: Genis Zapater, trail runner e cross country skier spagnolo Megan Kimmel, trail runner americano Sylvaine Cussot, runner francese Lukas Naegele, mezzofondista tedesco Iazaldir Feitoza Santana, corridore brasiliano Holly Rush, maratoneta britannica Gert Theunis, road runner belga. Il Direttore di Gara, Laurent Ardito, ha commentato: “Sono molto orgoglioso di tutti questi incredibili atleti. Sono riusciti a formare un team straordinario, fare un grande lavoro di squadra, ed hanno vinto, affrontando una sfida mai tentata prima. Ci sono stati tanti momenti sportivi e umani davvero speciali in questa giornata, le lacrime di Iaza, la gioia di Genis per aver salvato un animale ferito, o la prestazione di Xavier che ha corso con un tempo molto più veloce rispetto a quello registrato in allenamento.” Michael Price, Direttore Marketing ASICS Europe ha aggiunto: “abbiamo impiegato 18 mesi per organizzare ASICS Outrun The Sun e vedere una delle due squadre battere il sole e l’altra venire superata per soli 33 secondi è semplicemente incredibile. Quando abbiamo pensato a questa sfida, volevamo puntare l’obiettivo sullo sport del trail running e le grandi storie e successi atletici che abbiamo visto oggi hanno fatto si che si ottenesse questo risultato. “
I momenti cruciali della sfida:alle 05,42 il giapponese Kota Araki, rappresentante della Squadra Ultra Trail è partito da Chamonix al fianco del rappresentante della squadra Enduro, il brasiliano Iazaldir ‘Iaza’ Feitoza, acclamati da centinaia di spettatori. La prima coppia ha corso allo stesso ritmo fino alla salita del Col du Voza, quando Araki ha accelerato. Da questo punto in poi è sempre stato in vantaggio, arrivando alla fine del primo passaggio tre minuti prima del previsto. Xavier Thevenard, campione 2013 della UTMB ha raccolto il testimone per la seconda staffetta. ‘Iaza’ è arrivato al checkpoint esausto, emozionato, 23 minuti dopo il timing previsto. Il brasiliano si è dato il cambio con l’inglese Holly Rush, consapevole della estenuante gara che l’aspettava per stare al passo con il sole, mentre Thevenard, velocissimo ha divorato i chilometri che lo hanno portato ai 2.500m dell’innevato Col Du Bonhomme. Qui la sfida è diventata sempre più interessante. Mentre Thevenard, Buud e Lorblanchet dovevano coprire i restanti 123,4 km in tre, il Team Enduro per coprire la stessa distanza aveva ancora a disposizione Rush, Zapater, Cussot, Theunis, Naegele e Kimmel. Rush ha corso particolarmente veloce, soprattutto contando che è passata dalle maratone su strada al trail da poco tempo. Dopo aver completato i 19,3 km del percorso in 3 ore – affrontando una dura salita e la discesa molto tecnica del Cold Du Bonhomme – ha dato il cambio alle 11.36 al giovane Genis Zapater mantenendo un piccolo vantaggio rispetto al previsto per poter battere il calar del sole. Thevenard ha dato il cambio a Jonas Buud a Courmayeur alle 12,52, dopo aver completato i suoi 43,4 km appena in 4 ore 16 minuti, consegnando ai compagni un vantaggio sul sole di ben 45 minuti. Uno dei tanti momenti emozionanti della giornata è stato quando il ventiduenne Genis Zapater, nato tra le montagne della Catalogna e noto per il suo amore per la natura, ha incontrato una capra di montagna intrappolata in una recinzione. Pur essendo in corsa contro il calar del sole, il giovane catalano ha deciso di liberare l’animale prima di proseguire la sua strada verso l’assolata cittadina. Un atto che sintetizza a pieno la grandezza di uno sport come il trail running, dove il rispetto per la natura è importante come battere il proprio rivale. Zapater è arrivato a Courmayeur alle 13,32 – dopo aver impiegato circa cinque minuti per il salvataggio dell’animale – ed ha passato il testimone alla trail runner francese Sissi Cussot, che ha continuato il testa a testa con il sole grazie al tempo dello spagnolo che è riuscito a correre i suoi 24 km sotto le due ore. Cussot è stata messa a dura prova da un lungo tratto di salita della lunghezza di 14,6 km. Quando è giunta a Arnuva, alle 15,25 e si è data il cambio con Gert Theunis, il calore del sole pomeridiano stava avendo la meglio sulla ormai disidratata Cussot e sul Team Enduro. Ciò ha significato che il Team Enduro ha dovuto affidarsi a Gert Theunis che ha dovuto superarsi nell’affrontare i suoi estenuanti 27,8 km cercando di raggiungere il suo traguardo e mettere la squadra ancora nelle condizioni di poter raggiungere l’obiettivo. Nel frattempo, lo svedese Jonas Buud ha affrontato un dislivello di 1000m verso Bertone ancora con un vantaggio sul sole di 20 minuti, consegnando a Champeix il testimone all’ Ultra-Trail, Thomas Lorblanchet, che ha portato il vantaggio sul sole a 35 minuti. Il Road runner Theunis – sales rappresentative di ASICS – è riuscito a guadagnare un po’ di terreno sul sole, affrontando una tratto ampio ed una discesa tecnicamente molto impegnativa che partiva dal Grand Col Ferret prima di passare il testimone a Lukas Naegele a Champeix. Nonostante il rapido passaggio di consegne, la sua squadra si trovava ancora in svantaggio rispetto al tempo previsto. Al runner tedesco – campione dei 1.500 in pista – era stato assegnato il tratto più breve del Team Enduro, ma la salita da Champeix verso Bovine è una sfida impegnativa anche per i trail runners più esperti. Il runner Lorblanchet ha raggiunto il traguardo grazie ad una performance che ha messo in luce tutta la sua potenza permettendo al Team Ultra-Trail di terminare la sfida in 15 ore, 3 minuti e 37 secondi. Partendo da Trient alle 19,36, dopo la grande performance dell’atleta Naegele, Kimmel è stata protagonista di uno spettacolo epico, raggiungendo una velocità di 20 chilometri all’ora, nel tentativo di recuperare terreno sul tramonto del sole. Grazie alla sua grande esperienza di anni di trail running in Colorado è riuscita a completare rapidamente la discesa dal Col de Balme verso Argentiere e poi Chamonix. Pur spinta da una folla di più di 500 appassionati, Kimmel non è riuscita a battere il calar del sole per appena 33 secondi.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
SI TERRA’ DOMENICA 12 NOVEMBRE 2017 A MILANO LA TERZA EKIRUN
STEFANO VELATTA TOP RUNNER DELLA COAST TO COAST 59KM
Eyob Faniel correrà la 32^ Huawei Venicemarathon!
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE