MEETING GOLDEN SPIKE DI OSTRAVA: GATLIN; LAVILLENIE; BONDARNKO; FELIX E SPOTAKOVA , AMAN E DIBABA SOTTO I RIFLETTORI

Justin Gatlin, qui vincitore a Roma in 9″91, in gara domani
a Ostrava (Fonte Colombo/Fidal)

Tre tentativi di record del mondo nel mezzofondo di Genzebe Dibaba sui 2000 metri, Mohamed Aman sui 1000 metri e di Florence Kiplagat nei 20000 metri in pista e tre stelle di prima grandezza come Renaud Lavillenie, Lashawn Merritt nei 400 metri e Justin Gatlin sui 100 metri saranno i momenti clou del Golden Spike di Ostrava, tappa del circuito IAAF World Challenge.

di Diego Sampaolo


SPOTAKOVA E VESELY DAVANTI AL PUBBLICO DI CASA

L’attenzione del pubblico di casa sarà tutta per la due volte campionessa olimpica e primatista mondiale del giavellotto Barbora Spotakova che è tornata a grandi livelli vincendo al Golden Gala Pietro Mennea con 66.43m e a Praga con 64.08 un anno dopo aver dato alla luce il primogenito Janek. La fuoriclasse della Repubblica Ceca, che vanta due successi a Ostrava e il primato del meeting di 67.78m, dovrà vedersela con la slovena Martina Ratej, che in questa stagione ha vinto la prima tappa della Diamond League a Doha con 65.48m.

L’attesa del pubblico di casa sarà rivolta anche al giavellotto maschile dove scenderanno in pedana i beniamin di casa Vitezslav Vesely, campione del mondo a Mosca 2013, e Petr Frydrich, che settimana scorsa ha realizzato la migliore prestazione europea dell’anno con 85.07 a Praga,
 

GATLIN A CACCIA DELL’OTTAVA VITTORIA

Sui 100 metri maschili non sarà in gara Usain Bolt che ha deciso di rimandare ancora il suo debutto rinunciando anche a Parigi, ma sarà ai blocchi di partenza il capofila mondiale stagionale Justin Gatlin, che guida le graduatorie mondiali stagionali con 9”87 stabilito a Pechino a metò Maggio. è tuttora imbattuto in sette gare stagionali e vanta i tre migliori tempi dell’anno.

“Se il tempo tiene posso regalare al pubblico qualcosa di speciale.  Punto a correre in 9″7. Il lavoro che ho svolto quest’anno sta incominciando a pagare. A  Ostrava ho corso per l’ultima volta nel 2004 nell’anno della mia vittoria alle Olimpiadi. E’ un meeting portafortuna. Spero di vincere ancora a Ostrava e poi ai Mondiali e alle Olimpiadi. Sarà una grande gara con avversari forti come Mike Rodgers e Kim Collins, un atleta che corre ancora forte a 38 anni. Lo ammiro tanto. Ha sfatato il mito secondo il quale un velocista rallenta con il passare degli anni  Invecchiando miglioro perché sono diventato più saggio. Nuovi velocisti stanno affacciando slla ribalta come Bromell che ha battuto il record mondiale juniores con 9″97. Spero che possano in futuro correre contro d me e raccogliere la mia eredità ”, ha detto Gatlin che non gareggia a Ostrava dal 2004.
 
Allyson Felix disputerà il suo terzo 200 metri stagionale dopo il 22″44 di Eugene e la vittoria in 22″73 a Oslo in 22″73

“Ho vissuto un periodo difficile dopo l’infortunio di Mosca. Mi sono sottoposta a tre mesi di riabilitazione. E’ stata una grande delusione vedere sfumare il lavoro di una anno. Al contrario le Olimpiadi sono state un grande ricordo. E’ stato un momento speciale vincere le Olimpiadi. Quest’anno l’obiettivo è ritornare gradualmente alla mia migliore forma in vista dei Mondiali del prossimo anno. Non escludo di doppiare in futuro 200 e 400 in una grande manifestazione “, ha detto Allyson Felix
 

LAVILLENIE INSEGUE IL TERZO SUCCESSO A OSTRAVA

A differenza di Gatlin, Renaud Lavillenie torna nella città della Repubblica Ceca dove ha vinto le ultime due edizioni battendo il record del meeting nel 2012 con 5.90 e nel 2013 con 5.92. Il campione francese arriva a Ostrava imbattuto con sei vittorie consecutive nella stagione outdoor.
“E’ una bella sensazione saltare di nuovo grandi misure dopo l’infortunio subito a Donetsk. Il mio obiettivo è arrivare in forma agli Europei di Zurigo. Quando ho battuto il record del mondo ho avuto la sensazione d vivere un sogno. E’ bello sapere che Sergey Bubka sarà presente domani a Ostrava. L’ho già visto settimana scorsa a Oslo. E’ una grande motivazione per noi atleti che ci siano campioni del passato  a vederci domani”, ha detto Lavillenie

MERRITT PUNTA AL RECORD DEL MEETING DI KIRANI JAMES

Il campione del mondo dei 400 metri Lashawn Merritt arriva a Ostrava con il morale alto dopo le vittorie di Roma in 44”48 e di New York in 44”19. Merritt è sceso sotto i 44 secondi in questa stagione a Eugene pur perdendo da Kirani James in un testa a testa straordinario.  

 “L’obiettivo è battere il record del meeting (44″49) di Kirani James. Ho corso Sabato sera a New York ma mi sono riposato bene e sono pronto per domani. Sto vivendo una grande stagione finora. Ho corso grandi tempi senza grandi difficoltà. Voglio correre bene tutta la stagione senza prolemi fisici e vincere la Diamond League. Penso che il record del mondo di Michael Johnson (43″18) non sia del tutto irraggiungibile

AMAN E DIBABA A CACCIA DI RECORD

Il mezzofondo punterà sull’attacco dell’etiope Mohamed Aman al record del mondo dei 1000 metri di Noah Ngeny, che fermò il cronometri in 2’11”96 a Rieti nel 1999. Il giovane fuoriclasse etiope ha vinto l’ultima edizione del Golden Spike sugli 800 metri in 1’43”78 ma non ha più corso sulla distanza dei 1000 metri dai tempi del successo alle Olimpiadi Giovanili di Singapore nel 2010, In gara ci saranno il campione europeo under 23 degli 800 metri Pierre Ambroise Bosse, che in questa stagione ha corso gli 800 in un eccellente 1’44”44 a Eugene, e il vice campione mondiale indoor Adam Kszczot.

L’obiettivo di Genzebe Dibaba sarà battere il primato del mondo dei 2000 metri detenuto dal 1994 dall’irlandese Sonia O’Sullivan con 5’25”36. La più piccola delle sorelle Dibaba, che quest’inverno ha battuto tre record del mondo sui 1500, sui 3000 e nelle 2 miglia durante la stagione indoor, ha vinto settimana scorsa i 5000 metri al Golden Gala Pietro Mennea in 14’34”99 riscattando il sesto posto sui 3000 metri a Doha. Durante il suo fantastico record mondiale sui 3000 metri indoor a Stoccolma transitò ai 2000 metri in 5’27”95 prima di tagliare il traguardo in 8’16”60.
“E’ stata mia sorella Tirunesh ad incoraggiarmi a venire a Ostrava dicendomi che è una pista veloce. Mi ha detto che battere il record qui è possibile. Non credo che ci sia molta differenza tra i 1500 e i 2000 metri. Semplicemente la distanza è un po’ più lunga e la velocità è diversa. Mi alleno con Jama Aden e sono l’unica donna in un gruppo quasi interamente maschile L’obiettivo per quest’anno è vincere i Campionati Africani e la Diamond League”, ha detto Genzebe

La due volte vincitrice della Maratona di Berlino Florence Kiplagat andrà all’attacco della migliore prestazione dei 20000 metri e dell’ora di corsa in pista. Kiplagat cercherà di proseguire la tradizione dei record battuti su queste distanze al Golden Spike iniziata con Haile Gebrselassie nel 2007 e proseguita con Dire Tune che coprì la distanza dei 18.507 metri in un’ora. Tegla Louruoe detiene la migliore prestazione mondiale di sempre dei 20000 con 1h05’26”5 nel 2000.

Nei 3000 metri validi per il Memorial Zatopek il campione del mondo dei 3000 indoor Calb Ndiku andrà all’attacco del primato del meeting di 7’31”68. Ndiku arriva a Ostrava dopo la vittoria a Eugene in 13’01”71 di Eugene e il secondo posto di Oslo.  In gara ci sarà anche il neozelandese Nick Willis, argento olimpico a Pechino sui 1500 metri e secondo al recente Dream Mile di Oslo.

Salto in alto maschile: BONDARENKO INGAGGIO DELL’ULTIMA ORA

Nel salto in alto mancheranno gli infortunati Ivan Ukhov e Erik Kynard ma ci sarà l’ucraino Andriy Protsenko, bronzo ai Mondiali Indoor di Sopot, che ha migliorato il suo record personale all’aperto con 2.35 a New York. All’ultimo è arrivata la notizia dell’ingaggio di Bohdan Bondarenko, che arriva a Ostrava dopo il clamoroso record europeo di 2.42 a New York. Bondarenko ha vinto l’anno scorso con 2.28 sotto la pioggia. L’obiettivo è battere il record del meetin di 2.32
 

MARTINOT LAGARDE SULLA PISTA DEL RECORD DEL MONDO DEI 110 OSTACOLI

Dayron Robles torna sulla pista dove nel 2008 realizzò il record del mondo con 12”87 ma avrà un compito molto impegnativo contro il francese Pascal Martinot Lagarde, che ha stabilito le due migliori prestazioni mondiali dell’anno con 13”12 a Oslo e 13”13 a Eugene, e il bronzo olimpico di Londra Hansle Parchment, secondo al mondo con 13”14.

Il meeting di Ostrava vivrà il suo prologo con le gare del martello con la sfida tra l’oro e l’argento dei mondiali di Mosca Pawel Fajdek e Krisztian Pars e il duello femminile tra la primatista mondiale Betty Heidler e la polacca Anita Wlodarczyk, oro ai mondiali di Berlino 2009 e argento ai Mondiali di Mosca e ale Olimpiadi.

Il primatista del mondo e campione mondo del decathlon Ashton Eaton disputerà il suo terzo 400 ostacoli dell’anno dopo il 49”16 di Hengelo e il 49”07 di Oslo.

Nel peso maschile ci sarà il due volte campione olimpico Tomas Majewski ma l’uomo più in forma è Kurt Roberts che in questa stagione ha lanciato a 21.47 all’aperto e 21.50 indoor.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
ANNA E LA SUA MARATONA DI VENEZIA: 42K DA CORRERE CON IL SORRISO
ALLA SCOPERTA DELLA LUCCAMARATHON 2017
2 MESI ALLA MARATONA DI PISA: SCOPRIAMO I PROGETTI CHARITY
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE