MEETING IAAF WORLD CHALLENGE: GATLIN 9″87 SUI 100, ROLLINS 12″58 SUI 100 OSTACOLI

Justin Gatlin (foto Colombo/FIDAL)
Justin Gatlin 9″87 a Pechino
(Fonte Colombo/Fidal)
Tre migliori prestazioni mondiali dell’anno e una grande serata dell’atletica cinese condita da quattro vittorie di atleti di casa hanno illuminato la bella serata del Meeting di Pechino del circuito IAAF World Challenge disputatasi al Bird’s Nest, teatro delle Olimpiadi 2008 e dei prossimi mondiali di atletica del 2015.

Tra tutti i risultati spiccano soprattutto le migliori prestazioni mondiali dell’anno di Justin Gatlin, 9”87  sui 100 metri, di Ana Simic, 1.98 nel salto in alto femminile e di Brianna Rollins, 12”58 sui 100 ostacoli
di Diego Sampaolo

Gatlin si è confermato il miglior velocista del momento bissando il successo di Shanghai con il primo posto di Pechino in 9”87, che ha migliorato di cinque centesimi di secondo il suo mondiale stagionale stabilito nella tappa cinese della Diamond League di Domenica scorsa. Il vice campione del mondo di Mosca ha rifilato 16 centesimi di secondo al connazionale Mike Rodgers. Terzo posto dell’intramontabile Kim Collins che con 10”11 ha preceduto di sette centesimi di secondo Zhang Peimeng (10”18)

“Non penso di aver mandato un messaggio a Bolt. Penso che sappia che sono un rivale molto difficile. Il mio obiettivo é concentrarmi su me stesso e migliorare di anno in anno”, ha detto Gatlin

Gatlin sarà in gara al Golden Gala il prossimo 5 Giugno contro il francese Jimmy Vicaut che ha corso in 9”95 a Aix Les Bains, Kim Collins

Nei 100 femminili Veronica Campbell ha mostrato progressi rispetto alle prime uscite stagionali vincendo i 100 femminili in 11”14.

La campionessa del mondo dei 100 ostacoli Brianna Rollins ha vinto la sua seconda gara consecutiva sui 100 ostacoli eguagliando con 12”58 la migliore prestazione mondiale dell’anno che lei stessa deteneva insieme alla connazionale Kristi Castlin. Rollins ha rifilato tre decimi di secondo al bronzo olimpico di Londra Kellie Wells.
Rollins correrà i 100 ostacoli al Golden Gala sfidando per la prima volta in Diamond League la campionessa olimpica Sally Pearson. In gara nel meeting romano anche le azzurre Marzia Caravelli e Veronica Borsi (primatista italiana con 12″76).

La croata Ana Simic ha bissato il successo di tre giorni fa a Shanghai migliorando il suo record personale di un centimetri con 1.98 al termine di un bel duello con Svetlana Radzivil nel quale le due atlete sono rimaste appaiate in classifica fino a 1.95.

Nell’alto maschile Ivan Ukhov non ha tradito le attese della vigilia superando 2.25, 2.32 e 2.36 sempre al primo tentativo prima di arrendersi al primo tentativo a 2.40m. Ha successivamente deciso di rinunciare agli ultimi due tentativi.

E’ stato un meeting ricco di soddisfazioni per gli atleti cinesi. Xie Wenjun ha bissato il successo sui 110 ostacoli vincendo anche al Bird’s Nest in 13”31 precedendo di sei centesimi di secondo il vice campione del mondo di Mosca Ryan Wilson, mentre Kevin Craddock ha avuto la meglio sull’ex campione olimpico e primatista del mondo Dayron Robles.

Nella seconda tappa del Challenge IAAF del Lancio del martello la cinese Wang Zheng ha stabilito la seconda migliore prestazione della sua carriera con 75.23. In questa stagione ha battuto il record asiatico con 77.28m. Più staccata in seconda posizione Martina Hrasnova con 71.68m. Solo settima la campionessa mondiale e olimpica Tatyana Lysenko con 68.72, dieci metri sotto il suo record personale.

Grande sorpresa nel salto con l’asta maschile dove Xue Changrui ha battuto il record cinese con 5.80 al secondo tentativo prima di provare senza successo la quota della migliore prestazione mondiale dell’anno a 5.94m.

Ha destato sensazione la vittoria del diciassettenne cinese Wang Wianan nel salto in lungo con 8.09 davanti al vice campione del mondo Li Jinzhe (8.00m).

La tedesca Christina Schwanitz, argento nel lancio del peso ai Mondiali di Mosca, ha avuto la meglio sulla cinese Gong Lijao (19.61).

Delusione per l’egiziano El Sayed, vincitore del giavellotto al meeting di Shanghai Domenica scorsa con 89.21 ma infortunatosi nella gara di Pechino. Il successo è andato al campione olimpico Keshorn Walcott con 83.94, seconda migliore misura della sua carriera

Il mezzofondo ha offerto buone prestazioni come il meno 1’45” del sudafricano André Olivier, vincitore degli 800 metri in 1’44”88, un’ottima gara di 1500 femminili vinta dalla marocchina Rababa Arafi in 4’02”71 davanti alla giovanissima etiope Gudaf Tsegay, autrice del nuovo record africano under 18 con 4’02”83 e all’albanese Luiza Gega, che ha migliorato il record nazionale con 4’03”12. Paul Kipsiele Koech ha vinto il duello dei 3000 siepi con il connazionale Jairus Birech con 51 secondi di vantaggio in 8’06”04. Purity Kirui si è imposta nei 3000 siepi femminili su Salima Alami e Birtukan Adamu con il tempo di 9’25”68.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Con TDS corri anche a Natale
19^ PisaMarathon: l’esordiente e l’ultramaratoneta entrano nell’albo d’oro
11° Allenamento di Natale: 1200 al via
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre