BONVECCHIO QUINTO ITALIANO DI SEMPRE IN ITALIA NEL GIAVELLOTTO

Silvia Salis
(Fonte Fidal)
Il prestigioso meeting tedesco Hallesche Werfertage giunto alla quarantesima edizione tutto dedicato ai lanci di Halle ha regalato grandi risultati sia in chiave internazionale che nazionale.

Su tutti spicca il successo del polacco Piotr Malachowski che ha battuto il campione olimpico, mondiale e europeo Robert Harting in una straordinaria gara di lancio del disco con la migliore prestazione mondiale dell’anno di 69.28 con la quale ha preceduto il tedesco di un metro esatto. Eccellente anche il 66.02m dell’altro tedesco Martin Wierig.
di Diego Sampaolo

La Germania ha confermato l’ottimo stato di salute del settore lanci vincendo nel peso femminile con la vice campionessa del mondo Christina Schwanitz che ha avvicinato la migliore prestazione dell’anno della campionessa olimpica e mondiale Valerie Adams (20.46) con un lancio di 20.22m, con Nadine Muller, che si è imposta nel disco femminile con 67.30m (terza migliore misura della sua carriera) e con la campionessa europea di Barcellona 2010 e bronzo olimpico 2012 Linda Stahl (63.90m). Sempre nel disco femminile sono da registrare le notevoli misure di Shanice Kraft (64.85) e Julia Fischer (64.83)

Di eccellenti contenuti anche il martello femminile che è stato vinto dalla cinese Zhang Wenxiu (tre volte medaglia di bronzo ai Mondiali) con la misura di 75.06m (terza prestazione mondiale dell’anno) davanti alla polacca Joanna Fiodorow (74.39) e alla tedesca Kathrin Klaas (73.40). Undicesimo posto della genovese Silvia Salis che ha realizzato il miglior lancio di 67.25m. La tedesca Betty Heidler, che sulla pedana di Halle realizzò l’attuale record del mondo con 79.42 nel 2011, non è andata oltre il nono posto con 68.21.

Sempre in chiave italiana va sottolineata la bella prestazione del giavellottista trentino Norbert Bonvecchio, che si é classificato quarto realizzando la quinta migliore prestazione italiana della storia e il minimo per i prossimi Campionati Europei di Zurigo con 79.31. La vittoria é andata al finlandese Ari Mannio con 82.47 davanti ai tedeschi Thomas Rohler (81.98) e Andreas Hoffmann (81.08).

Il campione del mondo Pawel Fajdek si è imposto nel martello maschile con 79.59 precedendo di dieci centimetri Dilshod Nazarov di dieci centimetri.

 

 

 

 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
C’era una vola la Torino – Saint Vincent.
LA MEZZA DI TREVISO OLTRE I 2.200 ISCRITTI
RDS radio partner della 32^ Huawei Venicemarathon
Abbigliamento Accessori Calzature
NUOVE ADIDAS ULTRABOOST ALL TERRAIN: TRASFORMA L’AUTUNNO NEL TUO ELEMENTO
ASICS LANCIA IL ‘SODDISFATTI O RIMBORSATI’
NUOVA COLLEZIONE MIZUNO PER IL TRAIL