GIORGIO CALCATERRA VINCE LA TAPPA ITALIANA DELLA WINGS FOR LIFE WORLD RUN

Giorgio Calcaterra. Ph. Wings for Life World Run

Giorgio Calcaterra, campione 100 km Ultramaratona, ha corso 72,96 km vincendo la tappa italiana della prima edizione della Wings for Life World Run.
Ambassador italiano, Calcaterra ha commentato così la sua vittoria: “ Il percorso è stato bellissimo, anche se duro. Il caldo ha influito molto sulla mia prestazione, ma sono molto contento di aver corso oltre 72 km”.
L’austriaca Astrid Kaltenboeck, grazie ai 35,49 km corsi, conquista il gradino italiano più alto nella categoria femminile, mentre si aggiudica il secondo posto Paola Massaroni con 31,46 km, compagna del Campione Calcaterra. Wings for Life World Run, la corsa più grande e unica mai organizzata prima, si è svolta in contemporanea in 32 Paesi del mondo e 34 location diverse, unendo più di 50.000 persone per la Fondazione Wings for Life a sostegno della Ricerca sulle Lesioni al Midollo Spinale.

I campioni mondiali sono stati gli ultimi due atleti raggiunti dalla Catcher Car: fra gli uomini l’etiope Lemawork Ketama, che ha corso in Austria 78,57 km, mentre tra le donne ha vinto in casa la norvegese Elise Molvik con 54,79 km.
I due vincitori assoluti si godranno un incredibile viaggio intorno al mondo che farà tappa a Salisburgo, Istanbul, Città del Capo, Hong Kong, Bangkok, Sydney, Fiji, Los Angeles e Rio de Janeiro, vivendo esperienze inestimabili per 25 giorni.

La location che ha ospitato la gara italiana è stata Verona, dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO per le sue bellezze artistiche. Il percorso scelto e selezionato dall’organizzazione è partito dalla città attraversando la Valpolicella, fino a raggiungere le coste del Lago di Garda e tracciando intorno alla città scaligera un anello in cui il punto più distante è a circa 25km. Atleti di livello mondiale, appassionati, principianti, professionisti e stelle del firmamento Red Bull si sono incontrati davanti all’Arena per correre insieme il primo evento globale di corsa mai organizzato prima. Fra gli atleti Red Bull le prestazioni migliori sono state quelle di Aaron Durogati, campione del mondo di parapendio che ha corso 40,39 km, e Alessandro Pittin, specialista nella combinata nordica con i suoi 30,08 km. A sostenere la Fondazione Wings for Life anche Giovanni Storti e Fiammetta Cicogna, ambassador italiani insieme a Giorgio Calcaterra.
L’instancabile assaggiatore di corse, in ripresa da un infortunio, si è comunque difeso bene percorrendo 19,2 km, mentre la presentatrice televisiva appassionata di sport e nuove sfide è arrivata a 17 km. 
“Non ho mai corso più di 10 km, sono felicissima di averne raggiunto questo traguardo! Quale è stata la mia forza e la mia benzina? Il pensiero di correre per tutte le persone che non possono farlo”, ha dichiarato commossa Fiammetta Cicogna.
Wings for Life World Run è infatti la corsa per chi non può correre perché l’intero ricavato è destinato alla ricerca sulle lesioni al midollo spinale. Anita Gerhardter, CEO della Fondazione Wings for Life ha dichiarato: “Sono orgogliosa di annunciare che la prima edizione della World Run ha già raccolto più di 3.000.000 €. E le donazioni stanno continuando”. Per chi l’ha vissuta, per chi ha seguito la diretta mondiale e per chi non c’era l’appuntamento 2015 è per domenica 3 maggio per la seconda edizione della Wings for Life World Run.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Lahcen Mokraji, sospeso in via cautelare
Notte Blu e Pisa Marathon: le modifiche al traffico
Aperta la 19^ PisaMarathon
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre