COPPA DEL MONDO DI MARCIA: DMYTRENKO VINCE LA 20 KM- RUBINO 1h20’44”

Giorgio Rubino (foto Colombo/FIDAL)
Rubino 1h20’44” a Taicang
(Fonte Colombo/Fidal)

L’ucraino Ruslan Dmytrenko ha conquistato il successo battendo il record nazionale con un eccellente 1h18’37” sotto la pioggia battente. Dmytrenko, settimo nelle ultime due edizioni dei Mondiali di Daegu e Mosca, quarto nell’ultima edizione della Coppa del Mondo a Saransk 2012 e medaglia d’argento alle Universiadi 2013 di Kazan, ha avuto la meglio sul cinese Cai Zelin di quindici secondi in una ripetizione della gara di un mese e mezzo fa al Memorial Albisetti di Lugano. Sotto il muro delle 1h19’ è sceso anche il russo Andrey Ruzavin con 1h18’59”.

di Diego Sampaolo

L’Ucraina ha vinto la gara a squadre piazzando tre atleti ai primi dieci posti. I padroni di casa della Cina hanno vinto l’argento a squadre con 23 punti (Cai Zelin secondo, Wang Zhen sesto e Chen Ding quindicesimo) precedendo il Giappone, terzo con 35 punti (guidato da Suzuki, ottimo quarto in 1h19’19”), mentre l’Italia si è classificata al nono posto.

“Questa vittoria è un miracolo per me. Sapevo di stare bene avendo vinto la gara di Lugano ma non mi aspettavo di vincere”, ha detto Dmytrenko.  

In una gara di eccellenti contenuti sul piano cronometrico il migliore degli italiani è stato il romano Giorgio Rubino, ventesimo al traguardo in 1h20’44”, primato stagionale e quarta migliore prestazione della sua carriera. Miglioramento cronometrico anche per Massimo Stano che ha abbassato il suo record di 2 minuti e 24 secondi portandolo a 1h23’01”. Lo specialista della 50 km Marco De Luca ha tagliato il cronometro in 51^ posizione in 1h23’34” dopo essere rimasto fermo per alcuni giorni a causa della febbre. Seguono più indietro in classifica il vice campione europeo juniores Vito Minei e Francesco Fortunato, rispettivamente sessantanovesimo in 1h25’51” e settantesimo in 1h25’57”, primato personale per entrambi.

10 km juniores femminile: La Cina ha centrato la doppietta piazzando ai primi due posti Dandan Duan e Jayu Yan Yang che hanno tagliato il traguardo rispettivamente in 43’05” (migliore prestazione mondiale dell’anno) e in 43’37”. La Cina ha vinto nettamente la classifica a squadre quattro anni dopo l’ultimo successo di Chihuaha 2010. La Spagna ha conquistato l’argento a squadre (grazie al quarto posto di Garcia Caro che ha stabilito il suo record personale di 45’29”), precedendo l’Australia, mentre la Russia non è salita sul podio a squadre juniores per la prima volta in questa rassegna.

La giovane promessa della Repubblica Ceca Anzhela Drahotova, campionessa europea juniores a Rieti 2013 e settima classificata ai Mondiali di Mosca, ha vinto la medaglia di bronzo in 43’40”, il primo podio per questo paese nella storia della Coppa del Mondo. La Drahotova è una giovane atleta capace di distinguersi con successo anche nel mezzofondo (è stata finalista agli Europei Juniores di Rieti nei 3000 siepi dopo aver vinto nella marcia) e nel ciclismo, sport nel quale ha partecipato ai Mondiali di Firenze dello scorso Settembre.

Buona prestazione della squadra italiana juniores che ha raccolto un positivo quinto posto grazie ai buoni piazzamenti individuali di Eleonora Dominici, tredicesima in 47’37” e Nicole Colombi, sedicesima in 48’22”. Entrambe le azzurrine si sono qualificate per i Mondiali Juniores di Eugene in programma dal 22 al 27 Luglio.

 

 

 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Lahcen Mokraji, sospeso in via cautelare
Notte Blu e Pisa Marathon: le modifiche al traffico
Aperta la 19^ PisaMarathon
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre