MIGLIORI PRESTAZIONI ITALIANE DI MARTA ZENONI E ILARIA VERDERIO

 Marta Zenoni (Petrucci/FIDAL)
Marta Zenoni (Fonte Fidal)
 
Spettacolo e grandi risultati al Meeting “Walk and Middle Distance” al Campo XXV Aprile di Via Cimabue in una bella serata di fine Aprile. Il meeting organizzato dal Top Running Club di Giorgio Rondelli, dedicato alla memoria di Ugo Grassia, ha regalato molti risultati di grande livello in campo giovanili.
di Diego Sampaolo

 
Su tutti brillano gli acuti di Marta Zenoni sui 1000 metri e Ilaria Verderio sui 500 metri. La bergamasca Zenoni, grande prospetto dell’atletica italiana, ha battuto la migliore prestazione italiana cadette e allieve dei 1000 metri correndo in 2’44”85. Il record cadette già le apparteneva con 2’46”79 stabilito nel 2013 nell’anno in cui ha battuto anche il primato nazionale cadette dei 2000 metri di Nicole Svetlana Reina con un eccellente 6’07”34. Ciò che ha stupito é il record allieve che apparteneva ad un monumento dell’atletica italiana come la campionessa olimpica dei 1500 di Los Angeles 1984 Gabriella Dorio che fermò il cronometro in 2’46”2 a Rieti nel 1973. Marta Zenoni si allena con Saro Naso, tecnico dei campioni italiani degli 800 metri Marta Milani e Michele Oberti e gareggia per l’Atletica Brusaporto.

L’altra grande impresa della serata del XXV Aprile porta la firma di Ilaria Verderio. La portacolori della Pro Sesto, campionessa italiana allieve dei 200 metri a Ancona e primatista italiana juniores con la 4×200 in occasione del triangolare internazionale di Halle tra Italia, Germania e Francia, ha fermato il cronometro in 1’11”91 finendo nella scia dell’azzurra Marta Milani, autrice di un buon 1’11”07.

Molto brava anche la figlia d’arte Federica Del Buono che ha vinto i 1000 metri in 2’39”49. Federica è figlia dei mezzofondisti azzurri Gianni Del Buono e Rossella Gramola.

Sui 500 metri brilla l’ottocentista Giordano Benedetti che ha fermato il cronometro in un ottimo 1’01’62 in un buon test in vista degli 800 metri della stagione estiva che culminerà con gli Europei di Zurigo. L’atleta trentino ha trascinato Roberto Severi (1’01”75) e Mor Seck (1’02”23) e Paolo Danesini (1’03”89).

La campionessa italiana assoluta dei 3000 siepi Nicole Svetlana Reina, atleta ancora allieva, ha mancato il record italiano under 18 dei 2000 siepi di Valeria Roffino di cinque secondi chiudendo in 6’45”25 davanti alla figlia d’arte Elisa Cova, seconda in 6’46”67.

Francois Marzetta si Imposto nei 2000 siepi in 5’43”45 precedendo il talento toscano di origini etiopi Yohannes Chiappinelli che ha fermato il cronometro in un ottimo 5’48”97.

 

 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Hoka One One e Ironman, partnership estesa ad Europa e Nord America
VENICE NIGHT TRAIL, UN’EDIZIONE DA RECORD
Tutti i risultati delle gare firmate da TDS il 21 e 22 aprile
Abbigliamento Accessori Calzature
Tutto sulle nuove adidas UltraBOOST e UltraBOOST X
Correre con il passeggino? Ora è ancora più facile
Da 1 a 21… Ecco la nuova Mizuno Wave Rider