CARIFTA GAMES, BELOCIAN ASTRO NASCENTE DEI 110 OSTACOLI

I Carifta Games hanno rivelato come da tradizione tante stelle del futuro dell’atletica giovanile dei Caraibi. I Campionati giovanili caraibici nati 42 anni fa sono una vera fucina di campioni che nel corso degli anni hanno vinto medaglie ai Mondiali e alle Olimpiadi come Usain Bolt, Yohan Blake, Jehue Gordon e Kirani James solo per citare alcuni nomi celebri saliti sulla ribalta negli ultimi anni.
di Diego Sampaolo

Il nome più interessante emerso dall’edizione 2014 disputata nel fine settimana di Pasqua è lo specialista francese dei 110 ostacoli Wilhelm Belocian che ha gareggiato in questa rassegna per la sua origine caraibica.

Belocian ha trionfato nei 110 ostacoli in 13”23 precedendo di due centesimi di secondo il giamaicano Tyler Mason. Entrambi sono scesi sotto il vecchio record dei campionati stabilito dal trinidegno Jehue Gordon che lo scorso anno si è laureato campione del mondo dei 400 ostacoli a Mosca.

Belocian ha vinto l’estate scorsa i Campionati Europei Juniores di Rieti battendo l’azzurro Lorenzo Perini. Sulla pista del Raul Guidobaldi di Rieti Belocian migliorò il record europeo juniores detenuto dal polacco Arthur Noga con 13”18 trascinando l’azzurro cresciuto nell’Osa Saronno al record italiano di 13”30. In occasione dei Carifta Games Belocian ha sfiorato di cinque centesimi il record europeo di Rieti. Il record del mondo juniores con gli ostacoli da junior è il 13”08 stabilito dall’ex statunitense Wayne Davis nel 2009 ma con gli ostacoli da seniore il primato è detenuto da Liu Xiang che realizzò 13”12 in occasione del meeting Athletissima di Losanna del 2002.

Belocian è emerso nel 2011 in occasione della medaglia di bronzo ai Mondiali allievi di Lilla. L’anno seguente il francese di origini caraibiche ha vinto un altro bronzo ai Mondiali Juniores di Barcellona 2012.

Nel Marzo scorso Belocian ha migliorato il record mondiale juniores dei 60 ostacoli detenuto dal greco Konstantinos Douvailidis correndo in 7”48 ai Campionati Francesi Juniores di Val de Reuil in Normandia. L’obiettivo per la stagione all’aperto potrebbe essere il record del mondo juniores dei 110 ostacoli in occasione dell’estate che culminerà con i Campionati del Mondo Under 20 di Eugene.

Sempre dagli ostacoli è arrivato l’altro grande acuto della rassegna giovanile riservata alle categorie under 18 e under 20. Il campione del mondo under 18 Jaheel Hyde ha centrato la doppietta vincendo 110 ostacoli e 400 ostacoli in 13”10 (tempo che avrebbe sfiorato di un centesimo il record del mondo under 18 dei 110 ostacoli se non fosse stato per il vento troppo forte di +2.2 m/s) e i 400 ostacoli in 51”21.

Un altro campione del mondo under 18 Micahel O’Hara ha conquistato il successo sui 200 metri (distanza sulla quale trionfò la scorsa estate a Donetzk) facendo segnare un ottimo 20”50 che gli ha permesso di battere il connazionale Jevaughn Minzie.

Minzie si è aggiudicato i 100 metri della categoria under 20 in 10”18 precedendo Levi Cadogan delle Barbados (10”25).

Nella categoria under 18 Raheem Chambers ha fatto segnare un ottimo 10”27 precedendo Wassem Williams (10”33). Jonielle Smith ha fermato il cronometro sui 100 metri under 20 in 11”17 sospinta da un vento troppo forte di +5.1 m/s.

Akela Jones delle Barbados ha vinto il Premio Austin Sealey che viene dato all’atleta che realizza la migliore prestazione dei Campionati per aver realizzato la doppietta nei 100 ostacoli in 13”55 e il lungo con 6.32. Il premio di migliore atleta dei Carifta Games venne vinto in passato da Usain Bolt, Yohan Blake, Jehue Gordon e Kirani James

Michael Cedenio di Trinidad and Tobago ha conquistato il successo sui 400 metri under 20 in un eccellente 45”95.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Lahcen Mokraji, sospeso in via cautelare
Notte Blu e Pisa Marathon: le modifiche al traffico
Aperta la 19^ PisaMarathon
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre