SOPOT 2014: MARZIA CARAVELLI IN SEMIFINALE CON 7″97



Marzia Caravelli 7″97
va in semifinale
(Fonte Colombo/Fidal)

La prima giornata si è colorata anche un po’ di azzurro grazie all’impresa di Marzia Caravelli che scende per la prima volta in carriera sotto gli 8 secondi nelle batterie dei 60 ostacoli correndo in 7”97 diventando la seconda in Italia di sempre a pari merito con Carla Tuzzi a tre centesimi di secondo dal record italiano di Veronica Borsi stabilito lo scorso anno agli Europei di Goteborg.

di Diego Sampaolo

“Il tempo è arrivato nell’occasione giusta. Dopo gli Assoluti ho lavorato molto sulla fase d’avvio e sto raccogliendo il frutto di questo lavoro”, ha detto Caravelli.  

Marzia ha studiato da interprete dellinguaggio dei segni e ha lavorato come assistente nelle scuole con i bambini sordi. Ora si allena a tempo pieno dopo il reclutamento con l’Aeronautica. 

Si difende la campionessa italiana Giulia Pennella che non passa ilturno ma con 8”16 si batte sui suoi livelli e realizza il terzo tempo della sua carriera.

Nelle batterie dei 60 ostacoli brilla soprattutto la stella dell’australiana Sally Pearson che eguaglia il suo record stagionale con 7”79, tempo già fatto registrare settimana scorsa a Berlino nella prima edizione del meeting ISTAF Indoor. Per l’atleta australiana si tratta del miglior tempo mai fatto registrare in una batteria di un mondiale.

Pearson a parte si sono distinte la francese Cindy Billaud (7”87),  la statunitense Nia Ali (7”87) e la panamense Yvette Lewis (7”87).

Buona prova di Fabio Cerutti che ha ottenuto il pass per la semifinale con 6”67, tempo che è bastato per passare il turno. Al termine delle batterie i più veloci sono stati i britannici Richard Kilty con 6”53 e Dwain Chambers con 6”57, mentre il campione statunitense Marvin Bracy finisce terzo in 6”60. 

Pavel Maslak e Chris Brown sono stati i vincitori delle semifinali dei 400 metri rispettivamente con 45”79 e 46”19. Il vice campione olimpico Luguelin Santos viene eliminato in semifinale, mentre il favorito Lalonde Gordon di Trinidad viene ammesso alla finale solo dopo dopo la squalifica del giamaicano Edino Steele. 

Incredibile esito nelle semifinali dei 400 femminili dove la russa Ksenya Ryzhova si è classificata quarta in 51”64 (tempo migliore di oltre un secondo rispetto al 52”82 della vincitrice della seconda semifinale Patricia Hill) in una gara molto competitiva vinta dalla statunitense Francena McCorory in 51”35 davanti a Kaliese Spencer (51”58) e alla bahamese Shaunae Miller (51”63).

La grande sorpresa della prima giornata è arrivata dal polacco Adrian Stralkovski che nelle qualificazioni del salto in lungo supera per la prima volta la barriera degli 8 metri con la misura di 8.18.

                                                         

Lascia un commento

Freelifenergy
Periodizzazione dell’allenamento e gestione del periodo di off season, anche nell’alimentazione: ecco cosa devi sapere!
Lo sport è scienza con equipeenervit.com
I vantaggi della capillarizzazione nello sport
#pastaparty
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video