IL SABATO DELL’ATLETICA ITALIANA INDOOR: GRECO 16.65, DONATO 16.58, TROST 1.92

Daniele Greco (foto Colombo/FIDAL)

Daniele Greco ha vinto per la prima volta in carriera contro l’amico Fabrizio Donato in una gara al coperto nell’attesa sfida del salto triplo nella riunione nazionale indoor disputata al Banca Marche Palas di Ancona.
di Diego Sampaolo


IL campione europeo indoor di Goteborg 2013 ha superato Donato per sette centimetri con la miglior misura di 16.65 al quinto tentativo. Il campione europeo all’aperto e bronzo olimpico Donato si è portato in testa con 16.58 al secondo tentativo. Greco ha superato il finanziere alla quinta prova con un salto vincente di 16.65m. Donato continua a guidare negli scontri diretti indoor per 5-1.

I due campioni del salto triplo italiano si ritroveranno con molta probabilità sulla pedana marchigiana in occasione dei Campionati Italiani Assoluti del 22-23 Febbraio.

Nel ricco Sabato dell’atletica italiana ha gareggiato Alessia Trost che sulla pedana di casa di Pordenone ha superato la quota di 1.92 al secondo tentativo dopo aver valicato senza problemi le quote di 1.75, 1.80 e 1.86. L’allieva di Gianfranco Chessa ha successivamente tentato senza successo la quota di 1.98, misura che le permise di vincere il titolo europeo under 23 a Tampere la scorsa estate. In questa stagione la campionessa mondiale juniores di Barcellona 2012 ha superato la misura di 1.96 nel corso di una gara di pentathlon dove ha totalizzato 4035 punti

Alle sue spalle Desirée Rossit e Elena Vallortigara hanno superato entrambe 1.75.

“Dopo aver superato 1.92 ho scelto di provare 1.98 perché è su queste misure che devo avere sempre più confidenza. Gareggerò settimana prossima ai Campionati Italiani Giovanili di Ancona dove potrei affrontare anche il salto in lungo”, ha detto Alessia Trost.

Buona prestazione dell’ostacolista Giulia Pennella che si è classificata seconda al meeting Gugl Indoor di Linz in 8”19 battuta di due centesimi di secondo dalla croata Andrea Ivancevic. Per la Pennella si tratta della terza migliore prestazione in carriera a soli sei centesimi di secondo dal suo record personale stabilito nel 2011 a Ancona. Quinto posto di Matteo Rubbiani con 5.20 nella gara vinta dal ceco Jan Kudlizka con 5.40

Gloria Hooper ha realizzato 7”41 nella finale sulla pista al coperto di Modena dopo aver fermato il cronometro in 7”51 nella batteria. Secondo posto per Judy Ekeh con 7”55.

Lascia un commento

Freelifenergy
Come dimagrire con la corsa: scopri i programmi di allenamento!
L’importanza dell’alimentazione e dell’integrazione post allenamento
Ferro con Vitamina C Matt: ridurre la stanchezza e l’affaticamento è facile come bere un bicchiere d’acqua
#pastaparty
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video