HEATH VINCE IL CROSS DI EDIMBURGO BATTENDO KIPROP E BEKELE – CRIPPA SECONDO

YYemaneberhan Crippa
(fìFonte Colombo/Fidal)

Il campione statunitense di corsa campestre Garreth Heath ha vinto a sorpresa la gara internazionale di 4 km del Cross IAAF Permit Meeting di Edimburgo nella straordinaria cornice deel parco della residenza reale di Holyrood Park. La gara scozzese ha ribaltato completamente le previsioni della vigilia che vedevano come favoriti il de volte campione del mondo dei 1500 metri Asbel Kiprop e il primatista mondiale dei 5000 e dei 10000 metri e undici volte campione del mondo di corsa campestre Kenenisa Bekele.

di Diego Sampaolo


Heath ha lanciato l’attacco decisivo a 200 metri dalla fine e si è involato verso la vittoria in 11’51” con un secondo di vantaggio sul giovane etiope Meresa Kahsay, campione mondiale allievi sui 2000 siepi. Asbel Kiprop, il quarto atleta della storia sui 1500 metri con il 3’27”72 realizzato la scorsa estate a Montecarlo, ha tagliato il traguardo in terza posizione in 11’58” James Magut ha concluso in quarta posizione in 12’00” con due secondi di vantaggio su Bekele.

“Ho lanciato il mio attacco sperando che nessuno riuscisse a superarmi. E’ la vittoria più significativa della mia carriera. E’ un grande inizio per la mia stagione e questo successo mi dà fiducia per le prossime gare. Punto a qualificarmi per i Mondiali Indoor di Sopot”, ha dichiarato Heath.

Kiprop, coinvolto in un incidente stradale in Novembre per fortuna senza conseguenze, non era deluso dopo il terzo posto anche in considerazione del fatto che la gara si è svolta su una distanza molto lunga per le sue caratteristiche di miler da pista e su un percorso ricco di saliscendi. “Era la prima gara della stagione e per questo il terzo posto non é un cattivo risultato. Non ho subito ferite nell’incidente e potuto riprendere gli allenamenti”, ha commentato Asbel Kiprop.

Bekele, tre volte vincitore a Edimburgo dal 2006 al 2008 si presentava alla gara scozzese con il desiderio di riscattare il quarto posto del 2011 e l’undicesimo posto nel 2012. La distanza dei 4 km era troppo breve per il campione etiope che ha affrontato il cross scozzese nel pieno della preparazione per la prossima maratona di Parigi del 6 Aprile dove debutterà sulla distanza dei 42 km. “Sto lavorando sulle distanze lunghe e sto correndo 240 km a settimana in vista di Parigi. Oggi mancava la velocità perché non ho svolto allenamenti sulle distanze più brevi. Ho preferito la maratona di Parigi a quella di Londra perché ho bisogno di fare esperienza su questa distanza e la gara francese si adatta meglio alle mie esigenze. Devo imparare ancora a gestire il mio ritmo su questa distanza. Amo molto correre a Parigi perché in questa città ho vinto il primo dei miei titoli mondiali nel 2003”, ha detto Bekele. 

Gemma Steel ha conquistato la vittoria nella gara del cross lungo femminile di 6 km valido per il triangolare tra Europa, Gran Bretagna e Stati Uniti. Steel, argento agli Europei di cross di Belgrado dello scorso Dicembre, ha contribuito al successo del team britannico nel triangolare davanti all’Europa e agli Stati Uniti. Steel ha conquistato il successo in 20’35” superando l’irlandese Fionnuala Britton, campionessa europea di cross nel 2011 e nel 2013 e vincitrice delle ultime due edizioni del Cross di Edimburgo. Emelia Gorecka campionessa europea juniores di cross a Belgrado, ha completato il podio della gara femminile seniores.

Della squadra continentale hanno fatto parte anche gli azzurrini Yemaneberhan Crippa e Angelica Olmo. Il trentino di origini etiopi, sesto ai Mondiali allievi di Donetzk 2013 e settimo agli Europei Juniores di cross, è stato il grande protagonista nella gara juniores andando in testa a metà gara ma è stato superato nel finale dal francese Alexis Miellet che lo ha rimontato nell’ultimo giro. Il transalpino ha conquistato il successo in 19’07” precedendo di sette secondi l’allievo di Massimo Pegoretti, ex specialista dei 1500 metri.

Nella rappresentativa giovanile del Vecchio Continente era presente anche l’altra azzurrina e portacolori del Cus Pavia Angelica Olmo che ha tagliato il traguardo in sedicesima posizione in sedicesima posizione in 15’08” in una gara monopolizzata dalle atlete di casa. Il successo è andato alla britannica Bobby Clay in 13’59” con quattro secondi di vantaggio sulla sorella Alex Clay. Terzo posto per l’altra britannica Lydia Turner in 1410”.

Il ventitreenne Chris Derrick ha vinto il cross lungo sulla distanza degli 8 km valido per il triangolare ma non è bastato alla squadra a stelle e strisce per superare Gran Bretagna e Europa nella classifica a squadre. Derrick è campione statunitense di cross e si è classificato al decimo posto ai Mondiali di Cross 2013. Il giovane statunitense ha tagliato il traguardo in 24’11” superando Vernon (24’21”) e Bashir (24’27”). Lo spagnolo di origini etiopi Alemayehu Bezabeh, laureatosi campione europeo a Belgrado per la seconda volta, non è andato oltre il nono posto in 24’48”.

La Gran Bretagna ha vinto il triangolare totalizzando 159 punti, 13 in più rispetto all’Europa. Terzi gli Stati Uniti con 203 punti.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Lahcen Mokraji, sospeso in via cautelare
Notte Blu e Pisa Marathon: le modifiche al traffico
Aperta la 19^ PisaMarathon
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre