Lago Maggiore Marathon, vincono Maina e Mude

Ancora una volta sono gli atleti africani a caratterizzare l’ordine d’arrivo della 3^ edizione della Lago Maggiore Marathon, disputatasi oggi sul rinnovato percorso con partenza e arrivo a Verbania.

La gara maschile è stata vinta dal keniota Charles Maina: l’atleta degli altipiani in realtà avrebbe dovuto sostenere il ruolo di pace maker fino al 30° km, con licenza eventualmente di continuare la gara, ma già prima del traguardo della mezza maratona, posizionato a Stresa, era davanti al più immediato inseguitore, il vincitore dello scorso anno Benazzouz Slimani, già di 20″. A quel punto Maina ha proseguito, giungendo tutto solo sul traguardo di Verbania Pallanza in 2h16’50”.


Slimani, evidentemente in condizioni fisiche non perfette, è giunto si secondo, ma staccato di quasi 4′: 2h20’07” il tempo finale dell’atleta del CUS Parma; al terzo posto il giovane russo Alexander Krotovic, in 2h24’13”.
Non è stato necessario attendere molto per vedere l’arrivo della prima donna: infatti la favorita delle vigilia, l’etiope Zeytuna Mude, ha concluso addirittura al quarto posto assoluto in 2h37’17”, suo nuovo record personale e nuovo record femminile della Lago Maggiore Marathon (il precedente, stabilito lo scorso anno dalla connazionale Keneni Gudeta, era di 2h37’30”). Lo sforzo dell’etiope è stato tale che dopo il traguardo è stata preda di forti dolori muscolari, ma grazie anche a pronte cure mediche l’atleta si è presto ristabilita.
Grazie a Simona Giuliani, seconda in 3h06’21” e a Simona Cassissa, terza in 2h13’29”, almeno il podio femminile si è un po’ colorato di azzurro.

Se la giornata, una di quelle che Battisti avrebbe definito “uggiosa”, è stata decisamente grigia, con qualche scroscio di pioggia, e non ha permesso ai podisti di godere appieno delle bellezze paesaggistiche del percorso che costeggia il Lago Maggiore, a far sorridere lo staff di Sport PRO-MOTION, che organizza la LMM, sono stati i numeri: 2.224 iscritti totali, quasi 700 (!) più dello scorso anno, a conferma del fatto che il cambio di percorso è stata una scelta apprezzata e che il Lago Maggiore è meta ambita per gli amanti del podismo.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Sara Dossena correrà la T-Fast 10k
L’ACQUA ALLA STRAMILANO? IO L’HO BUTTATA!
Doping: sentenza per Luisa Betti, ultramaratoneta. Squalificata per…
Freelifenergy
Integrare sali minerali senza zucchero, coloranti ed aromi chimici
Sono importanti le proteine nell’attività sportiva?
Come migliorare la capacità di adattamento del tuo corpo
#pastaparty
Vito Intini vicepresidente IUTA Italian Ultramarathon and Trail Association parla a #pastapartyRuntoday di…
#Pastaparty oggi vi parla di sindrome della bandelletta ileotibiale
#Pastaparty oggi vi parla del dolore al #piriforme – Osteopata puntata 2