Lago Maggiore Marathon, vincono Maina e Mude

Ancora una volta sono gli atleti africani a caratterizzare l’ordine d’arrivo della 3^ edizione della Lago Maggiore Marathon, disputatasi oggi sul rinnovato percorso con partenza e arrivo a Verbania.

La gara maschile è stata vinta dal keniota Charles Maina: l’atleta degli altipiani in realtà avrebbe dovuto sostenere il ruolo di pace maker fino al 30° km, con licenza eventualmente di continuare la gara, ma già prima del traguardo della mezza maratona, posizionato a Stresa, era davanti al più immediato inseguitore, il vincitore dello scorso anno Benazzouz Slimani, già di 20″. A quel punto Maina ha proseguito, giungendo tutto solo sul traguardo di Verbania Pallanza in 2h16’50”.


Slimani, evidentemente in condizioni fisiche non perfette, è giunto si secondo, ma staccato di quasi 4′: 2h20’07” il tempo finale dell’atleta del CUS Parma; al terzo posto il giovane russo Alexander Krotovic, in 2h24’13”.
Non è stato necessario attendere molto per vedere l’arrivo della prima donna: infatti la favorita delle vigilia, l’etiope Zeytuna Mude, ha concluso addirittura al quarto posto assoluto in 2h37’17”, suo nuovo record personale e nuovo record femminile della Lago Maggiore Marathon (il precedente, stabilito lo scorso anno dalla connazionale Keneni Gudeta, era di 2h37’30”). Lo sforzo dell’etiope è stato tale che dopo il traguardo è stata preda di forti dolori muscolari, ma grazie anche a pronte cure mediche l’atleta si è presto ristabilita.
Grazie a Simona Giuliani, seconda in 3h06’21” e a Simona Cassissa, terza in 2h13’29”, almeno il podio femminile si è un po’ colorato di azzurro.

Se la giornata, una di quelle che Battisti avrebbe definito “uggiosa”, è stata decisamente grigia, con qualche scroscio di pioggia, e non ha permesso ai podisti di godere appieno delle bellezze paesaggistiche del percorso che costeggia il Lago Maggiore, a far sorridere lo staff di Sport PRO-MOTION, che organizza la LMM, sono stati i numeri: 2.224 iscritti totali, quasi 700 (!) più dello scorso anno, a conferma del fatto che il cambio di percorso è stata una scelta apprezzata e che il Lago Maggiore è meta ambita per gli amanti del podismo.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
A SAN VENDEMIANO NASCE ATL.ETICA, UN SALTO… CULTURALE!
Servizi al top e grande cuore per la ‘6 ore per le vie di Curinga’
Succede che chi vince l’argento…scrive a chi vince l’oro. Franscesco Puppi l’ha fatto
Abbigliamento Accessori Calzature
HOKA ONE ONE RIVISITA LE CLIFTON 4 E LE SPEEDGOAT 2
Scopri La Maglia Tecnica Ufficiale della 32^ Venicemarathon
ASICS lancia la GEL-FujiRado