BONDARENKO E HEJNOVA ATLETI EUROPEI DELL’ANNO

Bohdan Bondarenko
atleta europeo
dell’anno (Fonte Colombo/
Fidal)
L’ucraino Bohdan Bondarenko, campione mondiale del salto in alto a Mosca con 2.41, e la ceca Zuzana Hejnova, campionessa mondiale dei 400 ostacoli in 52”83, sono stati eletti Atleti Europei dell’Anno dall’Associazione Europea di atletica EA in occasione del tradionale Gala dell’Atletica Europea celebrato a Tallin, capitale dell’Estonia, e trasmesoo in diretta dalla televisione estone e visibile online in tutto il mondo.
di Diego Sampaolo



Il serbo Emir Bekric, medaglia di bronzo ai Mondiali di Mosca e campione europeo under 23 a Tampere sui 400 ostacoli, e l’islandese Anita Hinriksdottir, campione mondiale under 18 a Donetzk e medaglia d’oro agli Europei Juniores a Rieti, sono stati eletti atleti europei emergenti under 23.

Bondarenko ha superato due volte la misura di 2.41 a Losanna e ai Mondiali di Mosca diventando il primo atleta in grado di superare questa altezza dal 1994 quando Javier Sotomayor superò due volte 2.41 e una volta 2.42. La giovane stella ucraina, che ha vinto anche la Diamond Race, ha preceduto il campione olimpico e mondiale dei 5000 e dei 10000 Mo Farah e il campione del mondo del lancio del martello Pawel Fajdek nella votazione alla quale hanno partecipato rappresentanti dei media europei, fans e dirigenti delle federazioni europee.

“Quest’anno più saltatori hanno dimostrato di valere misure superiori a 2.40. Penso che in futuro sia possibile battere il record del mondo. Non dormirò finché non avrò battuto il primato mondiale”, ha detto Bondarenko.

Hejnova ha vinto tutte le 13 gare alla quale ha partecipato incluse batterie, semifinali e finali dei mondiali di Mosca e le sette gare della Diamond League 2013 alla quale ha preso parte. Hejnova ha superato nella votazione Yelena Isinbayeva, campionessa mondiale del salto con l’asta e la nostra maratoneta Valeria Straneo, argento a Mosca

“Quest’anno ho cambiato allenatore. Ora mi segue Dalibor Kupka. Mi alleno in un gruppo tutto maschile. Allenarmi con un gruppo competitivo é stimolante e mi dà fiducia. Non avrei mai immaginato di diventare atleta europea dell’anno.”, ha detto Hejnova. 

Bekric ha vinto il titolo europeo under 23 e il bronzo mondiale in 48”05, secondo tempo europeo under 23 all-time dopo aver stabilito il record serbo già in semifinale con 48”36. Bekric ha avuto la meglio sul velocista britannico Adam Gemili, campione europeo sui 100 e quinto ai Mondiali di Mosca sui 200 in 20”08 (a quattro centesimi dal bronzo) dopo aver fermato il cronometro in 19”98, secondo tempo britannico della storia dopo il 19”94 di John Regis. Terzo posto per il campione mondiale under 18 Karsten Warholm della Norvegia.
“Sono sempre orgoglioso di rappresentare il mio paese. Durante i Mondiali ho ricevuto molto sostegno nel mio paese. Sono ancora giovane e voglio continuare ad allenarmi duramente e migliorarmi. Spero di vincere altre medaglie in futuro”, ha detto Bekric

L’ottocentista islandese Anita Hinriksdottir ha vinto ad appena 17 anni il titolo mondiale allievi a Donetzk in 2’01″13 e una settimana dopo gli Europei Juniores di Rieti in 2’01″14  sugli 800 diventando la prima atleta del suo paese capace di vincere una medaglia d’oro in una grande rassegna internazionale. L’islandese ha preceduto l’olandese Dafne Schippers, medaglia di bronzo mondiale nell’eptathlon e campionessa europea under 23 sui 100 metri, e la serba Amela Terzic, campionessa europea under 23 sui 1500.

“Ho iniziato la preparazione per la prossima stagione due settimane fa. Il mio obiettivo é scendere sotto i 2 minuti”, ha detto Hinriksdottir. 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
CORRI IN REPUBBLICA CECA: MATTONI ÚSTÍ NAD LABEM HALF MARATHON 2017
I RISULTATI DELLE GARE TDS DEL WEEKEND
A SAN VENDEMIANO NASCE ATL.ETICA, UN SALTO… CULTURALE!
Abbigliamento Accessori Calzature
HOKA ONE ONE RIVISITA LE CLIFTON 4 E LE SPEEDGOAT 2
Scopri La Maglia Tecnica Ufficiale della 32^ Venicemarathon
ASICS lancia la GEL-FujiRado