IL CAMPANILE DI PIAZZA SAN MARCO TIENE A BATTESIMO LA SFIDA TRA ANDREA LALLI E RUGGERO PERTILE

Mancano ancora quattro settimane alla 28^ Venicemarathon, ma la sfida tra Andrea Lalli e Ruggero Pertileè già cominciata.
Questa mattina i due campioni azzurri si sono dati appuntamento a Venezia, per una chiacchierata informale con la stampa.
Sul taxi acqueo che li accompagnava in Piazza San Marco il molisano Lalli, per la prima volta in laguna, ascoltava con attenzione la descrizione dell’esperto Pertile riguardo al ponte di barche che verrà costruito per attraversare il Canal Grande da Punta della Salute a Piazza San Marco. I due, poi, si sono divertiti a mostrare i muscoli all’ombra del campanile di San Marco, a camminare a piedi nudi nell’ ‘acqua alta’ e a dare il via ufficiale alla sfida che domenica 27 ottobre li vedrà impegnati da Villa Pisani e Riva Sette Martiri.

La Venicemarathon infatti quest’anno, come ha illustrato il presidente del Venicemarathon Club Piero Rosa Salva, punta tutto sugli italiani, per dare risalto all’atletica azzurra: “E’ stato un grande sforzo per noi avere al via due nomi come Lalli e Pertile, ma siamo molto felici di essere riusciti in quest’impresa, anche perché è dal 1995 un italiano non vince a Venezia (Danilo Goffi) e poi perché riteniamo sia importante puntare sul nostro movimento e sui nostri atleti”.

Insieme a loro ha proseguito Adriano Pellizzon,responsabile atleti elite del Venicemarathon Club – ci saranno anche atleti stranieri con i quali stiamo definendo la partecipazione, ma saranno tutti maratoneti che se la potranno giocare con i nostri azzurri. Non nascondo, però, la speranza di una vittoria italiana”.

Ruggero Pertile, 39 anni, padovano e portacolori dell’Assindustria Padova, decimo lo scorso anno ai Giochi Olimpici di Londra e con 25 maratone sulle spalle, si sente molto deciso: “A Venezia punto a vincere. Dopo Roma, Torino, Padova e Aquileia-Cividale, manca nella mia lunga collezione, proprio una vittoria in laguna. D’altronde qui, nel 1995, feci la lepre a Goffi e Leone, nel 1999 ci fu il mio debutto e quindi quest’anno non posso far altro che cercare di vincerla. Mi sto allenando duramente per questo e credo di poter correre attorno alle 2h09’. Il mio sponsor, Supermercati Alì, sta persino lanciando una scommessa su chi indovinerà il mio tempo. Di sicuro, questo non sarà un passaggio di testimone tra me e Andrea, perché nel cassetto covo il sogno di un oro continentale agli Europei di Zurigo del prossimo anno. Sono però molto contento che Andrea voglia intraprendere la strada della maratona perché abbiamo bisogno di nuovi Baldini.”.

Il finanziere 26enne Andrea Lalli, dopo i tre titoli europei di cross (Juniores nel 2006, Under 23 nel 2009 e Assoluti nel 2012) è pronto al grande passo nella più famosa gara su strada. “Ci tenevo ad esordire a Venezia, mi piace questa città e sono felice che gli organizzatori hanno puntato su di me e su Ruggero. E’ un bel segnale per il nostro movimento. Mi sento pronto per questo debutto. I lavori duri svolti in questi mesi e il tempo ottenuto alla Mezza Maratona di Udine (1h02’30”) mi danno molta sicurezza. Rimane solo un’incognita: capire come reagirà la mia testa alla distanza, ma questo lo scopriremo solo domenica 27 ottobre, soprattutto dopo il lunghissimo Ponte della Libertà. L’importante sarà non ‘saltare di testa’. E’ comunque un onore trovare in gara un atleta come Ruggero”.

Occhi puntati, quindi, sulla sfida azzurra domenica 27 ottobre alla 28^ Venicemarathon.



Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
A SAN VENDEMIANO NASCE ATL.ETICA, UN SALTO… CULTURALE!
Servizi al top e grande cuore per la ‘6 ore per le vie di Curinga’
Succede che chi vince l’argento…scrive a chi vince l’oro. Franscesco Puppi l’ha fatto
Abbigliamento Accessori Calzature
HOKA ONE ONE RIVISITA LE CLIFTON 4 E LE SPEEDGOAT 2
Scopri La Maglia Tecnica Ufficiale della 32^ Venicemarathon
ASICS lancia la GEL-FujiRado