HOWE RITORNA CON 7.43 AL DECANATION

Andrew Howe é tornato in nazionale dopo tre anni di assenza in occasione del Decanation di Valence, incontro tra Italia, Stati Uniti, Germania, Francia, Russia, Cuba, Rappresentativa dei Balcani e Seleione scandinava.
di Diego Sampaolo 

Il reatino, che non gareggiava in nazionale dagli Europei di Barcellona 2010, ha ottenuto un miglior salto di 7.43 ma, cosa più importante ha terminato la gara senza fastidi fisici. A sorpresa si è imposto il russo Sergey Polyanskiy che ha ottenuto prima 7.87 e successivamente 7.88 e ha battuto le due grandi stelle del salto triplo Teddy Yamgho e Christian Taylor. Il campione del mondo del triplo Tamgho si è classificato al secondo posto con 7.81 mentre Taylor non è andato oltre la migliore misura di 7.69. Il campione italiano Alessio Guarini ha ottenuto un miglior salto di 7.50
Il miglior risultato tecnico è arrivato dai 400 metri femminili dove la statunitense Francena McCorory ha fermato il cronometro in 50”53 nella gara dove l’azzurra Elena Maria Bonfanti ha ottenuto un discreto 53”13 che però non le permette di andare oltre l’ottavo posto.
Il campione olimpico dell’asta Renaud Lavillenie ha rischiato molto nel salto di apertura di 5.50 dove cade male e rischia di finire fuori dal materasso ma poi mette le cose a posto saltando 5.70 al primo tentativo prima di tentare tre prove a 5.85.
Ivana Spanovic si è imposta nel lungo femminile con 6.82 ventoso (con un 6.77 regolare). La saltatrice in alto russa Maria Kuchina ha vinto per un numero  minore di errori sulla statunitense Brigetta Barrett alla quota di 1.92
Micol Cattaneo ha realizzato un buon 13”28 con vento contrario (-0.7 m/s) nei 100 ostacoli vinti dalla francese Cindy Billaud in 12”85. Lo statunitense Ryan Wilson, argento ai Mondiali di Mosca, si è aggiudicato i 110 ostacoli in 13”38 al photo-finish sul finalista mondiale Thomas Martinot Lagarde. Hassane Fofana ha fermato il cronometro in 14”14 ma con vento contrario di -1. m/s.
Mike Rodgers, medaglia d’argento ai Mondiali con la 4×100, si è imposto nei 100 metri in 10”21 per nove centesimi di secondo sul francese Emanuel Biron (10”30). Sesto posto per l’ex medaglia di bronzo dei Mondiali under 18 Giovanni Galbieri in 10”72. Barbara Pierre, velocista statunitense dal personale di 10”85, ha conquistato il successo sui 100 femminili in 11”18 (vento contrario di -0.9 m/s).
Nel mezzofondo è da registrare la vittoria in solitario della front-runner statunitense Alysia Montano che ha fermato il cronometro in 2’00”59 con Lorenza Canali ottava in 2’08”23. Si è difesa bene la debuttante in azzurro Valentina Bernasconi quinat nei 1500 in 4’29”82 nella gara vinta dalla tedesca Diana Sujew in 4’25”20Altra vittoria tedesca nei 3000 siepi per Gesa Felicitas Krause in 9’52”88. Brillante anche la prova di Denis Licciardi, quarta nei 3000 siepi in 8’42”36 alle spalle del francese Yoan Kowal, vincitore in 8’36”66. La stella francese dei 3000 siepi Mekhissi Benabbad ha vinto i 1500 in 3’56”10.
Vittoria di ordinaria amministrazione per la campionessa olimpica e mondiale Tatyana Lysenko nel martello con 71.86 nella gara del martello dove la campionessa italiana Micaela Mariani ha chiuso all’ottavo posto con 60.37m. Mariani era seguita a Valence dal suo allenatore Nicola Vizzoni, settimo agli ultimi mondiali di Kosca con 77.61. Simone Falloni, quarto agli Europei Under 23 di Tampere, finisce all’ottavo posto con 68.48 nella graa che ha visto il successo di misura del russo Sergey Litvinov con 74.30 sul tedesco Markus Esser (74.10).

L’Italia piena di esordienti ha terminato all’ottavo posto con 46 punti. La vittoria del Decanation è stata vinta dagli Stati Uniti con 137 punti sulla Russia (121 punti) e sulla Francia (118 punti). 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Risultati: il grande week end di running firmato TDS
Timing Data Service presenta la sua due giorni di running: 25-26 novembre
Federica Dal Rì conquista il tricolore e l’Agsm Veronamarathon
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli