I PROTAGONISTI DEL DN GALAN DI STOCCOLMA IN CONFERENZA STAMPA

Abeba Aregawi e Eunice Sum
alla conferenza stampa di presentazione
delmeeting di Stoccolma
(Fonte organizzatori DN Galan)
Alla vigilia del DN Galan, terzultima tappa della IAAF Diamond League, si è svolta la tradizionale conferenza stampa dello storico meeting svedese.
Uno dei piatti forti del DN Galan sarà la sfida tra la campionessa del mondo degli 800 metri Eunice Sum e l’iridata dei 1500 Abeba Aregawi che festeggerà il suo titolo iridato davanti al pubblico di casa avendo preso la cittadinanza svedese dal Dicembre 2012.
di Diego Sampaolo

Sum, campionessa del mondo degli 800 in 1’57”38, si è laureata a sorpresa campionessa del mondo degli 800 migliorando notevolmente il suo record personale con 1’57”38.
“Penso che possiamo correre ancora più forte che a Mosca. Sto bene e pesno di poter attaccare il record personale. Ad inizio stagione ho cambiato programmi. Prima correvo di più i 1500 metri ma ai Trials ho deciso di correre gli 800 dopo aver lavorato sulla velocità in allenamento.”, ha detto Eunice Sum.
“E’ stata una bella soddisfazione vincere il titolo mondiale sui 1500 per la Svezia. Ho provato una sensazione di sollievo. A Stoccolma voglio battere il mio record svedese degli 800 (1’59”20) battuto a Hengelo in Giugno”, ha detto Aregawi.
Il mezzofondo è sempre stato seguito con amore e passione dal competente pubblico svedese. I 1500 metri calamiteranno l’attenzione dei fans per la presenza del campione mondiale Asbel Kiprop.
“Nel 2012 mi sono infortunato alla coscia una settimana prima delle Olimpiadi. Ho voluto dimostrare di essere il migliore e il fatto che il brutto risultato delle Olimpiadi era dovuto solo all’infortunio. Gareggiare a Stoccolma contro atleti che sono andati male a Mosca o che non erano presenti ai Mondiali come Augustine Choge sarà una grande sfida. Sento una grande pressione e ho gli occhi di tutti addosso.
L’ex calciatore del Gibuti Ayanleh Souleiman, prima medaglia del Gibuti dal 1987 ai Mondiali, ha vinto il bronzo sugli 800 ma è stato eliminato in semifinale sui 1500. “La medaglia sugli 800 è stata una grande sorpresa. Sui 1500 metri ho avuto problemi in semifinale. Tutti spingevano e lottavano strenuamente per guadagnarsi il posto in finale. Erano i miei primi mondiali”, ha detto Souleiman.
Sui 110 ostacoli la stella più attesa sarà il campione del mondo David Oliver. “E’stato un anno decisivo per me dopo alcune stagioni difficili a causa di un infortunio subito ai Campionati statunitensi del 2011.da allora le cose non sono più andate bene per me. Continuavo ad infortunarmi. Ora ho perso del peso e questo è stato un fattore decisivo”, ha detto Oliver.
La quattro volte campionessa del mondo del lancio del peso Valerie Adams cercherà di battere il record dello stadio di 20.26 m. “Vincere il quarto titolo mondiale è stato l’obiettivo primario della stagione.Ora mi restano ancora tre gare nelle quali voglio superare i 21 metri. Ora che sono più rilassata posso farcela”, ha detto Valerie Adams.
La pedana del salto in alto femminile che vedrà in gara anche la nostra Alessia Trost si sfideranno tre delle quattro medagliste dei Mondiali di Mosca Svetlana Shklolina, Brigetta Barrett e Anna Chicherova.
“La vittoria dei Mondiali è stato un sogno che si realizzato”, ha detto Shkolina
“E’ stata una grande delusione. Aspettavo così tanto questa gara. Ho affrontato i mondiali con molte preoccupazioni. Quando dentro di me qualcosa si rompe, commetto errori ed è esattamente quello che è successo a me a Mosca”, ha detto Chicherova, terza nella rassegna iridata con 1.97 a pari merito con la spagnola Ruth Beitia.
Meseret Defar correrà i 3000 a Stoccolma prima di affrontare la storica rivale Tirunesh Dibaba sui 5000 a Zurigo.
“Sarà una gara durissima. Non ci sarà solo Genzebe Dibaba, ma Hellen Obiri (bronzo sui 1500 a Mosca) e Mercy Cherono (argento sui 5000 dietro alla Defar).
Aleksander Menkov, iridato a Mosca davanti al pubblico di casa con il record russo di 8.56m, affronterà il beniamino del pubblico di casa Michel Torneus, argento agli Europei Indoor di Goteborg dietro a Menkov per appena due centimetri. Torneus gareggerà nella sua città davanti a parenti e amici

“No vedo l’ora di gareggiare in Svezia.Il pubblico è sempre molto appassionato e sportivo”, ha detto Menkov 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Black Friday: occasione strepitosa Venicemarathon!
IO corro e MyMARATHON, i progetti running a misura di donna
Firenze Marathon con oltre 10mila al via. Tutte le info
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli