DIAMOND LEAGUE: TRA LE STELLE DEL DN GALAN DI STOCCOLMA ANCHE ALESSIA TROST E DODICI CAMPIONI MONDIALI

Asbel Kiprop tra le stelle del DN
Galan (Colombo/Fidal)
Dodici campioni iridati degli ultimi Campionati del Mondo di Mosca saranno in gara al DN Galan di Stoccolma, terzultima tappa della IAAF Diamond League in programma Giovedì sera nel mitico Stadio Olimpico della capitale svedese, teatro storico dell’atletica spettacolo dove sono stati battuti 81 record mondiali, 11 dei quali nell’ambito del DN Galan.
di Diego Sampaolo

IL DN Galan è un meeting nato nel 1967 come evoluzione dei July Games e prende il nome dal Dagens Nyether, il popolare quotidiano svedese che sponsorizza il meeting. Nello stadio costruito in mattoni, situato a poche fermate di metropolitana dal centro della capitale svedese, si svolsero i Giochi Olimpici del 1912. E’ il più antico stadio olimpico ancora in funzione per l’atletica.   
Il pubblico di casa aspetta di celebrare la stella di casa Abeba Aregawi, che settimana scorsa si é laureata campionessa mondiale dei 1500 metri a Mosca con la maglia della nazionale della sua patria adottiva. La ventitreenne svedese gareggerà sugli 800 metri contro la fresca campionessa del mondo del doppio giro di pista Eunice Sum, una delle maggiori sorprese della rassegna iridata in terra russa in un duello tra campionesse del mondo. In gara ci saranno anche la statunitense Brenda Martinez, che a Mosca ha conquistato una sorprendente medaglia di bronzo a Mosca in 1’57”91 e la quarta dei mondiali Alysia Montano. Martinez ha vinto lo’ultima tappa di Diamond League a Londra in 1’58”19. Aregawi proverà a migliorare il record svedese (1’59”20) stabilito a Hengelo ad inizio Giugno.  
Il mezzofondo, che ha scritto pagine memorabili al DN Galan, offrirà altri campioni mondiali di Mosca anche in campo maschile. Un nome su tutti sarà il due volte iridato dei 1500 di Daegu e Mosca Asbel Kiprop che in questa stagione è diventato il quarto della storia della specialità grazie al favoloso 3’27”72 realizzato a Montecarlo nella gara che ha visto il record europeo di Mo Farah con 3’28”81. Ci saranno altri due medagliati di Mosca: lo statunitense Matthew Centrowitz, argento iridato sui 1500 e Ayanleh Souleiman di Gibuti, che con il bronzo sugli 800 metri é diventato il primo medagliato iridato del suo paese dall’edizione di Roma 1987 oltre all’argento olimpico Leonel Manzano.
I 3000 metri femminili saranno illuminati dalla classe immensa di Meseret Defar che a Mosca ha vinto il suo secondo titolo mondiale di Mosca sui 5000 metri. In carriera la piccola grande etiope ha vinto anche due titoli olimpici a otto anni di distanza uno dall’altro a Atene 2004 e Londra 2012 e quattro successi ai Mondiali Indoor.
L’Italia sarà presente con la campionessa mondiale juniores del salto in alto Alessia Trost che debutterà in un meeting della Diamond League all’estero sulla pedana dove il suo idolo di gioventù Blanka Vlasic saltò 2.07 nel 2007. L’allieva di Gianfranco Chessa è stata buona settima con 1.93 nella sua prima finale mondiale a livello assoluto di Mosca con 1.93 con un tentativo sbagliato di un nulla a 1.97. In gara ci saranno la campionessa mondiale Svetlana Shkolina, che a Mosca ha superato 2.03, la vice campionessa mondiale e olimpica Brigetta Barrett e la campionessa olimpica 2012 Anna Chicherova, che ha vinto l’ultima edizione del DN Galan oltre alla beniamina del pubblico di casa Emma Green Tregaro.

L’altra presenza azzurra sarà quella di Libania Grenot, che correrà i 400 metri una settimana dopo aver sfiorato per appena 13 centesimi di secondo la finale dei Mondiali di Mosca pur correndo in un eccellente 50″47, secondo tempo della sua carriera a 17 centesimi di secondo dal record italiano di 50″30 stabilito ai Giochi del Mediterraneo di Pescara 2009. Grenot affronterà du finaliste di Mosca come la statunitense Francena McCorory, che in questa stagione ha corso in 49″96 a Montecarlo e si é classificata sesta ai Mondiali e la giamaicana Novelene Williams Mills, ottava a Mosca e atleta in grado di correre in 48″63 in carriera e in 50″01 in stagione dopo aver sconfitto la battaglia contro il tumore al seno. 

David Oliver, campione del mondo a Mosca con la migliore prestazione prestazione mondiale dell’anno di 13”00, sarà la stella dei 110 ostacoli che si preannunciano come la rivincita con Mosca con l’argento Ryan Wilson e il bronzo Sergey Shubenkov, grande protagonista anche degli Europei Indoor con il successo sui 60 ostacoli.
Sui 400 ostacoli scenderà in pista la dominatrice della stagione e dei Mondiali Zuzana Hejnova che ha già messo in cassaforte il successo in Diamond League grazie alle vittorie a Shanghai, Eugene, Birmingham Parigi e Londra.
Lashawn Merritt, campione del mondo a Mosca con un eccellente 43”74, sarà la grande stella dei 400 metri contro il brozno di Mosca e il campione europeo indoor e outdoor e finalista mondiale Pavel Maslak.
Sulla pedana del lancio del peso si esibirà la campionessa mondiale e olimpica Valerie Adams che a Mosca ha vinto la sua trentanovesima vittoria consecutiva. La popolare neozelandese, che detiene la migliore prestazione mondiale dell’anno con 20.90 stabilita al meeting di Londra, proverà a migliorare il suo record del meeting di 20.26m stabilito nella passata edizione. In pedana ci saranno anche l’argento di Mosca Christina Schwanitz e la quarta dei mondiali Michelle Carter.
Il grande eroe russo Aleksander Menkov, campione del mondo a Mosca con il record nazionale di 8.56, darà vita alla rivincita dei Mondiali contro Luis Rivera, l’unico a aver battuto il russo alle Universiadi di Kazan per quattro centimetri con la misura di 8.46.
Ottimo cast anche nel salto con l’asta femminile che metterà di fronte la statunitense Jenn Suhr, campionessa olimpica a Londra e argento a Mosca e la cubana Yarisley Silva, argento alle Olimpiadi e bronzo ai Mondiali di Mosca alle spalle di Yelena Isinbayeva, oltre alla tedesca Silke Spiegelburg, quarta a Londra e Mosca e alla beniamina del pubblico svedese Angelica Bengtsson, primatista mondiale juniores.
 La fresca campionessa mondiale del giavellotto Christina Obergfoll festeggerà il suo trentaduesimo compleanno proprio nella serata del meeting. La tedesca, che ha già messo in cassaforte il successo nella Diamond Race, andrà a caccia della sesta vittoria in Diamond Race dopo New York, Eugene, Roma, Parigi e Londra. Il pubblico svedese seguirà con attenzione la campionessa mondiale juniores Sofi Flink che è entrata in finale a Mosca con il record nazionale svedese.
 Altre rivincite mondiali saranno quelle del disco maschile tra il polacco Piotr Malachowski e Gerd Kanter, argento e bronzo a Mosca e del triplo femminile tra l’oro Catherine Ibarguen, prima campionessa mondiale della storia della Colombia, e il bronzo di Mosca Olha Saladuha.
Tanta attesa del pubblico di casa per la quindicenne Irene Ekelund, che quest’estate ha vinto il titolo mondiale under 18 sui 200 metri a Donetzk in 22”92.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Federica Dal Rì conquista il tricolore e l’Agsm Veronamarathon
EKIRUN 2017 PER IL TERZO ANNO IL SOL LEVANTE ILLUMINA MILANO
TUTTE LE GARE FIRMATE TDS DI DOMENICA 19 NOVEMBRE
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli