STAFFETTE: TRE ORI MONDIALI DI USAIN BOLT E SHELLY ANN FRASER




Usain Bolt e ShellyAnn Fraser hanno trascinato le staffette 4×100 giamaicane alla vittoria suggellando un mondiale memorabile.I due fuoriclasse giamaicani hanno vinto tre titoli iridati a testa portando a sei il botino di medaglie d’oro del paese caraibico. 
Per Bolt si é trattato dell’ottavo trionfo iridato della sua carriera. A questi vanno aggiunti anche i sei ori olimpici d Pechino e Londra. Per la Fraser, campionessa mondiale dei 100, 200 e della 4×100, il conto degli ori mondiali sale a quattro considerando anche l’oro di Berlino 2009 sui 100 metri in 10″75. Fraser Pryce ha vinto due ori olimpici sui 100 a Pechino e Londra. E’lei la Bolt in gonnella.
di Diego Sampaolo 

Finale staffetta 4×100 femminile: The “Pocket Rocket” Shelly Ann Fraser ha completato l’opera vincendo il terzo titolo mondiale di questi campionati con la staffetta 4×100 della Giamaica in un fantastico 41”29, secondo tempo della storia, record nazionale e primato dei campionati. Soltanto le campionesse olimpiche degli Stati Uniti dello scorso anno hanno corso più velocemente delle giamaicane lo scorso anno a Londra con il record del mondo di 40”82. Del quartetto caraibico hanno fatto parte Carrie Russell, Kerron Stewart e Slillonie Calvert. Per la Giamaica si è trattato del terzo successo iridato dopo quelli di Tokyo 1991 e Berlino 2009.

In seguito alla squalifica della Francia che aveva originariamente tagliato il traguardo in seconda posizione, gli Stati Uniti con una squadra completamente diversa da quella che vinse l’oro alle Olimpiadi con il record del mondo sono stati promossi al secondo posto in 42”75 (nonostante un secondo cambio disastroso tra Alexandria Anderson e Octavius Freeman) davanti alla Gran Bretagna (42”87).

Semifinali 4×100 femminili: Parte subito fin dalle batterie l’attesa sfida tra Stati Uniti e Giamaica.Nella prima semifinale si è imposta la Giamaica (con Carrie Russell, Kerron Stewart, Shillonie Calvert e Sheri Ann Brooks) con il nuovo primato stagionale di 41”87. Meglio delle giamaicane hanno fatto le statunitensi Janeba Tarmoh, Alexandria Anderson, English Gardner e Octavius Freeman che hanno corso più velocemente di cinque centesimi di secondo. Da sottolineare anche il record sudamericano delBrasile di  42″25. L’Italia che schierava Audrey Alloh, Marzia Caravelli, Ilenia Draisci e Martina Amidei non é andata oltre il quinto posto nella batteria in 44″05. 

Finale staffetta 4×100 maschile: Usain Bolt ha vinto l’ ottavo titolo mondiale della carriera e il terzo di questo Mondiale portando la sua Giamaica al successo in 37”36.Bolt ha eguagliato il record di otto titoli mondiali di Carl Lewis e Michael Johnson. Il quartetto formato da Nesta Carter, Kemar Bailey Cole, Nickel Ashmeade e Usain Bolt ha regalato alla Giamaica il quinto successo nelle ultime cinque grandi rassegne internazionali tra le Olimpiadi di Pechino 2008 e i Mondiali di Mosca 2013 passando per i Mondiali di Berlino 2009 e Daegu 2011 e le Olimpiadi di Londra 2012. Se si considerano gli argenti sui 200 e nella 4×100 il bottino di Bolt nella rassegna iridata sale a dieci medaglie. Gli Stati Uniti hanno vinto l’argento in 37”66 (nonostant un pasticcio nel cambio tra Mookie Salaam e Justin Gatlin davanti al Canada (37”92) dopo la squalifica della Gran Bretagna che aveva orinariamente tagliato il tragiardo in 37”80. Grande prestazione per la Germania che conclude al quarto posto in 38”04 a due centesimi dal record tedesco stabilito nel 2012 precedendo l’Olanda (38”37),il Giappone (38”39) e Trinidad and Tobago (38”57).

Semifinale staffetta 4×100 maschile : La Gran Bretagna (Richard Kilty, Harry Aikinees Aryeetey Aikines, James Ellington e Dwain Chambers) ha vinto la prima delle tre semifinali con il record stagionale di 38”12 precedendo di cinque centesimi di secondo la staffetta giamaicana che ha lasciato a riposo Usain Bolt in vista della finale ma con quattro velocisti di grande livello (Nesta Carter, Kemar Bailey Cole, Warren Weir, Oshane Bailey).  La staffetta 4×100 italiana si é difesa bene realizzando il record stagionale di 38”49 con un quartetto giovane  formato da Michael Tumi, Matteo Galvan (alla sua quarta gara dopo la semifinale sui 400 e la bella frazione della staffetta 4×400), Diego Marani e Delmas Obou ma non è stato sufficiente per andare in finale. Gli azzurri hanno realizzato l’ottavo tempo italiano di sempre. La semifinale dell’Italia è stata vinta dalla Germania che ha eguagliato lo stagionale con 38”13 precedendo il Canada (38”29) e l’Olanda (38”41) che ha preceduto ltalia di otto centesimi di secondo. Il tempo dell’Italia risulterà essere alla fine il decimo tempo complessivo. 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
EKIRUN 2017 PER IL TERZO ANNO IL SOL LEVANTE ILLUMINA MILANO
TUTTE LE GARE FIRMATE TDS DI DOMENICA 19 NOVEMBRE
PISAMARATHON: A 40 GIORNI, SUPERATA QUOTA 2000 ISCRITTI
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli