BEFFA PER LA 4×400: SQUALIFICATA


Un cambio della 4×400 azzurra a Mosca
(Fonte Colombo/Fidal)

Si è chiusa con l’amarezza della squalifica la bella avventura dela staffetta italiana 4×400 che aveva originariamente tagliato il traguardo in sesta posizione in 3’27”39 ad un centesimo di secondo dal quinto posto ma nell’ultima frazione Libania Grenot ha perso il testimone a causa di un contatto con l’ultima frazionista ucraina Pygida.
di Diego Sampaolo






Non è stato accolto l’appello perché la giuria ha affermato che il contatto tra la Grenot e la Pigyda è stato fortuito e non vi è stata una vera ostruzione. Peccato perché sarebbe stata la migliore prestazione di sempre ai mondiali e il 3’27”39 sarebbe stato il quarto tempo di sempre nelle liste italiane all-time. Il quartetto era formato da Chiara Bazzoni, Marta Milani, Maria Enrica Spacca e Libania Grenot.

La Russia ha conquistato la medaglia tra il tripudio del pubblico di casa in 3’20”19 sugli Stati Uniti (3’20”41) e sulla Gran Bretagna con la campionessa mondiale Chritine Ohuruoghu in ultima frazione (3’22”61). Buon quarto posto della Francia in 3’24”21. La vittoria della squadra di casa è arrivato nel momento del salto da 2.03 di Svetlana Shkolina in un momento magico che ha ricordato il Super Saturday olimpico di Londra quando la Gran Bretagna vinse tre ori nel giro di pochi minuti con Mo Farah, jessica Ennis e Greg Rutherford.

La gara si è decisa all’inizio dell’ultima frazione quando Antonina Krivoshapka ha preso la testa sulla statunitense Francena McCorory e ha portato il team di casa alla vittoria senza mai più cedere la testa nel delirio del Luzhniki. Gli Stati Uniti che schieravano Jessica Beard, Natasha Hastings, Ashley Spencer e Francena McCorory hanno perso hanno perso l’imbattibilità nella staffetta del miglio che resisteva da tre edizioni. L’assenza di atlete come Allyson Felix e Sanya Richards Ross si è fatta sentire. La Russia non vinceva il titolo della staffetta del miglio da Helsinki 2005. Le eroine del pubblico russo sono Yuliya Guscchina, Tatyana Firova, Kseniya Rizhova e Antonina Kryvoshapka.  

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
RUN4ME Lierac: partecipa anche tu agli allenamenti indoor
Treviso Marathon, i master in gara per i titoli tricolori
Sabato 24 febbraio e 3 marzo: a lezione di corsa in montagna con Mino Passoni
Abbigliamento Accessori Calzature
Tutto sulle nuove adidas UltraBOOST e UltraBOOST X
Correre con il passeggino? Ora è ancora più facile
Da 1 a 21… Ecco la nuova Mizuno Wave Rider