GLI ALTRI CAMPIONI DEL MONDO: KEMBOI; AREGAWI E IBARGUEN

Ezekiel Kemboi si é confermato il Re dei 3000 siepi per il terzo Mondiale consecutivo dopo i trionfi di Berlino 2009 e Daegu 2011. Dall’edizione 2003 di Parigi 2003 é sempre salito sul podio per sei mondiali consecutivi con tre argenti (Parigi, Helsinki, Osaka) e tre ori (Berlino, Daegu e Mosca).
di Diego Sampaolo

Kemboi ha vinto un duello fantastico in volata contro il diciottenne Conseslus Kipruto, campione del mondo a livello allievi 2011 a Lilla e juniores nel 2012 a Barcellona. Kipruto aveva battuto Kemboi due volte in questa stagione a Eugene e a Oslo ma nell’occasione più importante Kemboi ha fatto valere la sua maggiore esperienza prevalendo nel finale in un ottimo 8’06”01 eguagliando il record di tre successi consecutivi delsuo allenatore Moses Kiptanui. Kipruto ha vinto la prima medaglia da senior in 8’06”37 superando il francese Mekhissi Benabbad che si è confermato ancora sul podio in una grande manifestazione dopo ilbonzo di Pechino 2008, il bronzo di Daegu 2011 e l’argento di Londra 2012.
Da sottolineare anche le ottime prestazioni dello statunitense Evan Jaeger, quinto in 8’08”67, e Matthew Hughes, sesto con il nuovo record canadese di 8’11”64.  
Kemboi, atleta gestito dal manager senese Enrico Dionisi e residente per buona parte dell’anno nella città toscana ha festeggiato con il suo solito balletto durante il giro d’onore esibendo la sua straorinaria simpatia.
Ezekiel è un allegrone delle piste che ama festeggiare le sue vittorie con danze alla Usain Bolt molto scanzonate che lo rendono molto diverso dagli altri keniani.
“La mia storia ai mondiali è iniziata con l’argento ai Mondiali di Parigi e da allora ho vinto altre cinque medaglie iridate e tre ori oltre a due Olimpiadi. Ho voluto festeggiare l’oro facendo il giro d’onore per ringraziare il pubblico di Mosca che mi ha sostenuto”
Kemboi faceva il Disc Jockey nelle feste della scuola e ama ancora frequentare i concerti. Ama ascoltare la musica da discoteca e le partite di calcio del Siena, la sua squadra del cuore. A Siena ha trovato casa grazie al suo manager Enrico Dionisi che fu l’unico manager a rispondere alla sua mail.
Ha chiamato il primo figlio Manchester in onore della città britannica dove vinse l’argento ai Giochi del Commonwealth del 2002.   
Finale 1500 metri femminili: AREGAWI BATTE SIMPSON PER L’ORO: L’ex etiope ora cittadina svedese Abeba Aregawi ha conquistato il primo oro mondiale all’aperto con la maglia gialloblu del paese scandinavo in 4’2”67 superando la campionessa uscente Jennifer Simpson che aveva comandato nei primi giri facendo gara di testa fino alla campana dell’ultimo giro, una tattica premiata dalla medaglia d’argento in 4’02”67 davanti alla keniana Hellen Obiri (4’03”86).
Aregawi ha dominato la stagione vincendo gli Europei Indoor di Goteborg quando ha debuttato con la maglia della Svezia, suo nuovo paese dal 2012, e cinque tappe della Diamond League (Doha, New York, Roma, Birmingham e Losanna.
Cresciuta a Adigrat in Etioipa, Aregawi ha iniziato a gareggiare a 16 anni. L’anno successivo ha ricevuto l’offerta per andare a gareggiare per un club di Addis Abeba e per concentrarsi sugli studi. Sposata con Henok Weidegebriel, un etiope che si è trasferito nel 2002 in Svezia. La coppia si è sposata nel 2009. Aregawi ha preso la cittadinanza svedese nel Giugno 2012 pur gareggiando ancora per l’Etiopia alle Olimpiadi di Londra
“Dopo la delusione per il quinto posto alle Olimpiadi ho lavorato molto sugli ultimi 400 metri. E sul finale”, ha spiegato Aregawi, che è diventata la quarta svedese capace di vincere il titolo mondiale dopo Lyudmila Enqvist nel 1999, Kajsa Bergqvist nel 2005 e Carolina Kluft, tre volte nel 2003, 2005 e 2007.  
Il prossimo appuntamento per la Aregawi è rappresentato dagli 800 metri al meeting di Stoccolma, tappa della Diamond League, davanti al suo pubblico.
Finale del salto triplo femminile: Catherine Ibarguen ha vinto la storica prima medaglia d’oro nel triplo per la Colombia con la misura di 14.85 al secondo tentativo, misura avvicinata da Ekaterina Koneva con 14.81 nello stesso turno di salti. L’ucraina Olga Saladuha ha realizzato il salto della medaglia di bronzo di 14.65 sempre al secondo tentativo.
Qualificazioni staffetta 4×400 maschile: Tre batterie, passavano i primi due più i migliori tempi di ripescaggio.  L’Italia che schierava Marco Lorenzi, Isalbet Juarez, il campione italiano dei 400 ostacoli Eusebio Haliti si batte bene chiudendo quinta con il record stagionale di 3’03”88. La grande rimonta di Matteo Galvan ha permesso agli azzurri di rimontare dall’ottava alla quinta posizione. La batteria dell’Italia  è stata vinta dalla Russia in 3’01”81 davanti all’Australia (3’02”48) e alla Germania (3’02”62). Gli Stati Uniti hanno realizzato il miglior tempo vincendo la seconda batteria con la migliore prestazione mondiale dell’anno di 2’59”85 davanti a Trinidad and Tobago (3’00”48) e al Belgio dei tre fratelli Borlée (oltre ai due gemelli Jonathan e Kevin anche il fratellino Dylan) che si è qualificato per ripescaggio con 3’00”81. La Giamaica si è aggiudicato la prima batteria in 3’00”41 sulla Gran Bretagna (3’00”50).
“E’ stato importante aver realizzato lo stagionale nell’occasione più importante. Abbiamo fatto una buona figura. L’anno prossimo possiamo giocarcela agli Europei di Zurigo in un contesto per noi più abbordabile”, ha detto Galvan.

Semifinali 200 metri femminili: La campionessa olimpica Allyson Felix ha corso il miglior tempo delle semifinali con 22”30 precedendo di nove centesimi di secondo la nigeriana Blessing Okagbare e potrà inseguire il quarto titolo mondiale della sua carriera. L’ivoriana Murielle Ahouré si è imposta nella prima semifinale in 22”46superando la bahamense Shaunae Miller (22”64). Shelly Ann Fraser ha vinto in scioltezza la terza semifinale in 22”54 davanti all’ucraina Mariya Ryemyen (22”70) e a Charonda Williams che si è qualificata per ripescaggio con 22”80.  

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
EKIRUN 2017 PER IL TERZO ANNO IL SOL LEVANTE ILLUMINA MILANO
TUTTE LE GARE FIRMATE TDS DI DOMENICA 19 NOVEMBRE
PISAMARATHON: A 40 GIORNI, SUPERATA QUOTA 2000 ISCRITTI
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli