MOSCA 2013: VELOCITA’ E OSTACOLI FEMMINILI, STELLE E SPERANZE ITALIANE

Presentiamo oggi le protagoniste della velocità e degli ostacoli femminili dei prossimi Mondiali di Mosca e le possibili speranze italiane.
di Diego Sampaolo



100 metri femminili: L’inizio della stagione 2013 è stata particolarmente prolifica per lo sprint femminile con ben dodici donne in grado di scendere sotto gli 11 secondi. La giamaicana Shelly Ann Fraser-Pryce, due volte campionessa olimpica dei 100 metri a Pechino 2008 e Londra 2012, detiene il miglior tempo mondiale dell’anno con il 10”77 realizzato nella batteria degli Anniversary Games di Londra. Nella finale dei 100 metri del meeting londinese la giamaicana non è andata oltre il quarto posto in 10”94 nella gara vinta dalla nigeriana Blessing Okagbare in 10”79.
La ragazza nigeriana potrebbe diventare uno dei personaggi dei Mondiali di Mosca. Iscritta sui 100, 200 e salto in lungo Okagbare potrebbe diventare la prima atleta del suo paese in grado di vincere medaglie mondiali sia nello sprint che nel salto in lungo. Dopo aver provato con il calcio, Okagbare si è cimentata agli inizi nel salto triplo e nel salto in lungo.
Nel 2007 stabilì il record nigeriano del salto triplo con la misura di 14.13 prima di classificarsi secondo nel salto in lungo e quarto nel salto triplo agli All-Africa Games, Nel 2008 vinse la medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Londra nel salto in lungo.  Nello stesso anno realizzò la doppietta 100 metri-salto in lungo ai Campionati NCAA  gareggiando per la Texas University di  El Paso. In questa stagione Okagbare è stata una delle grandi protagoniste della stagione della Diamond League sia nello sprint sia nel lungo.  
Sui 100 metri ha vinto agli Anniversary Games di Londra in 10”79, secondo miglior tempo dell’anno. Sui 200 metri si é imposta a Birmingham battendo Shelly Ann Fraser Pryce, medaglia d’argento su questa distanza alle Olimpiadi di Londra. Nel salto in lungo ha realizzato un ottimo 7.14 seppur ventoso al meeting di apertura della Diamond League di Doha finendo alle spalle di Brittney Reese che in quell’occasione ha realizzato il record della Diamond League con un eccellente 7.25. A Losanna la nigeriana ha vinto il duello con la statunitense per due centimetri con un miglior salto da 6.98. Nell’ultima gara della Diamond League a Montecarlo si è aggiudicata la gara del salto in lungo con due balzi oltre i 7 metri (7.04 ventoso e 7.00 regolare) battendo la russa Dariya Klishina.
Oltre alla Okagbare e alla Fraser sono tante le possibili pretendenti alle medaglie sui 100 metri a cominciare dalla trinidegna Kellie Ann Baptiste, medaglia di bronzo ai Mondiali di Daegu 2011 e terza al mondo quest’anno con 10”83 ai Campionati nazionali di Trinidad di Porto f Spain. Gli Stati Uniti schierano  le giovani English Gardner, vincitrice a Campionati statunitensi di Des Moines in 10”85 davanti a Octavius Freeman (10”87) e a Alexandra Anderson (10”91). Da podio anche l’ivoriana Murielle Ahouré che ha stabilito il record nazionale con 10”91 a Sotteville le Rouen in Francia. Carmelita Jeter ha un personale stagionale di 10”93 ma non è apparsa al meglio in questa stagione a causa di un infortunio muscolare subito al meeting di Shanghai.
200 metri: La campionessa olimpica di Londra 2012 Allyson Felix inseguirà il quarto titolo mondiale dopo i successi di Helsinki 2005, Osaka 2007 (in un eccellente 21”81) e Berlino 2009. La californiana non é sembrata al meglio della forma complice una preparazione iniziata in ritardo dopo un lungo break post-olimpico. Al Golden Gala di Roma è stata battuta di Murielle Ahouré che dopo il 22”36 nel meeting capitolino ha vinto successivamente a Montecarlo con 22”24, nuovo record della Costa d’Avorio, battendo Shelly Ann Fraser, che ad inizio stagione ha realizzato la migliore prestazione mondiale dell’anno con 22”13.
Gli Stati Uniti schierano la stella dei Campionati NCAA Kimberley Duncan che ai Campionati Statunitensi ha battuto la Felix in un eccellente 21”85 ventoso anche se non è apparsa al meglio al debutto su suolo europeo a Losanna dove si é imposta l’ucraina Mariya Ryemyen che potrebbe essere un’avversaria molto pericolosa.
Blessing Okagbare è iscritta anche sui 200 metri dove vanta un personale stagionale di 22”31.
400 metri: La campionessa mondiale in carica Amantle Montsho, prima donna del Botswana capace di vincere un titolo mondiale nell’atletica, ha dominato la stagione della Diamond League vincendo quattro gare della Diamond League su sei. Dopo le vittorie di inizio stagione a Doha, Eugene, Roma la ragazza africana ha subito due sconfitte a Birmingham (contro Christine Ohuruoghu) e a Losanna (contro Francena McCorory) ma si é rifatta alla grande vincendo a Montecarlo in 49”33, nuovo record del Botswana battendo la rivelazione giamaicana Stephanie McPherson (49”92) e McCorory (49”96).
Altra seria pretendente per il podio é la britannica Christine Ohuruogu che ha vinto l’ultimo meeting della Diamond League a Londra in un ottimo 50”02. Ohurughu ha sempre dato il meglio di sé nei grandi appuntamenti vincendo il titolo mondiale a Osaka 2007, il titolo olimpico a Pechino e l’argento olimpico a Londra 2012. Oltre alla McCorory gli Stati Uniti potranno contare anche su Natasha Hastings, campionessa mondiale juniores a Grosseto 2004 e bronzo ai Mondiali Indoor di Istanbul 2012.
La senese Chiara Bazzoni e Libania Grenot difenderanno i colori azzurri. Bazzoni ha vinto il titolo dei Giochi del Mediterraneo a Mersin e i Campionati Italiani di Milano. Grenot ha realizzato il miglior tempo stagionale correndo in 51”53 a Lignano Sabbiadoro battendo proprio la Bazzoni.
100 ostacoli: La stagione dei 100 ostacoli femminili è stata caratterizzata dall’esplosione a livello internazionale della Campionessa NCAA Brianna Rollins che ai Campionati statunitensi di Des Moines ha fatto segnare il terzo tempo di sempre correndo in 12”26, due centesimi più veloce rispetto al tempo con il quale l’australiana Sally Pearson si impose ai Mondiali di Daegu. La Pearson ha avuto una stagione di alti e bassi a causa di due infortuni muscolari che hanno condizionato la sua preparazione invernale ma ha vinto l’ultima gara di Diamond League a Londra in 12”65, suo primato stagionale.
Oltre alla Rollins, gli Stati Uniti schierano Dawn Harper, campionessa olimpica di Pechino e argento a Londra dietro alla Pearson e vincitrice della Diamond League nel 2012 che le ha permesso di usufruire della wild card e le campionesse NCAA 2010 e 2011 Queen Harrison e Nia Ali. Harrison, seconda ai Trials di Des Moines in 12”43, ha vinto in Diamond League a Montecarlo in 12”64. Lotterà per il podio la britannica Tiffany Porter, seconda ai Mondiali Indoor di Istanbul 2012 e quarta a Daegu 2011 nell’ultima rassegna iridata all’aperto.
L’Italia punta molto su Veronica Borsi e Marzia Caravelli che possono aspirare alla semifinale. Borsi ha iniziato la stagione alla grande vincendo il bronzo agli Europei Indoor di Goteborg migliorando due volte il record italiano con 7”96 e 7”94 prima di stabilire il record italiano dei 100 ostacoli con 12”76 strappandolo a Marzia Caravelli che lo deteneva con 12”85. Un infortunio ha tenuto precauzionalmente ferma l’ostacolista di Bracciano ai Campionati Italiani dove Marzia Caravelli ha conquistato il suo quarto titolo nazionale a Milano con 13”01, arrivando a sei centesimi di secondo dal suo record stagionale stabilito al meeting di Bellinzona in Giugno. Le ultime grandi rassegne internazionali hanno dimostrato che ci può essere spazio per le ostacoliste europee. Nel 2011 la svizzera Lisa Urech fu la prima delle escluse dalla finale, mentre l’anno dopo alle Olimpiadi l’austriaca Beate Schrott è stata brillante finalista.
400 ostacoli: La favorita numero uno é la medaglia di bronzo di Londra 2012 Zuzana Hejnova che ha dominato la stagione della Diamond League vincendo tutte le cinque gare di Diamond League da lei disputate con il nuovo record nazionale (53”07) stabilito agli Anniversary Games di Londra dove ha battuto la britannica Perry Shakes Drayton, anche lei in grande  spolvero con il nuovo record nazionale di 53”67. Shakes Drayton inseguirà una nuova medaglia internazionale dopo il titolo europeo indoor sui 400 metri a Goteborg in un eccellente 50”85. Per il podio lotteranno le statunitensi Georganne Moline, finalista olimpica a Londra (53”72), la campionessa statunitense Dalilah Muhamad (vincitrice quest’anno al Memorial Primo Nebiolo di Torino) e la campionessa mondiale in carica Lashinda Demus.
Staffetta 4×100: Gli Stati Uniti hanno dominato l’ultima edizione di Daegu 2011 in 41”56 e le Olimpiadi di Londra con il nuovo record del mondo (40”82). A Montecarlo un quartetto a stelle e strisce che comprendeva Allyson Felix e Carmelita Jeter ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno con 41”75. La Giamaica, seconda a Daegu e a Londra, sembra essere un gradino sotto dopo i casi di doping che hanno colpito Veronica Campbell Brown e Sherone Simpson. L’Ucraina, bronzo alle Olimpiadi, potrebbe lottare per il podio insieme ad altre forti formazioni europee come la Gran Bretagna (prima al meeting di Londra in 42”69) e al Brasile.
L’Italia schiera una formazione giovane  in grado di fare bene con Ilenia Draisci, Gloria Hooper e Audrey Alloh e le ostacoliste Marzia Caravelli (campionessa italiana dei 100 ostacoli e dei 200 metri).
Staffetta 4×400: La lotta per il podio sarà tra Stati Uniti, Russia e Giamaica che hanno dominato tutte le ultime grandi rassegne internazionali degli ultimi anni ma nella per il podio potrà inserirsi la Gran Bretagna che ha vinto il titolo europeo indoor a Goteborg con un quartetto fortissimo che includeva le due ostacoliste Perry Shakes Drayton e Elidh Child e Christine Ohruoghu.
Chiara Bazzoni, campionessa italiana e vincitrice ai Giochi del Mediterraneo, Maria Benedicta Chigbolu, Libania Grenot e Elena Bonfanti inseguiranno una buona prestazione cronometrica con l’obiettivo di migliorare il record stagionale di 3’32”44.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Federica Dal Rì conquista il tricolore e l’Agsm Veronamarathon
EKIRUN 2017 PER IL TERZO ANNO IL SOL LEVANTE ILLUMINA MILANO
TUTTE LE GARE FIRMATE TDS DI DOMENICA 19 NOVEMBRE
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli