Ivana Di Martino testimonial della Corsa della Speranza

Ivana, non Antonietta, è la testimonial della prossima Corsa della Speranza, in programma a Milano domenica 6 ottobre. Protagonista nello scorso aprile di “21 volte donna”, il tour italiano congegnato in altrettante mezze maratone consecutive per ricordare le donne vittime di violenza, ora si adopera a favore dei bambini oncologici.

Domenica 6 ottobre va in scena a Milano la Corsa della Speranza, tradizionale appuntamento a passo libero sulla distanza di 6 km che rivolge le sue esclusive attenzioni ai bambini oncologici cui sono destinati i proventi delle iscrizioni. Vanno infatti a favore del Passport of Cure dell’Istituto dei Tumori di Milano e di Dynamo Camp, un luogo di vacanza dove i bambini malati e i familiari possono svagarsi. La Corsa della Speranza si avvierà e si concluderà ai Giardini Pubblici, intitolati a Indro Montanelli, con partenza alle 10.30. Le iscrizioni on line sono già aperte sul sito www.lacorsadellasperanza.org.

Quest’anno l’Associazione Correre per la Speranza ha deciso di designare non una madrina ma una testimonial particolarmente in sintonia con i valori di cui la Corsa è portatrice. Si chiama Di Martino ma chi avesse in mente Antonietta, la saltatrice in alto, è fuori strada: si tratta di Ivana Di Martino, monzese di origine ma milanese di adozione, mamma di tre figli fra gli undici e i cinque anni, da sempre dedita alla corsa e specializzata in mezze maratone, quelle che l’hanno portata nell’aprile scorso a realizzare un grande obiettivo: “21volte donna”, vale a dire altrettante mezze maratone corse in rapida successione – una al giorno – in tutta Italia per ricordare le violenze di cui sono vittime le donne, sino alle estreme conseguenze.

Con l’aiuto di aziende e di singoli Ivana ha concluso brillantemente il suo particolare giro d’Italia di corsa che l’ha portata in quasi tutte le regioni. Oltre alle strade dei capoluoghi Ivana si è concessa alcune deviazioni legate al sentimento: la prima a Medolla funestata dal terremoto del 20 maggio 2012, la seconda alle Cinque Terre per l’alluvione dell’ottobre 2011, la terza a Brindisi per celebrare la ragazza uccisa davanti a scuola, alla “Morvillo-Falcone”, il 19 maggio 2012. L’Aquila è stata la quarta tappa del cuore, in ricordo del sisma del 6 aprile 2009. E proprio al cuore, il suo, hanno provveduto i medici del Centro Cardiologico Monzino, che l’hanno monitorata nei suoi ragionevoli sforzi, dopo un paio di interventi cui l’hanno sottoposta negli anni scorsi per rimettere in ordine il suo “motore” .


Alle sollecitazioni di chi organizza la Corsa della Speranza Ivana ha risposto con entusiasmo.Non solo sarà al via il 6 ottobre ma si spenderà, tramite i figli, per reclutare giovani e giovanissimi nelle scuole di Milano e dintorni. Ulteriormente Ivana ha deciso di raccontare le sue esperienze in un blog ospitato dal magazine www.sportivamentemag.itdove ormai da tre settimane invoglia tutti a partecipare alla Corsa della Speranza, un appuntamento dove “bisogna mettere un po’ di cuore al servizio di una buona idea”. Naturalmente a lei stato riservato il pettorale numero 21.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
STELVIO MARATHON SOGNA IN GRANDE PERCORSO GIÀ SEGNALATO E TESTABILE!
DOMENICA 29 OTTOBRE C’E’ LA MEZZA MARATONA D’ITALIA A IMOLA
BRESCIA ART MARATHON 2018: 31 OTTOBRE…ATTENZIONE AL CAMBIO QUOTA!
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE