DONETZK 2013: SIMONE FORTE QUINTO NEL TRIPLO CON LA SECONDA MIGLIORE PRESTAZIONE DI SEMPRE



Simone Forte ha contribuito a rendere la gara del salto triplo la più grande gara di triplo maschile della storia dei mondiali giovanile.Il saltatore romano, che aveva già portato ilsuo personale da 14.83 a 15.63, si è migliorato ancora nella finale con 15.71 che gli vale il quinto posto in una gara dai contenuti tecnici mostruosi. In Italia solo un certo Andrew Howe ha fatto meglio di Forte a livello allievi. Forte supera persino Paolo Camossi nelle liste italiane under 18 di categoria. 
Il cubano Lazaro Martinez ha rinnovato la tradizione del paese caraibico trionfando con uno strepitoso 16.63(record dei campionati eguagliato)  davanti al cinese Fang Yanqing, già argento nel lungo (16.48) e al tedesco Dimitri Antonov (16.02).
di Diego Sampaolo

Il saltatore in alto toscano Filippo Lari ha concluso la sua bellissima avventura con un undicesimo posto con la misura di 2.02 nella finale del salto in alto

Nelle semifinali dei 200 metri Micaela Moroni ha eguagliato il record personale correndo in 24”56.
La staffetta mista femminile (Spadotto Scott, Rega, Mangione, Bellò) si è guadagnato un posto nella finale di Domenica dopo le squalifiche di Giamaica e Nigeria.

La lombrada Giulia Sportoletti ha riportato in auge il settore delle prove multiple con un buon decimo posto con 5358 punti grazie ad un ottimo finale (personale nel giavellotto 41.53 m e personale nei 1000 metri di 2’21”70). Lucia Quaglieri si è classificata ventiduesima con 4946 punti. La tedesca Celina Leffier ha vinto con il nuovo record mondiale di 5747 punti davanti alla svedese Emma Stenlof (5590 punti) e alla tedesca Louisa Grauvogel (5581 punti). La favorita Morgan Lake, che aveva saltato 1.90 nell’alto, incappa in una brutta gara di lungo e si ritira prima degli 800 metri. 

Nelle finali del mezzofondo spicca il successo del keniano Alfred Kipketer in 1’48”01 (dopo un passaggio pazzesco in 48”68 ! meglio di David Rudisha nella finale olimpica) ma deve resistere nel secondo giro per avere la meglio sul russo Konstantin Tolonnikov (1’48”29) e sul britannico Kyle Langford (1’48”32). L’Etiopia ha centrato la doppietta nei 1500 femminile con Tigist Gashaw vincitrice in 4’14”25 davanti a Dawit Seyaum (4’15”51).

La Giamaica ha conquistato il terzo successo nella specialità degli ostacoli vincendo anche sul giro di pista con barriere con Marvin Williams che ha trionfato con il record nazionale allievi di 50”30 davanti al cinese Wang Yan (50”78) e allo statunitense Kenneth Silmon (51”30). L’analoga gara femminie è stata vinta dalla sudafricana Helena Swanepoel in 58”08 davanti a Tia Adana Belle (58”42). 

L’Ungheria ha centrato la doppietta nel martello femminile nel solco della tradizione di questa specialità con l’oro andato a Reka Gyuratz (73.20) davanti a Helga Volgiy (71.95).
La venezuelana Robilys Peinado ha riportato il paese sudamericano sul podio di questa manifestazione vincendo l’asta con 4.25 otto anni dopo l’argento della connazionale Keisa Monterola a Marrakesh 2005. L’australiano Matthew Denny ha riscattato il bronzo nel martello dove era grande favorito vincendo il disco con la misura di 67.54 m. Il titolo del salto in alto è andato in Corea del Sud grazie al successo di Woo Sangweook con la misura di 2.20m.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
STELVIO MARATHON SOGNA IN GRANDE PERCORSO GIÀ SEGNALATO E TESTABILE!
DOMENICA 29 OTTOBRE C’E’ LA MEZZA MARATONA D’ITALIA A IMOLA
BRESCIA ART MARATHON 2018: 31 OTTOBRE…ATTENZIONE AL CAMBIO QUOTA!
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE