DIAMOND LEAGUE: BOLT E JAMES INFIAMMANO PARIGI

Usain Bolt e Warren Weir a Parigi (Fonte Organizzatori)

Usain Bolt ha infiammato la magica notte dello Stade de France correndo in un fantastico 19”73, record del meeting e migliore prestazione mondiale dell’anno. Il connazionale e compagno di allenamenti Warren Weir ha tenuto testa a Bolt fino all’ingresso del rettilineo finale e non ha sfiguarto affatto chiudendo in 19”92. Christophe Lemaitre ha infiammato gli oltre 50000 spettatori dello Stade de France con un probante 20”07 che ha migliorato il suo record stagionale di un decimo di secondo. Il francese ha preceduto i due fortissimi giamaicani Jason Young (20”12) e Nickel Ashmeade (20”12). Jimmy Vicaut ha ottenuto l’obiettivo del minimo per Mosca correndo in 20”30.  

“Amo correre a Parigi. E’ sempre meraviglioso essere qui davanti ad un grandssimo pubblico. Devo lavorare ancora su qualche errore. Il mio allenatore mi dirà su quali aspetti dovrò ancora migliorare”, ha dichiarato Bolt.
di Diego Sampaolo

Bolt è stato il mattatore del meeting. Ha portato 10000 persone in più allo Stade de France rispetto all’anno scorso. Ha dato spettacolo quando è stato presentato al pubblico di Parigi accompagnato dalla musica di Superman. Parigi è stata tappezzata di manifesti raffiguranti Bolt, Lavillenie e Lemaitre nelle vesti di Supermen dell’atletica.

Oltre al 19″73 di Bolt con il quale ha migliorato di un centesimo di secondo il primato mondiale stagionale di Tyson Gay, Parigi ha regalato altre tre migliori prestazioni mondiali dell’anno di Kirani James, 43″96 sui 400, Ezekiel Kemboi 7’59″13 sui 3000 siepi e di Tirunesh Dibaba, 14’23″68 sui 5000 metri oltre al record del meeting di Renaud Lavillenie, 5.92 nel salto con l’asta. 
400 metri maschili: SECONDO TEMPO IN CARRIERA PER JAMES: La sfida tra il campione olimpico e mondiale Kirani James e la medaglia d’oro olimpica di Pechino Lashawn Merritt ha visto il primo meno 44 secondi della stagione. James ha fermato il cronometro in 43”96 sfiorando di due centesimi di secondo il record personale stabilito in occasione della vittoria olimpica di Londra. Eccellente prestazione anche per Merritt che ha fermato il cronometro in 44”09.
“Rispetto alle gare precedenti ho corso meglio i primi 200 metri. Bisogna sempre prestare attenzione ad atleti come Lashawn. Prima di Mosca correrò ancora una gara a Mosca”, ha detto James
.
3000 siepi maschili: RECORD EUROPEO DI MEKHISSI BENABBAD: Il muro degli 8 minuti è crollato per la prima volta in  questa stagione al termine di una gara stupenda che ha visto il campione olimpico e mondiale Ezekiel Kemboi trionfare in 7’59”03, migliore prestazione mondiale dell’anno. Il francese Mahiedine Mekhissi Benabbad ha stabilito il record europeo con 8’00”09 strappandolo al connazionale Bouabdallah Tahri che aveva corso in 8’01”18 in occasione della medaglia di bronzo ai Mondiali di Berlino 2009.
Benabbad ha infiammato il pubblico dello Stade de France quando ha lanciato l’attacco ad un giro dalla fine ma Kemboi lo ha superato a 250 metri dalla fine involandosi verso la vittoria.  
“Volevo correre sotto gli 8 minuti in questa stagione e ci sono riuscito. Il prossimo obiettivo è vincere i Mondiali. Poi punterò a correre un’altra gara veloce a Zurigo ma non penso di poter battere il record del mondo quest’anno. E’ l’anno dei mondiali. Forse l’anno prossimo ma il mio obiettivo futuro è correre la maratona”, ha detto Kemboi
100 metri femminili: FRASER PER UN CENTESIMO SU OKAGBARE: Shelly Ann Fraser ha vinto per appena un centesimo di secondo in 10”92 sulla nigeriana Blessing Okagbare in un serratissimo finale. Da sottolineare il ruolino recente di Blessing Okagbare che nell’ultima stagione ha vinto i 200 a Birmingham, il lungo a Losanna ed è arrivato secondo sui 100 a Parigi. Ai recenti Campionati nigeriani ha vinto tre titoli sui 100,sui 200 e nel lungo. Grazie a questa vittoria la Fraser ha preso la testa della Diamond Race. L’ivoriana Murielle Ahouré ha chiuso al rezo posto in 11”01, nuovo record stagionale.
“Non è stata la mia migliore gaar dal punto di vista tecnico ma sono riuscita a vincere. Non ho visto arrivare Blessing. Ho pensato solo a correre la mia gara. Doppierò a Mosca. Ora tornoad allenarmi a Lignano Sabbiadoro”, ha detto la Fraser.
Salto con l’asta maschile: RECORD DEL MEETING PER LAVILLENIE: Renaud Lavillenie ha prontamente riscattato i tre nulli di Losanna vincendo con il nuovo record del meeting di 5.92 m. Il campione olimpico francese è stato autore di una gara perfetta nella quale ha superato tutte le misure a 5.60, 5.77, 5.82 e 5.92 sempre al primo tentativo.
“Oggi è stata una gara perfetta. Ho vinto con il record del meeting e sono di nuovo in testa alla Diamond Race. Ne avevo bisogno dopo la brutta gara di Losanna”, ha dichiarato Lavillenie.  
110 ostacoli: MERRITT 13″09 MA BRILLA MARTINOT LAGARDE: Il primatista mondiale e campione olimpico Aries Merritt è tornato a vincere dopo alcuni problemi fisici in 13”09 ma a stupire è il giovane francese Pascal Martinot Lagarde che polverizza il suo record personale correndo in 13”12 (secondo tempo francese della storia) precedendo di un centesimo di secondo David Oliver (vincitore a Losanna con 13”03, migliore prestazione mondiale dell’anno). Seguono in classifica Andrew Riley e Ryan Brathwaite con 13”14. Da sottolineare anche la prestazione eccellente di Thomas martinot Lagarde (fratello di Pascal) che ha centrato il minimo per i Mondiali di Mosca correndo in 13”26.  
“Voglio continuare a migliorarmi in ogni gara. La cosa importante è che non sento più dolori. Sono all’85% della mia forma rispetto all’anno scorso. Devo ancora lavorare sul finale di gara. Prima di Mosca gareggerò ancora a Londra”, ha detto Merritt.
5000 metri femminili: DIBABA REGALE: La pista dello stade de France ha portato ancora una volta fortuna a Tirunesh Dibaba che 10 anni fa si laureò campionessa mondiale sui 5000 proprio allo Stade de France.

La tre volte campionessa olimpica ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno correndo in 14’23”68. Con questo tempo la Dibaba ha stabilito inoltre il record del meeting e la settima prestazione all-time. La lepre statunitense Gabriele Anderson ha impostato la gaar su ritmi veloci passando ai 2000 in 5’45”20. Quando la lepre si è fermata, sono rimaste Tirunesh Dibaba, Almaz Ayana e Gelete Burka che sono passate ai 3000 in un velocissimo 8’40”53. Dibaba ha preso la testa a tre giri dalla fine tallonata da Almaz Ayana. A 300 metri dalla fine la Dibaba ha piazzato l’allungo decisivo. Ayana, più conosciuta come specialista dei 3000 siepi, ha corso la gara più veloce della sua carriera in 14’25”84 

Salto in alto femminile: CHICHEROVA OLTRE I 2 METRI: Anna Chicherova è tornata a superare i 2 metri al termine di una gara quasi perfetta nella quale ha sbagliato solo un tentativo a 1.98 dopo tre salti perfetti a 1.85, 1,89 e 1.95. La statunitense Brigetta Barrett ha avuto un’esitazione sia a 1.89 sia a 1.92 prima di superare 1.95 e 1.98 alla prima prova. Blanka Vlasic è perfetta fino a 1.95 ma ha bisogno di due tentativi a 1.98. L’unica a superare (al primo tentativo) i 2.01 è stata la Chicherova.
“Sono contenta di essere riuscita a vincere e a superare ancora i 2 metri dopo la brutta gara di Oslo. Devo ancora risolvere alcuni aspetti tecnici prima dei Mondiali. Prima gareggero a Montecarlo e ai Campionati Russi”, ha detto Chicherova

400 ostacoli: HEJNOVA ANCORA DOMINATRICE: Zuzana Hejnova si è confermata ancora una volta la migliore al mondo in questa stagione vincendo in 53”23, nuovo record nazionale. Ottima prestazione della britannica Perri Shakes Drayton, seconda con 53”96, suo secondo crono sotto i 54 secondi in una settimana dopo il 53”82 di Birmingham. Georganne Moline, quinta alle Olimpiadi di Londra, ha chiuso in terza posizione con 54”19 davanti alla ceca Denisa Rosolova, che ha migliorato il suo personale stagionale con 54”38.

800 metri femminili: NYONSABA SEMPRE PIU’ LEADER: Francine Nyonsaba ha consolidato la sua leadership stagionale in Diamond League vincendo a Parigi in 1’57”26 battendo con una progressione vincente sul rettilineo finale la marocchina Malika Akkaoui che con 1’57”64 ha polverizzato il suo record personale. Sotto il muro dell’1’58” anche la statunitense Alisya Montano, terza in 1’57”75.

1500 metri maschili: SOULEIMAN PRIMO: Il giovane talento di Gibuti Ayanleh Souleiman ha confermato il suo ottimo momento di forma vincendo i 1500 metri in 3’32”55, nuovo record stagionale. L’etiope Aman Wote ha stabilito il suo record personale correndo in 3’32”65.

Lancio del peso femminile: ADAMS UNICA OLTRE I 20 METRI: Valerie Adams ha dominato la gara con tre lanci oltre i 20 metri (20.12 -20.60 – 20.62 oltre a tre nulli). La primatista e campionessa statunitense Michelle Carter si è classificata seconda con 19.57 al terzo tentativo.

Lancio del disco maschile: HARTING OLTRE I 67 METRI: Robert Harting si è imposto con 67.04 al quinto tentativo ma anche il secondo miglior lancio di 66.80 al terzo tentativo di 66.80 sarebbe stato sufficiente per battere l’iraniano Ehsan Hadadi (65.53). terzo posto per il campione olimpico di Pechino 2008 Gerd Kanter con 65.30 al quarto tentativo

Lancio del giavellotto femminile: QUARTO SUCCESSO DI OBERGFOLL IN DIAMOND LEAGUE: Christina Obergfoll ha collezionato il quarto successo stagionale in Diamond League. Alla tedesca è bastato un primo lancio di 64.74 al primo tentativo per battere l’australiana Kimberley Mickle che all’ultimo tentativo ha realizzato il primato personale di 64.35. La Obergfoll volerà domani mattina in Germania per disputare i Campionati tedeschi di Ulm.

Salto triplo femminile: La colombiana Catherine Ibarguen ha conquistato il successo con la misura di 14.69 (nonostante un vento contrario di -1.3 m/s) superando l’israeliana  Hanna Kinyazheva (quarta alle Olimpiadi di Londra con la maglia dell’Ucraina) che si era portata in testa con il record nazionale di 14.58.

Salto in lungo maschile: Il giamaicano Damar Forbes si è aggiudicato il lungo con 8.11 battendo di tre centimetri Chris Tomlinson. Terzo Louis Tsatoumas con 8.02. 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
ANNA E LA SUA MARATONA DI VENEZIA: 42K DA CORRERE CON IL SORRISO
ALLA SCOPERTA DELLA LUCCAMARATHON 2017
2 MESI ALLA MARATONA DI PISA: SCOPRIAMO I PROGETTI CHARITY
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE