TYSON GAY PIU’ VELOCE DI BOLT NEL 2013:19″74 AI TRIALS USA

L’ultima giornata dei Campionati Statunitensi di Des Moines è stata ricchissima di grandi risultati. A cominciare dal fantastico 19”74 di Tyson Gay nella finale dei 200 metri davanti a Isiah Young e Curtis Mitchell, a loro volta scesi sotto il muro dei 20 secondi con 19”86 e 19”99. Gay ha migliorato di cinque centesimi il tempo più veloce dell’anno di Usain Bolt (19”79) stabilito in una giornata fredda al meeting di Oslo.

di Diego Sampaolo

Gay ha confermato il suo straordinario momento di forma due giorni dopo aver vinto i 100 metri in 9”75 in finale dopo aver realizzato lo stesso tempo anche se con vento irregolare in semifinale. Sui 200 metri la freccia del Kentucky non correva così velocemente dal 2010 quando vinse al meeting di Montecarlo in 19”72. Gay gareggerà prossimamente a Losanna il 4 Luglio sui 100 metri e a Montecarlo il 19 Luglio sui 200 metri.
Una grande sorpresa si è materializzata sui 200 metri femminili dove la campionessa NCAA Kimberley Duncan ha battuto per cinque centesimi di secondo la campionessa olimpica Allyson Felix in un eccellente 21”80 con vento a favore irregolare (+3.2 m/s).
La primatista del mondo indoor Jennifer Suhr ha vinto il salto con l’asta con 4.70. Nel peso maschile il campione del mondo indoor Ryan Whiting ha superato la barriera dei 22 metri con un lancio da 22.11m, non lontano dal personale stagionale di 22.28 realizzato al meeting di Doha. Secondo posto per il bronzo olimpico Reese Hoffa con 21.34. 
Sorpresa nei 110 ostacoli dove Ryan Wilson ha conquistato il primo posto in un ottimo 13”08 davanti a David Oliver (13”11) e al primatista del mondo Aries Merritt (13”23). Jason Richardson si è dovuto accontentare del quarto posto in 13”24 ma farà parte della squadra per i Mondiali di Mosca grazie alla wild-card avendo vinto il titolo mondiale a Daegu.

Grandi prestazioni cronometriche negli 800 metri. Duane Solomon, quarto alle Olimpiadi di Londra, ha conquistato il successo nella gara maschile con ben tre uomini sotto il muro dell’1’44” in 1’43”27 davanti all’altro finalista olimpico Nicholas Symmonds (1’43”70) e Brandon Johnson (1’43”97).Nella gara femminile Alysia Montano si è imposta in 1’58”67 davanti a Brenda Martinez (1’58”78) e alla campionessa mondiale juniores Ajee Wilson,per la prima volta in carriera sotto il muro dei 2 minuti con 1’59”55.

Dalilah Muhamad, campionessa mondiale da allieva nel 2007, ha vinto i 400 ostacoli femminili in 53″83 battendo la finalista olimpica Georganne Moline, anche lei scesa sotto i 54 secondi con 53″88. Terzo posto per Catherine Spence in 54″56. La Muhamad ha iniziato la stagione con un personale di 56″04 e si é messa in luce anche in Italia vincendo al Memorial Primo Nebiolo di Torino. Si allena sotto la guida di Yolanda Demus, mamma di Lashinda Demus che gareggerò a Mosca grazie alla wild card come campionessa mondiale di Daegu.

Bernard Lagat ha vinto un lentissimo 5000 metri davanti a Galen Rupp in 14’54″16, tempo da gara femminile. Jennifer Simpson, campionessa mondiale a Daegu, si é imposta sui 5000 metri in 15’33″07. 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Hoka One One e Ironman, partnership estesa ad Europa e Nord America
VENICE NIGHT TRAIL, UN’EDIZIONE DA RECORD
Tutti i risultati delle gare firmate da TDS il 21 e 22 aprile
Abbigliamento Accessori Calzature
Tutto sulle nuove adidas UltraBOOST e UltraBOOST X
Correre con il passeggino? Ora è ancora più facile
Da 1 a 21… Ecco la nuova Mizuno Wave Rider