LE STELLE INTERNAZIONALI DELL’EUROPEO PER NAZIONI



Saranno tantissime le sfide di Gateshead 2013 da seguire in ambito internazionale a cominciare dal salto con l’asta con il francese Renaud Lavillenie e il tedesco Bjorn Otto. 
di Diego Sampaolo

Lavillenie ha vinto tutti i duelli più importanti con il trentacinquenne tedesco nelle ultime due stagioni (Europei Outdoor di Helsinki, Olimpiadi di Londra, Europei Indoor di Goteborg) e lo ha battuto in occasione del meeting di Eugene dove ha realizzato la migliore prestazione mondiale dell’anno di 5.95m. Al Golden Gala Lavillenie ha preceduto Otto ma ha perso da un altro tedesco Raphael Holzdeppe. Lavillenie vinse la prima edizione di questa rassegna continentale a Leiria superando per la prima volta in carriera i 6 metri con 6.01 m. Da seguire anche il greco Konstantinos Filippidis che in questa stagione si è migliorato portando il primato nazionale a 5.82 outdoor e a 5.83 indoor.

L’attesa del pubblico britannico sarà tutta per il due volte campione olimpico dei 5000 e dei 10000 metri Mo Farah che in questa stagione ha corso solo un 5000 in Diamond League a Eugene dove ha chiuso in seconda posizione in 13’05”88. Farah sarà strafavorito contro il nostro Meucci, lo spagnolo Bezabeh (13’14”91 al recente meeting di Huelva) e il tedesco Arne Gabius, bronzo agli Europei di Helsinki sui 5000 metri.

Un’altra stella della formazione britannica sarà la campionessa europea indoor dei 400 metri Perry Shakes Drayton, grande specialista dei 400 ostacoli che sarà in gara sulla distanza piana sulla quale ha corso in 50”85  a Goteborg in occasione del titolo continentale in sala. Settimana scorsa Shakes Drayton ha corso in un ottimo 54”03 sui 400 ostacoli al meeting di Oslo. L’Italia schiera la primatista italiana Libania Grenot che doppierà 200 (dopo il forfeit di Gloria Hooper) e 400 metri.

In gara ci saranno due atleti che hanno vinto tutte le tre edizioni precedenti edizioni di questa manifestazione. Si tratta del campione del mondo dei 400 ostacoli David Greene e della giavellottista tedesca Chritina Obergfoll.

Greene, campione del mondo a Daegu e quarto alle Olimpiadi di Londra, ha vinto nel 2009 a Leiria in 49”26, in 49”53 nel 2010 a Bergen e in 49”21 nel 2011 a Stoccolma. In questa stagione ha corso al Golden Gala dove ha realizzato il suo personale stagionale di 48”81.

Il giavellotto femminile vivrà sull’attesisissimo duello tra la Obergfoll, medaglia d’argento alle Olimpiadi di Londra e cinque volte medagliata nelle grandi manifestazioni internazionali, e la russa Mariya Abakumova, campionessa del mondo a Daegu 2011 e vice campionessa olimpica a Pechino 2008. La Obergfoll ha vinto le prime tre edizioni di questa manifestazione a Leiria 2009 con 68.59 (battendo proprio la Abakumova che in quell’occasione fu terza con 62.01), a Bergen 2010 con 59.88m (con Abakumova ancora terza) e Stoccolma 2011 con 66.22m. La Obergfoll è partita alla grande in questa stagione vincendo tre tappe della Diamond League a New York (65.33), Eugene (67.70) e a Roma (66.45). La Abakumova detiene la migliore misura dell’anno con 69.34 m. Proverà a insidiare le due migliori della stagione l’ucraina Vera Rebryk che ha vinto il titolo europeo a Helsinki 2012 battendo la Obergfoll.

Il giavellotto maschile avrà come protagonisti il due volte campione olimpico Andreas Thorkildsen che in questa stagione ha avuto alti e bassi ma recentemente ha lanciato l’attrezzo a 84.64. Gli avversari più pericolosi per il norvegese saranno il russo Dimitri Darabin e il turco Tarih Avan

I concorsi offriranno le gare di maggiore spessore tecnico della manifestazione. Una delle gare più avvincenti sarà quella del disco maschile dove si ritroveranno di fronte il polacco Piotr Malachowski, campione europeo a Barcellona 2010, e il tedesco Robert Harting, campione olimpico, mondiale e europeo in carica nel corso delle ultime due stagioni. Nell’ultima sfida stagionale a Hengelo Malachowski è diventato il quinto atleta della storia con 71.84 battendo proprio Harting che ha perso la striscia di imbattibilità che resisteva da 35 gare consecutive pur realizzando un lancio da 69.91 m.

Il peso maschile vivrà sull’ennesimo capitolo del duello tra il polacco Tomas Majewski, due volte campione olimpico a Pechino e a Londra) e il tedesco David Storl, campione del mondo a Daegu. Storl ha vinto al Golden Gala con 20.70, mentre Majewski si è ripreso dopo un inizio di stagione difficile con un lancio di 20.89m a Szczezin in Polonia settimana scorsa.  Christina Schwanitz, vincitrice nelle tappe della Diamoond League di Shanghai e Oslo con lanci oltre i 20 metri, é la grande favorita del peso femminile che avrà tra le protagoniste anche la nostra Chiara Rosa. 

Sarà sfida tra Germania e Polonia anche nel martello femminile dove si sfideranno la tedesca Betty Heidler, campionessa del mondo a Osaka 2007 e primatista del mondo con 79.42m, e la polacca Anita Wlodarczyk, iridata a Berlino 2009. Heidler ha vinto l’ultimo duello con la Wlodarczyk settimana scorsa nella tappa del Challenge IAAF del martello in Polonia con 76.48, migliore prestazione mondiale dell’anno.

Molto interessanti si preannunciano il salto con l’asta femminile e il salto in lungo maschile. Nell’asta i fari saranno puntati sulla britannica Holly Bleasdale,campionessa europea indoor a Goteborg e primatista nazionale indoor con 4.87, sulla tedesca Silke Spiegelburg, vincitrice dell’ultima tappa della Diamond League a Oslo con 4.65 e sulla polacca Anna Rogowska, campionessa mondiale a Berlino 2009 e argento a Goteborg perdendo dopo lo spareggio contro la Bleasdale.

Degna di una finale di un Campionato Europeo sarà la gara dellungo maschile che presenta il campione europeo indoor Aleksander Menkov, primatista mondiale stagionale con 8.39, il campione olimpico Greg Rutherford (8.22 a Eugene in questa stagione), il campione europeo di Barcellona 2010 Christian Reif (8.27 in questa stagione) e lo spagnolo Eusebio Caceres (8.22 a Rabat e 8.20 a Dakar nel 2013).  

L’Ucraina potrà contare su una squadra molto forte alivello femminile. Una delle stelle della formazione ucraina sarà la campionessa mondiale Olha Saladukha che ha vinto il titolo europeo indoor a Goteborg con 14.88.
La Russia si presenta con una squadra come sempre forte anche se priva di alcune punte come Yelena Isinbayeva (tornerà a Ostrava) e Anna Chicherova ma potrà contare sull’astro nascente dei 110 ostacoli Sergey Shubenkov che nel corso delle ultime due stagioni ha vinto il titolo europeo under 23, quello assoluto all’aperto a Helsinki e quello indoor a Goteborg. Shubenkov, figlio d’arte di Natalya Shubenkova (quarta alle Olimpiadi di Seul 1988 nell’eptathlon) dovrà vedersela con il giovane francese Pascal Martinor Lagarde, campione del mondo juniores a Moncton 2010 e bronzo ai Mondiali Indoor di Istanbul 2012 e agli Europei Indoor di Goteborg 2013. Della partita sarà anche l’azzurro Emanuele Abate, che ha migliorato il suo personale stagionale correndo in 13”51 al Galà dei Castelli di Bellinzona.
Nella storia della manifestazione iniziata con Leiria 2009 la Russia si è aggiudicata la manifestazione due volte nel 2010 a Bergen e nel 2011 a Stoccolma dopo il trionfo nell’edizione inaugurale della Germania a Leiria 2009. I russi sembrano favoriti ma dovranno prestare attenzione ai padroni di casa della Gran Bretagna e alla Germania.
Gateshead torna ad ospitare la grande atletica tre anni dopo l’ultimo meeting della Diamond League trasferito a Birmingham. La pista della città britannica è nota ai fans di atletica per il primato del mondo dei 3000 metri di Brendan Foster che corse in 7’35”2 nel 1973.
Gateshead ha ospitato l’edizione del 1989 della Coppa Europa Bruno Zauli vinta in quell’occasione dai padroni di casa della Gran Bretagna grazie ai successi di Colin Jackson nei 110 ostacoli, di Kriss Akabusi nei 400 ostacoli e di Steve Backley nel giavellotto.  
Nel 2006 la pista di Gateshead ha ospitato il record del mondo eguagliato dei 100 metri di Asafa Powell che in quell’occasione coprì la distanza in 9”77

Lascia un commento

Freelifenergy
Periodizzazione dell’allenamento e gestione del periodo di off season, anche nell’alimentazione: ecco cosa devi sapere!
Lo sport è scienza con equipeenervit.com
I vantaggi della capillarizzazione nello sport
#pastaparty
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video