INAUGURAZIONE DEL MONUMENTO “ALBO D’ORO” DEL GIRO DEL LAGO DI RESIA

Sabato 1° giugno 2013 a Curon davanti allo storico campanile del Lago di Resia è stato inaugurato il monumento “Albo D’oro” voluto e pensato dall’organizzazione dell’evento i Runnersclub Vinschgau e il direttore tecnico Gerald Burger.
Il Giro del Lago di Resia oltre ad essere una delle gare più belle d’Italia è anche la gara podistica più numerosa dell’Alto Adige con i suoi oltre 3000 partecipanti dell’edizione 2012.

Su idea di Gerald Burger e creato dal pittore Plangger Gabriel socio del Runnerclub Vinschgau e maratoneta, in onore di questa manifestazione podistica è stato creato questo speciale monumento,  sponsorizzato e costruito dagli artigiani della zona, composto da tre colonne in marmo di Lasa, un tipo di marmo pregiato e conosciuto in tutto il mondo, sopra delle quali è posto il simbolo di un podista che gira su di un anello, simbolo del lago di Resia che misura 15,3 km.
Su una delle tre colonne di marmo sono stati elencati tutti i vincitori delle 13 edizioni come Giovanni Gualdi, Achmuller, Marco Mazza, Francesca  Zanusso, Renate Rungger e molti altri.
Sulla colonna centrale invece è raccontata la storia della prima edizione avvenuta nell’anno 2000 con i suoi 158 partecipanti fino alla 13° edizione del 2012 con i suoi più di 3000 partecipanti.
Il monumento è stato posto davanti allo spettacolare campanile nel lago, luogo fra i più frequentati e fotografati dai turisti che da Sabato avranno qualcosa in più da ammirare.

L’appuntamento è a questo punto con una grandissima edizione e con un nuovo nominativo da aggiungere sul monumento dell’Albo d’oro per sabato 3 Agosto 2013. 

Lascia un commento

Freelifenergy
Carbo load: tra verità e leggenda
Marco Zanchi e Franco Zanotti: Team Freelifenergy per la Monza-Montevecchia EcoTrail
KARBO GEL è la novità di Freelifenergy
#pastaparty
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!
Come alimentarsi durante la preparazione ad un evento sportivo
Il video della Milano Marathon: riviviamo le emozioni in 1 minuto